Covid: il Covid-19 può aumentare il rischio di infarto nell’anno successivo all’infezione

Il virus Covid ha consumato la vita delle persone in un modo che ricorda i tempi della guerra. Lo stato è diventato gonfio a causa delle misure di chiusura e c’è un desiderio di ripristinare le libertà. Sebbene si sia tentati di vedere il Covid come un semplice inconveniente, le prove suggeriscono che sarebbe saggio prenderlo più sul serio.

Questo perché gli effetti del virus possono essere devastanti diversi mesi dopo l’infezione iniziale.

Nuovo servizio pubblicato sulla rivista temperare la natura Riassume le prove attuali sul rischio di malattie cardiovascolari dopo l’infezione da COVID-19.

L’articolo della rivista ne cita uno studiapubblicato all’inizio di quest’anno, che ha utilizzato i dati del Dipartimento per gli affari dei veterani (VA) degli Stati Uniti per stimare la frequenza con cui il COVID-19 porta a problemi cardiovascolari.

Hanno scoperto che le persone che hanno contratto la malattia avevano un rischio significativamente maggiore di 20 condizioni cardiovascolari – inclusi problemi potenzialmente catastrofici come infarti e ictus – nell’anno successivo all’infezione da coronavirus.

Leggi di più: Hai preso il Covid? Potresti essere a rischio tre volte maggiore di deterioramento permanente – nuovo studio

I ricercatori affermano che questa complicanza può verificarsi anche in persone che sembrano essersi completamente riprese da una “lieve infezione”.

L’articolo di Nature affermava: “I medici hanno segnalato problemi cardiovascolari associati a COVID-19 durante la pandemia, ma le preoccupazioni su questo problema sono aumentate dopo che i risultati dello studio VA sono stati pubblicati all’inizio di quest’anno”.

L’analisi del dottor Ziyad Al-Aly, epidemiologo della Washington University di St. Louis, Missouri, e colleghi è uno degli sforzi più completi per descrivere cosa accade al cuore e al sistema circolatorio dopo la fase acuta del COVID-19.

READ  Le viste di Venere dalla sonda solare della NASA mostrano il potenziale degli strumenti scientifici per l'escursionismo

I ricercatori hanno confrontato più di 150.000 veterani che si erano ripresi da COVID-19 grave con i loro coetanei non infetti, nonché con un gruppo di controllo pre-pandemia.

non perdere
Vivi più a lungo: una bevanda dorata per abbassare il colesterolo e la glicemia [TIPS]
Sintomi del cancro: il segno “improvviso” che compare al mattino [ADVICE]
Anne Margaret: La caduta “devastante” di Elvis Presley [INSIGHT]

Le persone che sono state ricoverate in terapia intensiva con infezioni acute avevano un rischio maggiore di sviluppare malattie cardiovascolari nel corso dell’anno successivo.

In alcune condizioni, come gonfiore del cuore e coaguli di sangue nei polmoni, il rischio era almeno 20 volte maggiore rispetto ai coetanei non affetti.

Ma anche le persone che non erano state ricoverate in ospedale avevano un rischio maggiore di diverse condizioni, che andavano da un aumento dell’8% del tasso di attacchi di cuore a un aumento del 247% del tasso di cardite.

Per il dottor Al-Ali, lo studio ha aggiunto al crescente corpo di prove che un attacco di COVID-19 può alterare in modo permanente la salute di alcune persone. Questi tipi di cambiamento rientrano nella categoria delle sequele post-acute di COVID-19, che copre i problemi che sorgono dopo un’infezione iniziale.

Per saperne di più: Covid: il professore condivide i sintomi “dolorosi” della mano “molte settimane” dopo l’infezione

Questo disturbo include – e si sovrappone – alla condizione persistente nota come Long Covid, termine che ha molte definizioni.

“Gli studi dimostrano che il coronavirus è collegato a un’ampia gamma di problemi cronici, come il diabete, il danno polmonare persistente e persino il danno cerebrale”, afferma l’articolo di Nature.

READ  Dimensioni del cervello rispetto alle dimensioni del corpo e le radici dell'intelligenza

Come per questi casi, il dottor Al-Ali ha affermato che i problemi cardiovascolari che si verificano dopo l’infezione da virus Covid possono ridurre la qualità della vita di una persona a lungo termine.

Ha aggiunto che ci sono trattamenti per questi problemi, “ma non sono condizioni curabili”.

Nonostante le sue grandi dimensioni, lo studio VA viene fornito con avvertimenti, affermano i ricercatori.

Lo studio è osservazionale, il che significa che riutilizza i dati raccolti per altri scopi, un metodo che può portare a pregiudizi.

Ad esempio, lo studio considera solo i veterani, il che significa che i dati sono distorti verso gli uomini bianchi.

“Non abbiamo davvero nessuno studio come quello che esamina una popolazione molto più giovane e diversificata”, ha affermato Eric Topol, un genomista presso Scripps Research a La Jolla, in California.

Ha aggiunto che sono necessarie ulteriori ricerche prima che gli scienziati possano determinare la frequenza con cui si verificano problemi cardiovascolari.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post Il Real sconfigge l’Eintracht e conquista la quinta vittoria in Supercoppa Europea, pari a record | calcio
Next Post Dal centro del potere in Europa all’anello debole: l’economia tedesca vacilla