COVID-19: i ricercatori stanno studiando l’effetto a lungo termine del primo ciclo di infezione sull’olfatto

Ricercatori presso Svezia Cercando di saperne di più sull’impatto a lungo termine della prima ondata di COVID-19 L’infezione ha infettato le persone che hanno perso l’olfatto quando hanno appreso per la prima volta di avere il virus.

Gli scienziati del Karolinska Institutet di Stoccolma hanno studiato 100 persone che hanno contratto il virus nel 2020 e hanno scoperto che quasi la metà aveva un certo livello di distorsione dell’olfatto, 18 mesi dopo la guarigione. Lo ha riferito il Guardian.

Una donna viene testata su un camion mobile per il test COVID-19 sulla 14th Street a Manhattan il 4 gennaio 2022 a New York City.
(Servizio di notizie Liao Pan/Cina tramite Getty Images)

Circa il 4% non ha riacquistato l’odore e circa un terzo ha affermato di aver perso la capacità di distinguere gli odori. Il rapporto ha sottolineato che la maggior parte di coloro che hanno un senso dell’olfatto distorto non si è resa conto del problema fino a quando lo studio non è stato condotto.

Clicca qui per le ultime notizie sull’epidemia di coronavirus

Un pedone passa attraverso un cartello immobiliare nel Merritt Building nel centro di Los Angeles, California, mercoledì 5 gennaio 2022.

Un pedone passa attraverso un cartello immobiliare nel Merritt Building nel centro di Los Angeles, California, mercoledì 5 gennaio 2022.
(Beng Guan/Bloomberg tramite Getty Images)

Per la maggior parte delle persone, i problemi con l’olfatto sono temporanei e spesso migliorano da soli in poche settimane. Ma una piccola minoranza si lamenta di disfunzioni persistenti molto tempo dopo che altri sintomi di COVID-19 sono scomparsi.

Lo dice il rapporto del Guardian Ricerca Non è stato sottoposto a revisione paritaria, ma circa il 65% delle persone guarite ha mostrato effetti a lungo termine sul senso dell’olfatto.

Scarica l’app FOX News

“Guardando la quantità di tempo da allora [the] Per un iniziale insulto al sistema olfattivo, i ricercatori hanno affermato che, secondo il documento, è probabile che i problemi olfattivi siano permanenti”.

L’Associated Press ha contribuito a questo rapporto

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post Il frizzante tennis Sener rafforza l’orgoglio italiano agli Australian Open
Next Post Nayara Azevedo pronuncia e minaccia di lasciare BBB 22: ‘Non sono pronta per vivere questo’