Covid-19: i migliori esperti di virus e vaccini in India e cosa ci aspetta: The Tribune India

Parlando con le principali menti scientifiche dell’India Aditi Tandon Su cosa si sarebbe potuto fare e cosa deve essere fatto dopo

Una donna si fa un selfie mentre riceve la sua dose di vaccino Covid-19 a Praiaragaj.
Un medico in un laboratorio di sequenziamento del genoma in un aeroporto di Nuova Delhi.

VK Paul Membro (Salute), NITI Aayog e Presidente del National Expert Team for Covid-19 Vaccine Management.

La seconda ondata di Covid è stata dolorosa. Un terzo si profila all’orizzonte?

Stiamo ancora imparando le dinamiche di SARS-CoV-2. Abbiamo visto in più aree geografiche che un’epidemia arriva a ondate perché una parte della popolazione, non rilevata, rimane vulnerabile e il virus può attaccare questa popolazione e creare una nuova epidemia. La possibilità di una terza ondata in futuro non può essere esclusa. Tuttavia, se tutti praticassero un comportamento appropriato per il virus Covid a livello globale, ci sarebbe un perfetto contenimento e un’escalation della copertura vaccinale, e la probabilità della terza ondata sarebbe diminuita. Tecnicamente, con i migliori sforzi complessivi, la terza ondata può essere evitata. Ci sono paesi che non hanno nemmeno vissuto la seconda ondata.

VK Paul

Le mutazioni sono una delle principali preoccupazioni?

Si certo. Le mutazioni virali più trasmissibili causano malattie gravi o neutralizzano l’efficacia del vaccino; Sono una delle principali preoccupazioni. È stato istituito un consorzio di numerosi laboratori nazionali per condurre il sequenziamento dei virus degli isolati ottenuti da tutte le parti del paese. Sono disponibili più di 25.000 di questi dati di sequenza. Ciò ha portato alla scoperta che varianti di preoccupazione, isolate in altri paesi, sono state rilevate in più paesi. Il governo si sta impegnando per poter organizzare presto più di 25.000 quarantene al mese. Sembra che le variabili mutanti abbiano contribuito alla ferocia dell’onda attuale.

Quando l’onda attuale raggiunge il picco?

Prevedere il picco della pandemia non è facile ei modelli disponibili non hanno dimostrato la loro accuratezza. In generale, si ritiene che questa ondata raggiungerà il picco in qualsiasi momento. Tieni presente che il picco di mortalità segue il picco di infezione di circa due settimane. Inoltre, occorreranno diverse settimane prima che l’onda torni a una linea di base ragionevolmente bassa. Il comportamento delle onde dipende anche dall’efficacia del contenimento, dal comportamento appropriato delle persone per COVID-19 e dall’applicazione delle restrizioni.

E la mancanza di vaccini?

Siamo i più veloci a somministrare più di 18 dosi crore. Questo risultato è ancora più significativo perché i nostri sforzi sono interamente guidati dai vaccini “Made in India”. La copertura è ora la metà della popolazione degli Stati Uniti, l’intera popolazione della Russia e 2,5 volte la popolazione del Regno Unito. Prevediamo una forte accelerazione dopo luglio, quando inizierà la produzione di massa di Covishield e Covaxin. Successivamente, dovrebbero essere disponibili nuovi vaccini da Biological E and Serum Institute (Covovax).

Si teme che l’India non stia testando abbastanza.

L’India ha condotto il maggior numero di test al mondo rispetto a qualsiasi altro paese. Abbiamo utilizzato molte collezioni sviluppate e realizzate in India. Le capacità di test si stanno espandendo anche nelle aree rurali. Non ci sono ancora preoccupazioni per un reagente insufficiente.

READ  A Los Angeles, questa ondata di Covid-19 è diversa dalle precedenti epidemie

La micosi (infezione fungina nera) è una nuova minaccia.

La malattia delle mucose è causata da un fungo (che è il muco). I casi osservati nei casi di Covid sono praticamente limitati a quelli con diabete (soprattutto quelli non controllati) a cui sono stati somministrati steroidi. Fondamentalmente, il diabete e gli steroidi, insieme all’infezione da Covid, sono responsabili dell’infezione da micosi della mucosa dopo e talvolta durante la malattia di Covid attiva. Il trattamento comprende non solo la somministrazione del farmaco antifungino amfotericina B, ma anche la complessa rimozione chirurgica dei tessuti danneggiati. Questa infezione colpisce la cavità nasale e la cavità cerebrale e può portare alla perdita della vista a causa dell’estensione nell’orbita dell’occhio. La chiave rimane un buon controllo del diabete e un uso responsabile degli steroidi. Gli steroidi non dovrebbero mai essere somministrati nei primi sette giorni di malattia di Covid. Le superfici bagnate intorno ai malati dovrebbero essere evitate; Gli umidificatori di ossigeno devono essere riempiti con acqua distillata in modo che il fungo non si depositi. Sono necessarie una diagnosi precoce e un’asportazione chirurgica tempestiva.

La strada davanti?

Continuare a sostenere l’industria per massimizzare la produzione di vaccini ed espandere rapidamente la vaccinazione. In definitiva, dobbiamo vaccinare ogni adulto.

Randeep Juliria È il direttore di AIIMS, Nuova Delhi e membro della Task Force nazionale Covid-19.

Quali sono le principali sfide per il futuro?

Con l’aumentare dell’incidenza di COVID-19, dobbiamo garantire un protocollo di buona pratica per il controllo delle infezioni negli ospedali perché le infezioni secondarie, sia batteriche che fungine, sono visibili e causano più morbilità e mortalità. La malattia della mucosa associata a COVID-19 è diventata una nuova sfida. Prima di Covid, l’incidenza di questa infezione fungina era bassa ed era un’infezione rara, osservata solo in pazienti trapiantati, diabetici e oncologici sottoposti a chemioterapia. Ma i trattamenti indotti da Covid portano a diversi casi di malattia delle mucose. Alcuni paesi hanno segnalato circa 500 casi. Colpisce il viso, gli occhi e persino il cervello. Ora stiamo vedendo più casi perché molte persone con diabete incontrollato e uso irrazionale di steroidi sviluppano questa infezione. Suggeriamo che le persone monitorino anche i livelli di zucchero nel sangue che possono arrivare fino a 400 con uno steroide durante il trattamento con Covid. La diagnosi precoce di questa infezione è fondamentale per il trattamento. La malattia della mucosa cerebrale si manifesta sotto forma di mal di testa e congestione nasale. La mucosite polmonare può causare la tosse con sangue e infezioni agli occhi possono portare alla perdita della vista. Dobbiamo stare molto attenti.

Randeep Juliria

E la sfida della vaccinazione, poiché le scorte rimangono basse?

Tra circa due mesi saranno disponibili grandi quantità di vaccini perché le aziende inizieranno a produrre con nuovi impianti. Nelle prossime otto settimane stanno arrivando anche altri vaccini dalle nuove società in India. La situazione dei sintomi migliorerà, ma sento ancora che gli anziani e quelli con comorbidità dovrebbero essere coperti per primi perché hanno un tasso di mortalità molto più alto.

READ  Mangiare cibi ricchi di flavonoidi può rallentare il declino cognitivo

Quali nuovi vaccini stiamo cercando?

Oltre ad altri, ci aspettiamo che arrivi il vaccino Johnson & Johnson, che è un vaccino.

Cosa ne pensate della strategia di vaccinazione alla luce dei vincoli dal lato dell’offerta?

Le date di vaccinazione per i giovani possono essere leggermente posticipate, gli anziani e le persone fragili con comorbidità devono essere coperti per primi e deve essere adottata una strategia di vaccinazione graduale.

Ci sono preoccupazioni riguardo al ritardare la seconda dose di Covishield da 12 a 16 settimane.

I dati mostrano che coloro che hanno assunto Covishield in meno di quattro settimane avevano un’immunità compresa tra 55 e 60 computer, mentre coloro che hanno ricevuto il vaccino 12 settimane dopo avevano un’immunità compresa tra 80 e 85 computer. La decisione di estendere il dosaggio si basa sulla scienza.

Lezioni per il futuro?

Comportamento appropriato, contenimento locale, sorveglianza e vaccinazione rapida.

Jagandeep Kang È uno dei principali specialisti in vaccinazioni e un membro del National Technical Gruppo consultivo di immunizzazione.

Diversi esperti hanno suggerito un blocco nazionale per ridurre l’onere del caso. Pensi che questa sia la via da seguire?

Penso che questo sia in definitiva un virus che dobbiamo imparare a gestire le riacutizzazioni. L’approccio migliore è utilizzare i dati locali per modellare le soluzioni locali. Se non disponi di dati locali o di un’agenzia per implementare soluzioni locali, deve esserci qualcosa su scala più grande. Il blocco sarebbe stato d’aiuto? Sì, sicuramente, perché ogni volta che impedisci alle persone di interagire tra loro, si riduce la diffusione del virus. La domanda è: puoi farlo? Se puoi assicurarti che le persone siano in luoghi sicuri e che non vi siano violazioni dei diritti umani, il blocco ha senso, ma se non puoi, questo è un gioco di bilanciamento che devi giocare.

Jagandeep Kang

Quando diminuisce l’onda di corrente?

Da metà a fine maggio è una stima ragionevole. Quello che mi preoccupa è che abbiamo un calo nei test. La proporzione di casi è molto maggiore di quanto rivelano i test.

In che modo l’onda attuale è diversa?

Su quali dati baseremo la nostra comprensione della prima e della seconda ondata? Non abbiamo dati. Sappiamo solo quanti test positivi e quanti sono morti. Dobbiamo esaminare le differenze geografiche: l’età delle persone colpite e le malattie comuni tra i defunti. Quello che senti dalle storie aneddotiche è che i più piccoli sono colpiti ora e la prevalenza nelle famiglie è maggiore. I dati di riferimento vengono raccolti nei moduli ICMR inviati con ciascun campione. Avrebbe dovuto essere disponibile. Se potessimo arrivare a questo, avremmo potuto fare un confronto epidemiologico su chi è stato infettato l’ultima volta e questa volta.

Per quanto tempo una persona dovrebbe essere vaccinata dopo l’infezione?

I dati mostrano che se hai un’infezione, hai una protezione dell’80% per almeno sette mesi. L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha detto che se mancano i vaccini e se sei infetto, puoi aspettare sei mesi. È meglio aspettare otto settimane dopo il recupero.

READ  Una singola dose di vaccino COVID non è sufficiente per gli individui con casi lievi di virus - NBC Chicago

I vaccini prevengono l’infezione?

I vaccini prevengono malattie gravi. È possibile che una persona che è stata vaccinata si infetti completamente, ma i sintomi rimangono lievi. Attualmente, i vaccini proteggono fino a sei-sette mesi. Inoltre, i vaccini funzionano contro le varianti. I vaccini AstraZeneca e Pfizer funzionano anche contro il ceppo britannico B.1.1.7 e intorno a B.1.617, non devi preoccuparti troppo.

Il futuro di Covid?

Avrebbe un virus influenzale davvero brutto, che è più stagionale. Le persone ottengono l’immunità a causa di frequenti infezioni e vaccinazioni. Sarà un’immunità imperfetta, quindi potremmo aver bisogno di stimolatori, ma sono sicuro che non ci troveremo molte volte nella situazione in cui ci troviamo oggi, almeno non con questo virus. Potremmo vedere uno o due picchi in più, ma non sarà così grave perché il virus rimarrà pochissimo per aggirarlo e se aumentiamo le vaccinazioni, saremo in una posizione molto buona a pochi mesi da adesso.

Gotam Menon Professore nei Dipartimenti di Fisica e Biologia presso l’Università di Ashoka, Sunbat e l’Istituto di Scienze Matematiche, Chennai. Partecipare a studi di modellazione e discussioni politiche relative alla pandemia Covid-19.

Quanto è feroce la seconda ondata di Covid attribuita alle nuove varianti?

La velocità dell’aumento del caso può essere attribuita in gran parte alle nuove varianti, B.1.1.7 (Regno Unito) e variante B.1.617, sebbene il rilassamento nel comportamento Covid-friendly abbia peggiorato le cose.

Gotam Menon

L’India ha perso le varianti quando sono emerse?

La sequenza genetica che era presente è stata in grado di identificare queste varianti e prevedere che potrebbero dominare in futuro. Tuttavia, sappiamo ancora molto poco su qualsiasi possibile aumento o diminuzione della gravità della malattia da essa causata nella popolazione indiana. Anche le nostre ipotesi sulla maggiore portabilità della variabile B.1.617 erano speculazioni all’inizio. Il sequenziamento genomico limitato non è il motivo per cui ci manca la scala della seconda ondata.

Stiamo sequenziando abbastanza ora per catturare la terza ondata?

La sequenza è condensata ma ancora non sufficiente per ottenere un’immagine di ciò che sta accadendo su una scala sufficientemente accurata. Abbiamo bisogno di un monitoraggio a livello di area per avere un quadro di quali variabili sono dominanti e dove. Il processo per capire se la nuova variante è più trasmissibile o può eludere l’immunità indotta dal vaccino richiede tempo. È una strategia migliore cercare un aumento improvviso del numero di casi e successivamente cercare spiegazioni in termini di variabili. Comprendere le nuove varianti è fondamentale a lungo termine per avere un’idea migliore di quali mutazioni possono aumentare la trasmissibilità e la gravità della malattia.

Quando finirà l’epidemia?

È impossibile dirlo perché dipende da molti fattori che non comprendiamo ancora: l’importanza della reinfezione, della vaccinazione e del modo in cui i cambiamenti nel comportamento sociale possono portare a una ridotta trasmissibilità. I numeri dei casi sono inferiori ora rispetto al picco del 10-15%. Non è chiaro se questo indichi una contrazione continua.

SARS-CoV-2 è naturale o artificiale?

Da quello che sappiamo, è molto probabile che SARS-CoV-2 abbia un’origine naturale in un evento indiretto che coinvolge un pipistrello e un animale intermedio. Tuttavia, ciò non solleva la Cina dalla sua responsabilità di assistere in un’indagine trasparente.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Instagram presto consentirà la pubblicazione tramite la sua versione web
Next Post Keegan Michael Key e Kenan Thompson dicono alle bambole di fermarle – scadenza