Covid-19: gli Stati Uniti stanno valutando nuove restrizioni per i viaggiatori provenienti dalla Cina

Un operatore sanitario preleva un campione di tampone da un uomo da testare per il coronavirus Covid-19 in un ospedale di Pechino il 26 dicembre 2022.
immagine: Noël Celis/AFP

Gli Stati Uniti stanno valutando la possibilità di imporre nuove restrizioni Covid agli arrivi cinesi, dopo che Pechino ha annunciato che riaprirà i suoi confini il mese prossimo.

Funzionari statunitensi affermano che ciò è dovuto alla mancanza di trasparenza che circonda il virus in Cina, con il numero di casi in aumento.

Mercoledì, l’Italia ha annunciato l’intenzione di imporre test obbligatori, a seguito di misure più severe delineate da Giappone, Malesia, Taiwan e India.

Pechino ha affermato che le regole sul coronavirus dovrebbero essere stabilite su base “scientifica”.

I funzionari della città italiana di Milano stanno già testando i passeggeri sui voli dalla Cina.

Su uno dei voli, atterrato all’aeroporto cittadino di Malpensa il giorno di Santo Stefano, il 52 per cento dei passeggeri è risultato positivo al Covid, La Repubblica rapporti.

I funzionari non hanno ancora commentato quei numeri, ma in una dichiarazione il ministro della Salute Orazio Schillacci ha dichiarato di aver ordinato test Covid-19 obbligatori per tutti i passeggeri in arrivo dalla Cina e in transito attraverso l’Italia.

Ha detto che questo è “essenziale per garantire il monitoraggio e l’identificazione” di eventuali nuove varianti del virus e “la protezione della popolazione italiana”.

Il Covid ha devastato l’Italia durante la prima epidemia del virus nel 2020, con la regione settentrionale della Lombardia – vicino all’aeroporto di Malpensa – che a un certo punto è diventata l’epicentro globale del virus dopo essersi diffuso dalla Cina.

READ  Visita ufficiale del Presidente del Consiglio Meloni a Bruxelles, incontro con il futuro di Ue e Nato - EURACTIV.com

Una portavoce per gli affari esteri dell’UE ha affermato che mentre gli Stati membri hanno concordato di rimuovere le restrizioni ai viaggi di Covid all’inizio di quest’anno, c’era la consapevolezza che, se necessario, avrebbero potuto essere reintrodotte in modo coordinato.

Ha anche affermato che la variante omicron BF7 – che è predominante in Cina – è già in Europa e non è riuscita a diventare dominante.

Le autorità per l’immigrazione del paese hanno affermato che le domande di passaporto per i cittadini cinesi che desiderano viaggiare all’estero riprenderanno dall’8 gennaio.

I siti web di viaggi hanno segnalato un picco di traffico, che ha fatto temere ad alcuni paesi la potenziale diffusione di Covid.

“Ci sono crescenti preoccupazioni nella comunità internazionale per le continue ondate del virus COVID-19 in Cina e la mancanza di dati trasparenti, compresi i dati sulla sequenza genetica virale”, hanno affermato funzionari statunitensi in una dichiarazione diffusa dalle agenzie di stampa statunitensi.

Wang Wenbin, portavoce del ministro degli Esteri cinese, ha accusato i paesi occidentali e i media di “gonfiare” e “distorcere gli aggiustamenti della politica Covid della Cina”.

Ha affermato che la Cina ritiene che le risposte di tutti i paesi al virus COVID-19 dovrebbero essere “basate sulla scienza e proporzionate” e “non dovrebbero influenzare il normale scambio tra le persone”.

Wang ha chiesto “sforzi congiunti per garantire viaggi transfrontalieri sicuri, mantenere la stabilità delle catene di approvvigionamento industriali globali e promuovere la ripresa e la crescita economica”.

Sia il Regno Unito che la Germania hanno dichiarato di monitorare attentamente la situazione, ma al momento non stanno prendendo in considerazione nuove restrizioni per i viaggiatori cinesi.

READ  Conferenza ministeriale dell'OMC: dichiarazione congiunta in solidarietà con l'Ucraina

Un portavoce di Downing Street ha affermato che il numero di casi in Gran Bretagna è rimasto “relativamente basso”.

D’altra parte, un funzionario del Ministero della Salute tedesco ha dichiarato: “Non vi è alcuna indicazione di una mutazione più pericolosa [of Covid] hanno fissato.”

L’esito dell’ultima ondata è sconosciuto

Il vero numero di casi giornalieri e decessi in Cina è sconosciuto perché i funzionari hanno smesso di rilasciare i dati necessari. I rapporti indicano che gli ospedali sono sopraffatti e gli anziani stanno morendo.

Nell’ultima settimana, Pechino ha segnalato circa 4.000 nuove infezioni da Covid ogni giorno e qualche decesso.

Prima dell’allentamento delle regole di viaggio, le persone erano fortemente scoraggiate dall’andare all’estero. Secondo Dragon Trail International Marketing Solutions, la vendita di kit esterni e pacchetti di viaggio è stata vietata.

Entro mezz’ora dall’avviso di lunedì della riapertura dei confini cinesi, i dati del sito di viaggi Trip.com – citato dai media cinesi – hanno mostrato che le ricerche di destinazioni popolari erano aumentate di dieci volte rispetto a un anno fa.

Macao, Hong Kong, Giappone, Tailandia e Corea del Sud sono state le destinazioni più gettonate.

Separatamente, mercoledì, il leader di Hong Kong John Lee ha annunciato che la sua città ha eliminato quasi immediatamente le sue ultime regole Covid, ad eccezione dell’uso delle mascherine, che rimarranno obbligatorie.

“La città ha raggiunto un tasso di vaccinazione relativamente alto, che favorisce la costruzione di una barriera contro l’epidemia”, ha detto Li durante un briefing.

Gli Stati Uniti richiedono ancora ai viaggiatori internazionali di fornire la prova della vaccinazione completa contro COVID quando entrano nel paese.

READ  Germania e Italia accettano i pagamenti del gas russo dopo l'approvazione di Bruxelles - fonti

Il sito Web del CDC raccomanda inoltre a chiunque si rechi negli Stati Uniti di sottoporsi in anticipo al test per Covid e di avere i risultati pronti, ma questo non è un obbligo legale.

Funzionari statunitensi hanno aggiunto nella loro dichiarazione che stanno “seguendo la scienza e i consigli di esperti di salute pubblica” e “consultandosi con i partner”.

L’allentamento delle restrizioni di viaggio da parte della Cina – l’ultima puntata della controversa politica del paese contro il coronavirus – è arrivata dopo settimane di disordini che hanno visto le persone scendere in piazza in rare proteste contro il presidente Xi Jinping e il suo governo.

– BBC

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Le immagini della NASA mostrano la bellezza inquietante dell’inverno su Marte
Next Post Greta Thunberg chiude Andrew Tate con un “piccolo cazzo”. risponde con il fumo | notizie dal mondo