Corte Suprema: La Corte Suprema dispone il pagamento di Rs. 5.000 ciascuno a 9 pescatori nel caso dei Marines Italiani.

Venerdì la Corte Suprema ha emendato la sua ordinanza del 15 giugno 2021 e ha ordinato il pagamento di un risarcimento di 5 lakh di rupie ciascuno a sette pescatori ed eredi legali di altri due, che sono stati danneggiati nell’incidente di sparatoria da parte di due marines italiani su una barca. al largo della costa del Kerala nel febbraio 2012. Il tribunale ha stabilito che il proprietario-capitano della barca, Freddy, ricevesse un risarcimento di Rs 1,55 crore sui Rs 2 crore precedentemente pagati dal governo italiano per i danni alla barca e a quelli sulla asse.

La Corte Suprema lo scorso anno ha calato il sipario sul procedimento penale avviato in India contro due marò italiani, accusati di aver ucciso due pescatori nell’incidente, dopo il pagamento di Rs 10 crore a titolo di risarcimento da parte del governo italiano agli eredi del defunto e proprietario della barca.

Ha stabilito che la somma di Rs 10 crore, che è stata depositata nel registro dell’Alta Corte, sarà trasferita all’Alta Corte del Kerala e dell’importo totale, Rs 4 crore sarà versata agli eredi del defunto e Rs 2 crore saranno pagati agli eredi. Il proprietario del peschereccio “St. Anthony”.

12 pescatori, tra cui il proprietario della barca e un minore, erano a bordo della nave “St.Antonio” in quel fatidico giorno. Due di loro sono rimasti uccisi nell’incidente con la sparatoria. Un minore in seguito si è suicidato mentre un altro cacciatore, Johnson, è morto mentre il procedimento era sospeso.

Il collegio dei giudici MR Shah e MM Sundresh stava ascoltando una richiesta di risarcimento da parte dei sette pescatori colpiti per le sofferenze subite a causa del trauma seguito all’incidente.

READ  Confermato in Italia il primo caso della variante Omicron - News Today

La Corte ha registrato che il Tribunale Arbitrale UNCLOS ha emesso la sentenza del 21 maggio 2020, con la quale la Repubblica Italiana ha accettato di pagare un importo di risarcimento di Rs 10 crore in aggiunta all’importo ex gratia già pagato ai pescatori deceduti .

L’avvocato dei pescatori ha affermato che il tribunale arbitrale ha deciso che l’India aveva diritto al risarcimento per la perdita di vite umane, danni fisici, danni materiali alla proprietà e danni morali al capitano e ad altri membri dell’equipaggio.

“Questo tribunale il 15 giugno 2021 ha emesso un’ordinanza per pagare Rs 2 crore al proprietario della barca. Non abbiamo ottenuto il risarcimento anche se il tribunale arbitrale ha ritenuto che avessero diritto a un risarcimento. Questo problema si è verificato perché non facevamo parte di il procedimento in precedenza davanti al tribunale e ora un’ingiunzione del tribunale si sta mettendo in mezzo.

Il sedile ha affermato che la controversia è ora limitata alla distribuzione di Rs 2 crore tra il capitano, il proprietario della barca e altri pescatori.

“Dirigiamo che dal crore di Rs 2 da pagare al capitano e proprietario della barca, Rs 5.000 ciascuno da pagare ai sette pescatori colpiti, la vedova di uno dei pescatori, Johnson, che è morto mentre il procedimento era in corso sospesi, e gli eredi legittimi del minore deceduto dopo opportuna verifica tramite assegni beneficiari” ha detto il tribunale, modificando l’ordinanza del tribunale emessa il 15 giugno 2021.

Inizialmente, l’avvocato di Freddy ha affermato che il governo aveva ottenuto il suo consenso per archiviare il procedimento penale contro i marines italiani – Massimilano Latorre e Salvatore Geroni – con la promessa che gli sarebbero stati pagati Rs 2 crore di danni. Per peschereccio e perdita di affari.

READ  Marco: Marco polarizza la politica italiana

Il consiglio ha affermato che, in base al lodo arbitrale del 21 maggio 2020, è necessario pagare un risarcimento al capitano e agli altri membri dell’equipaggio della barca e, pertanto, a Freddy non può essere assegnato l’intero importo di Rs 2 crore.

Il sedile ha poi detto all’avvocato dei pescatori che avrebbe addebitato Rs 5 lakh ciascuno. La mozione del tribunale è stata accettata dall’avvocato di Freddie.

Quindi il tribunale ha emesso l’ordine e ha deciso sulla richiesta dei pescatori, ordinando all’Alta Corte del Kerala di sborsare l’importo da essa dovuto come indicato tra i pescatori e il proprietario della barca.

Il 15 giugno 2021, la Corte Suprema ha affermato che, in conformità con il lodo arbitrale internazionale accettato dall’India, l’Italia riprenderà ulteriori indagini sul caso contro i Marines.

Il FIR registrato presso la stazione di polizia costiera di Nendakara nel distretto di Kollam, nello stato del Kerala, è stato cancellato e registrato nuovamente dalla National Investigation Agency (NIA) nel 2013 e tutti i procedimenti derivanti dal caso.

Nel febbraio 2012, due marines a bordo della MV Enrica Lexie – una petroliera battente bandiera italiana – sono stati accusati dall’India dell’omicidio di due pescatori indiani che si trovavano su un peschereccio nella zona economica esclusiva dell’India (ZEE).

Latorre, colpito da ictus il 31 agosto 2014, è stato rilasciato su cauzione per la prima volta e la Suprema Corte il 12 settembre 2014 gli ha concesso di recarsi in Italia per quattro mesi e successivamente gli è stata concessa la proroga.

Latorre è stato operato al cuore in Italia, a seguito del quale la Corte di Cassazione gli ha concesso una proroga della permanenza nel paese natale.

READ  I finanziamenti al vertice congiunto promettono $ 1 trilione in progetti "verdi"

Freddy ha presentato alla polizia la denuncia contro i Marines, sostenendo che due pescatori sono stati uccisi quando i Marines hanno aperto il fuoco su di loro presumibilmente scambiandoli per pirati.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post La cosa numero uno che distingue i “SuperAgers” dalle persone con “scarse capacità di memoria”
Next Post Un espatriato indiano derubato di 6 crore nell’ufficio di Dubai