Corona Virus: i club londinesi cantano per porre fine alle restrizioni Covid-19

I club londinesi si sono riuniti lunedì per uno dei primi eventi di musica dal vivo senza regole dall’inizio della pandemia l’anno scorso, ballando tutta la notte e rallegrandosi dell’interazione umana mentre l’Inghilterra ha revocato la maggior parte delle sue restrizioni COVID-19 nel cuore della notte.

La Gran Bretagna, che ha uno dei più alti tassi di morte per Covid-19 al mondo, sta affrontando una nuova ondata di casi, ma il primo ministro Boris Johnson ha revocato la maggior parte delle restrizioni in Inghilterra in quello che alcuni hanno chiamato “Giornata della libertà”.

Gli epidemiologi sono generalmente scettici sul fatto che l’abolizione delle restrizioni sia la cosa giusta da fare, ma molti giovani britannici, che hanno lottato con il blocco per più di un anno e mezzo, affermano di essere ansiosi di fare festa.

“Non mi è stato permesso di ballare come sembra per sempre”, ha detto Georgia Pike, 31 anni, all’Oval Space di Hackney, a est di Londra. “Voglio ballare, voglio ascoltare musica dal vivo, voglio essere a una festa e stare con altre persone”.

Oltre al divertimento, c’è stata anche una chiara preoccupazione per un’ondata di nuovi casi: più di 50.000 casi al giorno in tutto il Regno Unito.

“Sono così eccitato, ma misto a un senso di imminente destino”, ha detto Gary Cartmel, 26 anni, fuori dall’evento “00:01” organizzato per celebrare il ritorno della musica dal vivo.

All’interno del club, i festaioli, alcuni con pinte in mano, altri raggianti di musica, hanno ballato tutta la notte. Molti si sono abbracciati, alcuni si sono baciati e alcuni hanno indossato maschere.

READ  Paura di un'epidemia come la peste trovata in tutto il Colorado dopo che una ragazza di 10 anni è morta per una terribile malattia

Dopo essersi affrettato a vaccinare la sua popolazione più velocemente di quasi tutti gli altri paesi europei, il governo Johnson sta scommettendo che l’Inghilterra possa aprire le sue porte perché le persone completamente vaccinate hanno meno probabilità di ammalarsi gravemente di COVID-19.

I promotori dell’evento, Rob Broadbent e Max Wheeler-Bowden, hanno realizzato un video di loro stessi durante il test per il COVID-19. Hanno esortato coloro che sono stati informati dell’isolamento a farlo.

Hanno detto di aver ridotto il numero di band e di luoghi e di aver perso denaro all’evento perché c’erano meno partecipanti del previsto.

La società britannica appare divisa sulle restrizioni: alcuni vogliono che le regole rigide continuino perché temono che il virus continuerà a uccidere le persone, ma altri si sono risentiti per le restrizioni più dure nella storia del tempo di pace.

I proprietari di attività commerciali, tra cui locali notturni e società di viaggi e ospitalità, desideravano disperatamente riaprire l’economia mentre molti studenti, giovani e genitori ignoravano silenziosamente molte delle regole più dure.

Gli artisti dicono che il lockdown è stato difficile.

James Cox, il cantante 32enne dei Crows, la band post-punk che suona su The Oval Space, ha detto che l’ultima volta che ha fatto uno spettacolo dal vivo è stato ad Halloween 2020.

“Prima ero un po’ preoccupato che non mi sarebbe piaciuto perché è passato così tanto tempo”, ha detto Cox. “Non appena sono salito su quella piattaforma e ho iniziato a controllare l’audio, ho pensato: Oh sì, mi piace, mi piace, ero tipo, questa è la mia passione”.

(Segnalazione di Guy Faulconbridge. Montaggio di Jerry Doyle e Kate Holton).

READ  WWE Hell in a Cell 2021: Risultati, riepilogo completo e classifiche

Abelie Lombardi

"Pioniere del caffè. Pensatore appassionato. Creatore. Appassionato di Internet a misura di hipster".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Telescopio spaziale Hubble della NASA in tempo reale: passa al backup delle correzioni hardware difettose
Next Post Milano Bergamo riceve il 737-8200 ‘rivoluzionario’ con Ryanair