Contrattazione nel gruppo di lavoro del Consiglio europeo

Contrattazione nel gruppo di lavoro del Consiglio europeo

In che misura gli Stati membri, la Commissione europea e la Banca centrale europea (BCE) ottengono risultati preferenziali nei negoziati sulla governance economica dell’UE? Sebbene sappiamo già molto su questo in base alle regole decisionali standard dell’UE, l’influenza della BCE è in forum informali come il Consiglio europeo. unità militare Sul rafforzamento della governance economica ha ricevuto meno attenzione.

Il gruppo di lavoro è stato istituito nel 2010 per presentare proposte di modifiche legislative al quadro di governance economica dell’UE per evitare il ripetersi della crisi del debito sovrano iniziata nella zona euro nel 2009. Ha proposto di inasprire la disciplina fiscale, rafforzare la supervisione delle economie degli Stati membri , e garantire migliori analisi e previsioni delle condizioni economiche per gli Stati. Queste raccomandazioni hanno costituito la base della cosiddetta Unione Europea Divisione dei muscoli addominali pacchetto legislativo.

In Nuovo studioAbbiamo riscontrato che l’avvicinamento alle posizioni della BCE nei negoziati della task force è stato associato a un maggiore successo per i paesi membri. La nostra ricerca mostra che gli Stati membri creditori hanno avuto più successo di quelli in deficit. I risultati suggeriscono che la BCE può essere più influente quando le decisioni vengono prese al di fuori delle procedure legislative formali e quando l’oggetto dei negoziati è altamente tecnico.

posizioni negoziali e successo

Per stabilire le posizioni degli Stati membri e delle istituzioni dell’UE in questi negoziati e per comprendere l’importanza che attribuiscono alle sei questioni principali su cui vi era disaccordo, abbiamo condotto 54 interviste con informatori chiave degli Stati membri, della Commissione e della Banca centrale europea. La figura 1 mostra la posizione media assunta sulle questioni trattate nei negoziati da ciascuno Stato membro, dalla Commissione e dalla Banca centrale europea. Le posizioni sono state misurate su una scala da 0 a 100 con valori più alti che indicano preferenze finanziariamente più prudenti come una preferenza per una disciplina finanziaria più rigorosa.

READ  Intesa attende chiarezza sulle prospettive economiche dopo la previsione degli utili

Figura 1: posizione media di ciascun attore rispetto alle questioni della task force

Grafico che mostra la posizione degli Stati membri in merito ai negoziati del gruppo di lavoro.  Il grafico indica che i paesi creditori tendono ad essere più disciplinati dal punto di vista fiscale rispetto ai paesi debitori.

Abbreviazioni: AT: Austria; BE: Belgio; GB: Bulgaria; COM: Commissione europea; CY: Cipro; CZ: Repubblica Ceca; DE: Germania; Danimarca: Danimarca; BCE: Banca Centrale Europea; EE: Estonia; EL: Grecia; ES: Spagna; FI: Finlandia; FR: Francia; HU: Ungheria; IE: Irlanda; TI: Italia; LT: Lituania; LU: Lussemburgo; LV: Lettonia; MT: Malta; NL: Paesi Bassi; PL: Polonia; PT: Portogallo; RO: Romania; SE: Svezia; SI: Slovenia; SK: Slovacchia; Regno Unito: Regno Unito.

Come prevedibile, la Figura 1 mostra un allineamento basato in parte sulla situazione creditore-debitore. Gli atteggiamenti di diverse nazioni debitrici (come Francia, Grecia, Spagna, Irlanda e Italia) indicano opposizione alla disciplina fiscale (con punteggi inferiori). I paesi con avanzi delle partite correnti nel 2010 sono tra quelli che sostengono la posizione opposta, tra cui Lussemburgo, Paesi Bassi, Finlandia e Germania. Anche la BCE sembra essere fiscalmente aggressiva, ma la Commissione lo è meno.

La figura 2 mostra il successo dei negoziati tra gli Stati membri, la Banca centrale europea e la Commissione. Il successo è misurato come la distanza tra le preferenze di ciascun attore e il risultato finale.

Figura 2: successo negoziale medio degli Stati membri della Banca centrale europea, della Commissione e della task force

Grafico che mostra il successo degli Stati membri nei negoziati del gruppo di lavoro.  Il grafico indica che i paesi debitori tendono ad avere meno successo dei paesi creditori e che la posizione della BCE tende ad essere più vicina all'esito del negoziato rispetto a quella della Commissione europea.

Abbreviazioni: AT: Austria; BE: Belgio; GB: Bulgaria; COM: Commissione europea; CY: Cipro; CZ: Repubblica Ceca; DE: Germania; Danimarca: Danimarca; BCE: Banca Centrale Europea; EE: Estonia; EL: Grecia; ES: Spagna; FI: Finlandia; FR: Francia; HU: Ungheria; IE: Irlanda; TI: Italia; LT: Lituania; LU: Lussemburgo; LV: Lettonia; MT: Malta; NL: Paesi Bassi; PL: Polonia; PT: Portogallo; RO: Romania; SE: Svezia; SI: Slovenia; SK: Slovacchia; Regno Unito: Regno Unito.

La figura 2 mostra che la BCE ha avuto, in media, più successo della Commissione e fornisce prove contrastanti del suo allineamento tra creditore e debitore. Alcuni paesi con disavanzi delle partite correnti sono tra i meno riusciti (Grecia, Spagna, Francia, Italia e Portogallo), mentre alcuni creditori (Lussemburgo, Paesi Bassi, Germania e Finlandia) se la sono cavata meglio. Slovacchia e Cipro sono valori anomali: entrambe hanno registrato disavanzi nel 2010, ma hanno assunto posizioni verso l’estremo limite della disciplina fiscale (fig. 1) e hanno avuto un discreto successo nei negoziati (fig. 2).

READ  I paesi non controllano le proprie valute

Successivamente, analizziamo in che modo l’approccio alla BCE o alla Commissione influisce sul successo della contrattazione quando prendiamo in considerazione altri fattori che potrebbero influenzare i risultati, come il PIL, la dimensione della popolazione e l’importanza delle questioni in questione. Abbiamo scoperto che essere vicini alla BCE era associato a un maggiore successo e che era vero il contrario per essere vicini alla Commissione.

L’ambiente meno formale della task force sembra aver dato alla BCE maggiori opportunità di influenzare i risultati rispetto alle procedure decisionali standard. Su questa base, era probabile che gli Stati membri si avvalessero in una certa misura dell’esperienza della BCE per determinare quale posizione assumere su ciascuna questione nei negoziati. Gli Stati membri creditori hanno anche avuto più successo su questioni che erano molto salienti per i partecipanti ai negoziati.

Cosa ci dice questo sul ruolo della Banca centrale europea?

Nel riformare il quadro di governance economica dell’UE all’inizio della crisi, la Banca centrale europea ha avuto diversi vantaggi. Ha competenze tecniche che solo i più grandi Stati membri possono competere. La sua reputazione tra gli Stati membri settentrionali della zona euro è stata rafforzata dalla sua risposta alla crisi finanziaria, mentre la Commissione è stata contaminata dalla sua incapacità di attuare pienamente le regole della zona euro per il mantenimento della stabilità macroeconomica ( Carta di Stabilità e Crescita).

La Banca centrale europea ha anche un mandato molto più ristretto rispetto alla Commissione. Pertanto, il comitato ha dovuto considerare le posizioni dei falchi finanziari e delle colombe finanziarie se sperava di ottenere una rapida approvazione per le sue imminenti proposte al Consiglio degli affari economici e finanziari. Al contrario, la BCE era in una posizione più libera per adottare un approccio più aggressivo.

READ  Il divario di genere nei nomi delle strade in Europa è qui per restare / Italia / Regioni / Home

Questi vantaggi della BCE sulla task force hanno implicazioni importanti date le prossime proposte della Commissione per riformare il Patto di stabilità e crescita, che sono ancora più urgenti nel bel mezzo delle ricadute finanziarie dell’invasione dell’Ucraina. Se la BCE e un gruppo di Stati membri dalla linea dura, come i Quattro Frugali (Austria, Danimarca, Paesi Bassi e Svezia) riusciranno nelle imminenti riforme del Patto di stabilità e crescita, potrebbe esserci un po’ di flessibilità in più per gli Stati membri in difficoltà risolvere. bilanci.

Per ulteriori informazioni, vedere il documento degli autori di accompagnamento in Politica dell’Unione Europea

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *