Consiglieri russi e ucraini si incontrano per le tensioni: Notizie in diretta | Crisi Ucraina-Russia Notizie

Le delegazioni russa e ucraina si stanno incontrando a Parigi per colloqui mentre continuano gli sforzi per calmare le tensioni sul rafforzamento militare di Mosca alla frontiera del suo vicino.

L’incontro ad alto livello, a cui hanno partecipato anche alti diplomatici francesi e tedeschi, riunisce le quattro parti degli accordi di pace di Minsk del 2015 che miravano a porre fine ai combattimenti nell’Ucraina orientale.

Arriva quando gli Stati Uniti e il Regno Unito hanno rafforzato le loro minacce di sanzioni alla Russia e hanno avvertito di possibili misure contro il presidente Vladimir Putin se dovesse attaccare l’Ucraina.

La Russia, che ha ammassato migliaia di truppe vicino al confine con l’Ucraina, nega di fare piani per invadere il suo vicino e accusa la NATO di aver minato la sicurezza della regione.

Ecco tutti gli ultimi aggiornamenti:

Spiegatore: 4 cose da sapere sulle minacce occidentali di sanzioni alla Russia

Washington e alcuni dei suoi alleati europei hanno minacciato una miriade di sanzioni contro Mosca se avesse deciso di intervenire sull’Ucraina.

Per saperne di più su quali misure pesa esattamente l’Occidente, clicca qui.


La Russia dovrebbe sostenere i separatisti con le armi, afferma il legislatore

Mosca dovrebbe sostenere due regioni separatiste dell’Ucraina orientale con determinati tipi di armi, ha affermato Andrey Turchak, un membro di spicco del partito al governo Russia Unita che sostiene Putin.

Le osservazioni di Turchak arrivano mentre il parlamento russo ha in programma di tenere consultazioni su un’idea per fare appello a Putin affinché riconosca formalmente l’autoproclamata Repubblica popolare di Donetsk e la Repubblica popolare di Luhansk nella regione del Donbas.


Kiev afferma che può mantenere “l’economia stabile” nonostante la volatilità

Il primo ministro ucraino afferma che il governo del paese ha risorse sufficienti per mantenere la stabilità finanziaria ed economica in mezzo alla volatilità del mercato a causa dei timori di un potenziale attacco russo.

“Non stiamo dicendo che non ci siano minacce, esistono da otto anni; sottolineiamo solo il fatto che il governo ora ha tutte le risorse necessarie per mantenere stabile l’economia”, ha detto Denys Shmygal in una riunione televisiva del governo.


L’Italia è un partner chiave per Mosca, ha detto Putin ai dirigenti italiani

Putin ha detto ai dirigenti d’azienda italiani che l’Italia è un partner chiave per Mosca mentre le tensioni occidentali con il Cremlino sull’Ucraina aumentano.

Intervenendo in un incontro online, Putin ha anche affermato tramite collegamento video che la Russia è un fornitore di energia affidabile e che Roma è stata in grado di acquistare gas da Gazprom a prezzi inferiori grazie a accordi a lungo termine.

READ  Crisi dell'Eurozona: controversia sui finanziamenti Covid per istigare Italia e Grecia contro l'Unione Europea | Il mondo | notizia

L’incontro, che aveva suscitato critiche da parte del governo italiano, era originariamente previsto per novembre prima di essere riprogrammato.


Il Papa chiede la pace in Ucraina

Papa Francesco ha chiesto la pace in Ucraina pronunciando un discorso durante la sua udienza generale settimanale.

“Vi chiedo di pregare per la pace in Ucraina e di farlo spesso nel corso della giornata”, ha detto Francesco, aggiungendo che spera che “ferite, paure e divisioni” possano essere superate.

Domenica scorsa Francesco ha invitato persone di tutte le religioni a pregare mercoledì per porre fine alla crisi, affermando che le crescenti tensioni minacciano la sicurezza dell’Europa e rischiano vaste ripercussioni.


In attesa della guerra in Ucraina mentre sono coinvolti nei combattimenti

Mentre aumentano i timori per una potenziale nuova incursione russa in Ucraina, aree di territorio a est di quest’ultima sono già afflitte da conflitti.

Nel seguente podcast, il corrispondente di Al Jazeera, Charles Stratford, si reca nel Donbas per documentare l’impatto della guerra e la minaccia di ulteriori conflitti sulle persone lì.


Perché l’Europa non riesce a mettersi d’accordo su come affrontare la crisi ucraina?

I leader dell’Unione Europea rimangono divisi su come rispondere a Mosca mentre la crisi Russia-Ucraina continua ad aggravarsi.

Per un’analisi approfondita del perché è così e cosa significa la mancanza di unità per il ruolo del blocco nella situazione in corso, leggi di più qui.


Una semplice guida alla crisi Ucraina-Russia

Lo stallo Russia-Ucraina è stato notato da sviluppi vertiginosi e dalla retorica del flipper tra Mosca e l’Occidente. Per aiutarti a fare i conti con la crisi, Al Jazeera ha preparato una semplice spiegazione.

Dai un’occhiata qui.

La Russia ha negato di voler invadere l’Ucraina [File: Sputnik/Mikhail Metzel/Pool via Reuters]

Kiev vede i colloqui di Parigi come un “segnale forte” verso la pace, afferma il funzionario

Il capo dello staff del presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy afferma che i colloqui a quattro a Parigi sono un forte segnale che potrebbe esserci una “soluzione pacifica” alla crisi.

“Siamo finalmente riusciti a sbloccare il formato – ed è un forte segnale di disponibilità per un accordo pacifico. Spero in un dialogo costruttivo in [Ukraine’s] interessi”, ha twittato Andriy Yermak al suo arrivo nella capitale francese per le discussioni.


READ  Verstappen guida il Gran Premio di Abu Dhabi che decide il titolo

L’Italia a ‘fare la sua parte’ con la Nato in Ucraina: ministro

Il ministro della Difesa italiano ha affermato che il Paese manterrà i suoi impegni Nato nella crisi ucraina.

“L’Alleanza ha previsto un rafforzamento delle misure di deterrenza sul suo fianco orientale a cui sta partecipando anche l’Italia in termini di operazioni e missioni già autorizzate dal parlamento”, ha affermato Lorenzo Guerini in una nota.

“Se verranno prese ulteriori decisioni, sempre nell’ambito della strategia di deterrenza Nato, l’Italia darà il suo ulteriore contributo e farà la sua parte”, ha aggiunto, prima di sottolineare la volontà di Roma di una soluzione pacifica della situazione.


Il Cremlino avverte che le sanzioni contro Putin sarebbero “distruttive”

Il Cremlino afferma che imporre sanzioni personali a Putin, come gli Stati Uniti hanno minacciato di fare, non avrebbe alcun effetto e sarebbe controproducente negli sforzi per ridurre le tensioni sull’Ucraina.

“Politicamente, non è doloroso, è distruttivo”, ha detto ai giornalisti il ​​portavoce del Cremlino Dmitry Peskov.

Per saperne di più su questo argomento, clicca qui.


Lavrov: Non c’è spazio per i colloqui dell’UE o dell’OSCE in Ucraina

Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov afferma che Mosca non vuole che i colloqui sull’Ucraina e le sue stesse preoccupazioni in materia di sicurezza siano prolungati includendovi l’Unione Europea o l’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE).

Rivolgendosi alla Duma di Stato russa, o camera bassa del parlamento, Lavrov ha anche ribadito la posizione di Mosca secondo cui avrebbe preso “misure adeguate” non specificate se non avesse ricevuto una risposta costruttiva dagli Stati Uniti e dalla NATO sulle misure di sicurezza che chiede all’Occidente.

La Russia si aspetta che Washington risponda alle sue proposte per iscritto questa settimana, che includono un blocco all’adesione dell’Ucraina all’alleanza militare transatlantica guidata dagli Stati Uniti.


Una risposta degli Stati Uniti alle richieste di sicurezza della Russia va bene per Kiev, afferma FM

L’Ucraina non ha obiezioni alla risposta degli Stati Uniti alla Russia nell’ambito dei negoziati per scongiurare un’escalation militare contro l’Ucraina, ha affermato il ministro degli Esteri Dmytro Kuleba.

Rivolgendosi a un briefing, Kuleba ha anche accusato la Russia di aver cercato di seminare il panico in Ucraina. Ha detto che Mosca non aveva ammassato abbastanza truppe per un’offensiva su larga scala, ma avverte che ciò non significa che non possa farlo in seguito, aggiungendo che l’attuale livello di rischio è alto.

READ  Esclusivamente in Italia, Intel sta intensificando i colloqui su una fabbrica di chip da 9 miliardi di dollari, fonti

Normandy Format riprende i colloqui

Francia e Germania hanno svolto un ruolo di mediazione nei colloqui sul formato Normandia da quando sono iniziati a metà del 2014, poco dopo che la Russia ha annesso la penisola di Crimea in Ucraina e ha sostenuto una rivolta separatista nell’est del paese che ha visto i ribelli conquistare aree di territorio, aree che detengono ancora oggi.

Secondo l’agenzia di stampa Dpa, fonti vicine alla presidenza francese hanno affermato che l’ultimo round di discussioni sulle misure umanitarie e la possibilità di condurre negoziati formali sullo status della regione.


Kiev esclude i colloqui con i separatisti sostenuti dalla Russia

Kiev non terrà colloqui diretti con i separatisti sostenuti dalla Russia che controllano i territori nell’est del paese, secondo il capo di stato maggiore di Zelenskyy.

“Non ci sono stati e non ci saranno colloqui diretti con i separatisti”, ha detto Yermak in una dichiarazione su Facebook prima dei colloqui a quattro a Parigi.


Le sanzioni del Regno Unito potrebbero prendere di mira Putin direttamente: il ministro degli Esteri

Il Regno Unito potrebbe prendere di mira direttamente il presidente russo Vladimir Putin con sanzioni se la Russia invadesse l’Ucraina, ha affermato il ministro degli Esteri del paese, facendo eco alla minaccia di Washington.

“Non escludiamo nulla”, ha detto Liz Truss all’emittente britannica Sky News.

“Presenteremo una nuova legislazione per rendere il nostro regime di sanzioni più severo in modo da essere in grado di prendere di mira più aziende e individui in Russia. Lo porteremo avanti nei prossimi giorni”.


Nave russa GNL nel Baltico

Un’enorme nave da gas russa, progettata per salvaguardare le forniture all’enclave russa di Kaliningrad, è tornata nella regione del Mar Baltico, seguendo i dati mostrati.

I dati di Refinitiv Eikon hanno mostrato che il maresciallo Vasilevskiy – un’unità galleggiante di stoccaggio e rigassificazione (FSRU) che può fungere anche da nave per gas naturale liquefatto (GNL) – ha visitato il porto belga di Zeebrugge dove ha caricato 163.800 metri cubi di GNL il 20 gennaio e è ora vicino a Kaliningrad.

Il ruolo principale della nave è fornire GNL a Kaliningrad, che è separata dalla terraferma russa e inserita tra Polonia e Lituania. La nave garantisce che l’enclave possa ricevere gas anche in caso di interruzioni dei gasdotti che attraversano la Lituania.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post L’attrice Catherine ‘Seinfeld’ muore di cancro ai polmoni a 73 anni
Next Post Sei persone sono rimaste ferite in un’esplosione in un impianto chimico della Louisiana