Considera le esportazioni poiché i mango superano il test di sicurezza italiano

Economia

Considera le esportazioni poiché i mango superano il test di sicurezza italiano


Mango

I manghi sono pronti per essere lavorati da Burton e Bamber a Machakos NMG

Generaldandae

riepilogo

  • I mango kenioti hanno ricevuto un buono stato di salute in Italia, un grande impulso per gli agricoltori mentre il paese si prepara a iniziare a esportare in Europa dopo un divieto di 10 anni a causa dei moscerini della frutta.
  • L’autorità di ispezione sanitaria del Kenya (Kephis) ha affermato che alcune tonnellate di mango sono state inviate in Italia in via sperimentale dopo che il paese ha corretto i problemi che hanno portato al divieto.

I mango kenioti hanno ricevuto un buono stato di salute in Italia, un grande impulso per gli agricoltori mentre il paese si prepara a iniziare a esportare in Europa dopo un divieto di 10 anni a causa dei moscerini della frutta.

L’autorità di ispezione sanitaria del Kenya (Kephis) ha affermato che alcune tonnellate di mango sono state inviate in Italia in via sperimentale dopo che il paese ha corretto i problemi che hanno portato al divieto e Roma ha espresso soddisfazione per i frutti.

Il divieto autoimposto ha visto il Kenya fare affidamento sul meno redditizio mercato mediorientale. Tuttavia, con il trattamento dell’acqua calda per contenere i moscerini della frutta, il redditizio mercato europeo sta allettando gli agricoltori.

“L’Italia ha ricevuto molto bene la spedizione che abbiamo inviato e ne stanno ordinando di più. Questo ora ci offre una finestra per riprendere le esportazioni in Europa”, ha affermato Theophilus Motoi, amministratore delegato di Kephis.

Il professor Motoi ha affermato che il paese sta allestendo una serie di impianti di trattamento dell’acqua calda per domare la minaccia rappresentata da questi parassiti, riprendendo completamente le esportazioni verso il mercato europeo e riducendo l’eccessiva dipendenza dal Medio Oriente.

Le esportazioni di mango del Kenya verso il Medio Oriente di solito affrontano una forte concorrenza da parte dei frutti egiziani a causa dei costi di spedizione inferiori dal Cairo a Dubai e Qatar rispetto al Kenya.

La vicinanza dell’Egitto ai paesi del Medio Oriente, dove il Kenya sta attualmente esportando la maggior parte dei suoi frutti, ha un costo di trasporto inferiore con un chilogrammo rispetto a Sh32 via nave rispetto a un esportatore keniano che abbandona lo Sh108 nella stessa quantità.

L’Egitto ha il vantaggio del mare, che abbassa i costi, rispetto al Kenya che deve esportare per via aerea perché i frutti arrivino freschi.

Il Kenya inizierà anche per la prima volta a esportare mango in Pakistan, dove il governo dovrebbe ratificare un memorandum d’intesa, che ritardava l’accordo raggiunto per la prima volta nel 2016.

Kephis ha detto che il progetto in tal senso era pronto e ora attende la firma del ministro dell’agricoltura Peter Munya.

Questo sviluppo arriva poche settimane dopo che il Pakistan ha annunciato di essere pronto ad acquistare mango dal Kenya, ma la lentezza di Nairobi nell’accettare il MOU ha ritardato l’accordo.

READ  I ministri delle finanze si incontrano a Venezia per finalizzare l'accordo fiscale globale
Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Scheana Shay e Brock Davies parlano di genitorialità e piani di matrimonio
Next Post NWS conferma un debole uragano sul campo di battaglia