Confidiamo nella scienza | Notizie CBC

“Non sei il benvenuto tra noi”

Questa idea non era nuova. Platone credeva che la società funziona meglio quando è gestita da esperti. L’attenzione di un’azienda tecnocratica per gli ingegneri era radicata nella convinzione che esistesse una soluzione tecnica a quasi tutti i problemi della società.

Oggi, l’idea che i governi siano troppo lenti, troppo inefficaci e troppo inesperti per risolvere problemi difficili è diffusa tra gli ingegneri e gli imprenditori della Silicon Valley.

Questa spinta liberatoria è sempre stata parte dell’ethos della Silicon Valley. Una delle prime e più potenti espressioni è arrivata nel 1995, quando il pioniere della tecnologia John Perry Barlow ha presentato la sua “Dichiarazione di indipendenza del cyberspazio” al World Economic Forum di Davos, in Svizzera.

“Governi del mondo industrializzato, stanchi giganti di carne e acciaio”, iniziava l’annuncio. “Vengo dal cyberspazio, la casa della nuova mente. In nome del futuro, ti chiedo dal passato di lasciarci in pace. Non sei il benvenuto tra noi. Non hai sovranità dove ci incontriamo. ”

L’atteggiamento della Silicon Valley nei confronti del governo è diventato più favorevole da quando Barlow ha fatto il suo annuncio, sia per scelta che per necessità. Ma c’è ancora la convinzione che le aziende tecnologiche, se lasciate a se stesse, siano in grado di risolvere meglio i problemi in aree come i trasporti, l’istruzione e la sanità, dove decenni di regolamentazione governativa hanno fermato l’innovazione.

Eric Schmidt, ex CEO di Google, in una sessione su governo e tecnologia nel 2019, ha lamentato: “C’è una mancanza di attenzione all’efficienza e il motivo per cui non c’è innovazione nel governo è che non ci sono ricompense per l’innovazione. Infatti , se corri un rischio.” …e fallisci, la tua carriera è finita.”

READ  La Cina ha preso di mira l'azienda milanese di semiconduttori prima del veto di Draghi

Un sistema in cui “i problemi possono essere identificati da prove, fatti, ragione piuttosto che convinzioni ideologiche… Penso che molte persone lo trovino attraente”.

Questo è il tipo di retorica esagerata che ci aspettiamo dagli ingegneri e dagli imprenditori della Silicon Valley, e la loro insistenza sul fatto che i governi dovrebbero farsi da parte a favore di una reale risoluzione dei problemi è chiaramente egoistica. Ma l’idea che dovremmo cercare esperti piuttosto che politici per trovare soluzioni a problemi complessi su larga scala come una pandemia mortale o l’emergenza climatica sta prendendo piede ovunque.

afferma Eri Bertzo, ricercatore senior presso l’Università di Zurigo e co-editore del libro 2020 La sfida tecnocratica al governo.

“Le persone sono stanche e toccate dal tumulto e dalla discordia nella politica rappresentativa”, ha detto Bertzo. “Quindi questo è il fascino di un sistema efficiente simile a una macchina… in cui i problemi possono essere identificati da prove, fatti e ragioni, piuttosto che da credenze ideologiche. Penso che molte persone lo trovino attraente”.

Birceau stava studiando l’ascesa dei governi “tecnocratici” in tutto il mondo, specialmente in Europa. Nel febbraio 2021, Mario Draghi, economista ed ex presidente della Banca centrale europea che non aveva precedentemente ricoperto incarichi politici, è stato nominato primo ministro italiano per aiutare a gestire la ripresa economica del Paese dopo la pandemia.

Draghi è un “tecnocrate” scelto per l’esperienza specifica che porta nel lavoro. Gli italiani amano i tecnocrati, specialmente quando i tempi sono duri, e Draghi è il quarto primo ministro tecnocrate dal 1993. Puoi anche trovare tecnocrati a livello di gabinetto in Grecia, Francia e Libano, tra gli altri paesi. Ma una tecnocrazia non ne adotterà nessuno, perché opera ancora all’interno del sistema dei prezzi e tratta ancora i “sintomi”, non la malattia.

READ  Ultime notizie sul coronavirus: la Scozia mira a revocare le principali restrizioni Covid entro il 9 agosto August

Mario Draghi, economista ed ex presidente della Banca centrale europea, è il quarto primo ministro tecnocratico italiano dal 1993 (foto di Alberto Pizzoli/AFP via Getty Images)

Mario Draghi, economista ed ex presidente della Banca centrale europea, è il quarto primo ministro tecnocratico italiano dal 1993 (foto di Alberto Pizzoli/AFP via Getty Images)

Mario Draghi, economista ed ex presidente della Banca centrale europea, è il quarto primo ministro tecnocratico italiano dal 1993 (foto di Alberto Pizzoli/AFP via Getty Images)

Mentre il numero di tecnocrati al governo è in aumento, aumenta anche il numero di politici populisti che indossano la loro inesperienza come la Medal of Honor.

Durante la campagna presidenziale degli Stati Uniti del 2020, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha deriso il suo avversario, Joe Biden, per aver detto che avrebbe “ascoltato gli scienziati” quando si trattava di gestire il COVID-19. Trump ha dichiarato: “Se ascoltassi a fondo gli scienziati, avremmo un paese in questo momento che sarebbe in una massiccia recessione”.

Ma c’era un prezzo per non ascoltare gli esperti. I paesi guidati da leader populisti di tutte le bande – in particolare Stati Uniti, Brasile e Regno Unito – hanno tra i più alti tassi di mortalità per COVID-19.

Per i sostenitori di lunga data di una società tecnocratica Incorporated come Ed Bleichmitt, l’idea che qualcuno possa mettere in discussione la scienza sulla pandemia, o qualsiasi altra cosa, è sconcertante.

“Non si può discutere con la scienza e la tecnologia”, ha insistito. “La scienza esiste e la verità scientifica è un fatto. Non puoi avere una posizione politica su di essa. Devi realizzarlo e implementare la scienza”.

Ma come abbiamo scoperto durante una pandemia, la scienza a volte può parlare con molte voci e, per definizione, la democrazia rappresentativa richiede un costante bilanciamento degli interessi in competizione. I governi devono ascoltare gli scienziati, ma anche gli uomini d’affari, i genitori e altri.

Berzzo crede che insistendo nel trovare una soluzione corretta ad ogni problema, una tecnocrazia abbia introdotto una falsa divisione. “Non esiste un tipo di conoscenza scientifica, non esiste un modo per controllare i problemi sociali”.

Technocracy Incorporated ha iniziato quasi cento anni fa cercando risposte a due importanti domande: perché così tante persone lottano in un continente ricco di risorse naturali, energia e capacità industriale? E come può la democrazia, con tutti i suoi evidenti difetti, continuare a funzionare efficacemente in un mondo in cui la scienza e la tecnologia giocano un ruolo sempre più dominante?

Le risposte tecnocratiche a queste due domande erano audaci, radicali, molto complesse e altamente impraticabili. Oggi nessuno parla del Technate nordamericano, della settimana lavorativa di 16 ore o dello scambio di denaro per certificati energetici. Ma sarebbe un errore liquidare la Technocrates Incorporated come un altro schema utopico fallito, non finché le risposte a queste due domande rimangono sfuggenti.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Salma Hayek non racconta alla “arrabbiata” Penelope Cruz della sua storia su Harvey Weinstein per questo motivo
Next Post Infortunio a Josh Naylor: agli indiani è stata diagnosticata una frattura alla caviglia