Con l’Europa distratta dal petrolio russo, gli alleati spingono per il cartello degli “acquirenti”.

Segnaposto durante il caricamento delle azioni dell’articolo

Bonn, Germania – Gli alleati occidentali affrontano nuove divisioni tattiche su come frenare le massicce vendite di energia della Russia, poiché continuano a emergere disaccordi tra loro sul modo più efficace per negare al Cremlino un’ancora di salvezza finanziaria fondamentale per la sua guerra in Ucraina.

Ucraina, Stati Uniti e Canada Sono tra coloro che hanno sostenuto proposte per imporre rapidamente limiti di prezzo o tariffe sulle esportazioni di energia russe in Europa, con l’obiettivo di costringere il presidente russo Vladimir Putin ad accettare entrate inferiori pur mantenendo il flusso di petrolio essenziale per le economie europee. Anche il Presidente del Consiglio italiano ha chiesto l’adozione di versioni di tali provvedimenti. L’obiettivo è ridurre le entrate della Russia mentre l’Europa lavora nei prossimi mesi per attuare un embargo sul petrolio russo.

La Russia continua a raccogliere enormi profitti dal suo petrolio, anche se l’Occidente cerca di punire il Paese con nuove sanzioni

Il segretario al Tesoro degli Stati Uniti Janet L. La Yellen è fermamente convinta che questa decisione venga presa dagli europei, non dagli americani, perché influirà principalmente sulle loro economie. Ma molti funzionari europei esprimono scetticismo su questo approccio. Ad esempio, i funzionari tedeschi hanno domande sull’efficacia di una proposta di limite di prezzo, secondo un diplomatico europeo che ha parlato a condizione di anonimato per riflettere conversazioni private. Il diplomatico ha affermato che una tale misura sarebbe difficile da attuare data la portata del coordinamento internazionale richiesto.

La proposta della Commissione europea di eliminare gradualmente le importazioni di petrolio dalla Russia ha il sostegno della maggior parte dei paesi europei e alcuni diplomatici affermano che l’obiettivo del blocco dovrebbe essere quello di ottenere l’approvazione. “Abbiamo già visto cosa ha proposto Yellen. Un alto diplomatico dell’UE, parlando anche in condizione di anonimato per discutere le deliberazioni interne, ha dichiarato:

Giovedì Yellen ha assicurato ai giornalisti che gli Stati Uniti stavano dando “suggerimenti” agli europei sulla riduzione delle entrate russe e ha affermato di essere favorevole a un prezzo massimo. Ma la Yellen ha riconosciuto che gli alleati europei devono affrontare notevoli ostacoli pratici all’attuazione di tale misura, compreso cosa fare in merito ai contratti con fornitori russi che sono già stati stipulati.

READ  Le azioni europee aprono alla chiusura, dati WEF, verbale Fed

Yellen ha detto: “Penso che molte persone, me compreso, lo trovino attraente da un punto di vista economico generale…”.

Nonostante un fronte in gran parte unito sulla guerra, le tensioni sulle proposte energetiche riflettono la sfida che gli alleati occidentali devono affrontare qui mentre cercano di aumentare la pressione finanziaria sulla Russia senza aumentare le enormi pressioni finanziarie – dall’inflazione ai rischi di recessione – che stanno pesando su di loro a livello nazionale. economie. Il Gruppo dei Sette, un’alleanza delle più potenti nazioni occidentali, si riunisce questa settimana in Germania per discutere le sanzioni contro la Russia e altre misure economiche.

Alcuni esperti si riferiscono all’idea sostenuta da alcuni alleati come a un “cartello degli acquirenti”. Secondo il piano, gli europei agiranno di concerto per fissare un prezzo inferiore a quello che attualmente pagano per l’energia russa. Il calcolo è che – se l’Europa si muove all’unisono – la Russia dovrà accettare il prezzo più basso o subire un crollo delle entrate petrolifere. Alcuni esperti hanno suggerito che potrebbero essere prese in considerazione sanzioni “secondarie” per altri paesi, come l’India, che stanno cercando di minare il tetto dei prezzi pagando prezzi più alti. In caso di successo, l’idea consentirebbe all’Europa di restringere il petto di guerra della Russia e continuare a importare l’energia di cui ha bisogno per alimentare la sua domanda interna e industriale.

Funzionari occidentali hanno anche discusso l’imposizione di dazi sulle vendite di petrolio russo, che sarebbero attivati ​​da un intento simile al price cap. La tariffa richiederebbe che una parte delle vendite di petrolio russo andasse alle casse del governo europeo. Almeno in teoria, questo potrebbe costringere la Russia a vendere petrolio con uno sconto enorme o per niente. Questo meccanismo è considerato più facile da implementare perché i paesi hanno già in atto politiche tariffarie, mentre il limite massimo dell’aliquota sarebbe una nuova misura.

Yellen, un’ex presidente della Federal Reserve la cui esperienza economica è rispettata dagli europei, ha tentato quella che gli alleati descrivono come una “vendita morbida”, cercando di rispondere alle domande degli scettici piuttosto che fare pressioni pubblicamente sugli oppositori affinché adottino la proposta. I funzionari finanziari tedeschi hanno chiesto alle loro controparti americane maggiori informazioni sul piano e su come potrebbe essere attuato nella pratica, secondo tre persone che hanno familiarità con la questione, che hanno anche parlato a condizione di anonimato per discutere le deliberazioni interne.

READ  La Cina vince con il G7 sui rischi climatici in Belt and Road: sabato la New Economy

I critici affermano che l’Occidente dovrebbe muoversi più velocemente per aiutare l’Ucraina. Anche se la guerra in Ucraina si avvicina al suo terzo mese, la Russia continua a ricevere miliardi di dollari in vendite di petrolio e gas, fornendo al Cremlino un’ancora di salvezza finanziaria vitale. Questa fonte di finanziamento è particolarmente redditizia per la Russia ora che i prezzi dell’energia sono aumentati a livello internazionale. Sebbene l’economia russa sia stata generalmente indebolita dalla campagna di sanzioni occidentali, alcuni analisti ritengono che i proventi delle esportazioni di energia del paese potrebbero essere aumentati quest’anno. L’embargo petrolifero europeo richiederà probabilmente fino alla fine dell’anno, se non di più, per essere attuato, alimentando l’interesse per soluzioni che ridurrebbero immediatamente le entrate russe.

Gli americani lo stanno spingendo, ma con cautela e in modo amichevole ed efficiente. “Nessuno si sente troppo audace”, ha detto uno.

Ma gli europei non erano pronti a imporre un embargo immediato all’energia russa, temendo le conseguenze potenzialmente devastanti per le loro economie. La Commissione europea ha elaborato un piano per eliminare gradualmente il petrolio russo, ma tale sforzo deve ancora essere approvato tra le obiezioni di alcuni Stati membri, in particolare l’Ungheria, che dipende fortemente dalle importazioni russe. stato unito Vietate le importazioni di petrolio e gas naturale russi A marzo, tuttavia, il petrolio russo rappresentava circa il 3% del consumo statunitense. In cambio, l’Europa riceve circa un quarto del suo petrolio attraverso Mosca.

Né vi è alcuna garanzia che la Russia accetterà di continuare a vendere petrolio sotto il nuovo tetto dei prezzi, che potrebbe spingere l’Europa in recessione con conseguenze impreviste per l’economia globale. Putin ha detto questa settimana che l’Europa avrebbe commesso un “suicidio economico” se avesse rinunciato al petrolio russo. Alcuni esperti sottolineano che gli stessi ostacoli che rallentano i divieti possono anche rallentare la proposta di price cap. Un diplomatico dell’UE ha affermato che gli ucraini non hanno esercitato pressioni sul tetto dei prezzi nei loro contatti con i funzionari europei, sottolineando invece la necessità di embarghi e un sesto pacchetto di sanzioni.

“Proprio come l’Europa sta lottando per raggiungere il consenso su un divieto, farà anche fatica ad accettare una tariffa o un tetto massimo”, ha affermato Bob McNally, presidente del Rapidan Energy Group, una società di consulenza energetica. McNally ha affermato che anche l’Europa è tradizionalmente diffidente nei confronti delle sanzioni “secondarie” nei confronti di altri paesi che potrebbero essere necessarie per garantire l’efficacia dei massimali dei prezzi. McNally ha anche notato il rischio aggiuntivo che “i paesi dell’UE che dipendono fortemente dal petrolio russo dovranno pagare le tariffe invece di Mosca”.

READ  Non credere alla propaganda di Putin. Le sanzioni danneggiano la Russia.

Zelensky fa pressioni su Biden per aumentare la pressione economica su Mosca ed espandere le sanzioni

Ad aprile, il ministro delle finanze ucraino Sergei Marchenko ha dichiarato al Washington Post che il suo paese aveva espresso sostegno all’idea nei colloqui con i diplomatici occidentali, nonostante la sua preferenza per un divieto totale immediato. Il Canada, che a febbraio ha imposto un embargo petrolifero alla Russia, ha espresso sostegno al piano anche durante le riunioni di aprile del Fondo monetario internazionale a Washington, secondo un funzionario del governo canadese. Il Canada ha vietato tutte le importazioni di petrolio russo a febbraio e ne è sempre stato meno dipendente dell’Europa. Anche il premier italiano Mario Draghi In precedenza ha detto al Financial Times Ha lanciato limiti di prezzo per sfruttare il “potere di mercato” dell’Europa al fine di “ridurre l’assistenza finanziaria che diamo a Putin per continuare la guerra”.

David Kleiman, un esperto di commercio internazionale e visiting fellow presso Bruegel, un think tank con sede a Bruxelles, ha messo in dubbio i timori che una tariffa europea sulle importazioni possa spingere la Russia al rialzo dei prezzi del petrolio. Ha osservato che la Russia sta già vendendo petrolio a un prezzo inferiore al mercato, perché la domanda di petrolio non russo può essere soddisfatta da altri fornitori con relativa facilità.

I portavoce del governo tedesco non hanno risposto immediatamente a una richiesta di commento. I funzionari statunitensi hanno insistito sul fatto che non era una loro decisione.

I ricavi del petrolio e del gas sono una fonte di reddito molto importante per la Russia. “Vorremmo fare il possibile per ridurlo”, ha detto Yellen mercoledì a Bonn. “Questo è importante per l’Europa per decidere cosa pensano sia meglio. Ma abbiamo ancora quelle discussioni. Ci sono molte opzioni… Non stiamo cercando di dire loro cosa è nel loro migliore interesse”.

Quentin Aris ed Emily Rauhala hanno contribuito a questo articolo da Bruxelles.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post Marvel Legends rivela un’incredibile lista di nuove versioni
Next Post 4 takeaway quando i Celtics si scaldano in Gara 2 dopo il ritorno di Marcus Smart