“Compito separato per il rapporto EAC-PM, non può essere assunto dal governo”

Il rapporto dell’Economic Advisory Council (EAC-PM) del Primo Ministro sullo stato della disuguaglianza in India ha sorpreso alti funzionari del governo di Niti Bhavan, alcuni dei quali non erano a conoscenza del fatto che l’organo consultivo avesse commissionato un rapporto del genere o che i risultati fossero stati reso pubblico mercoledì. Il rapporto raccomandava al governo di lanciare un programma di occupazione garantita per i disoccupati urbani e di lanciare un regime di reddito di base universale (UBI) per ridurre i divari di reddito, tra le altre cose.

Mentre il rapporto, intitolato “Lo stato della disuguaglianza in India”, è stato pubblicato mercoledì dal presidente dell’EAC-PM Bibek Debroy, fonti hanno affermato che alti funzionari che lavorano a stretto contatto con l’organo consultivo per le politiche del governo non ne hanno ricevuto una copia fino ad ora. lanciare. “Ho appreso che c’era un rapporto del genere attraverso un articolo sui media”, ha detto un funzionario che lavora a stretto contatto con EAC-PM, a condizione di rimanere anonimo. Niti Bhavan nel centro di Delhi ospita EAC-PM. I funzionari che lavorano a stretto contatto con l’EAC-PM e l’organo consultivo hanno anche preso le distanze dal rapporto e dai suoi contenuti, che è stato preparato dall’Istituto per la competitività (IFC) con sede a Gurgaon. “Questo non è il rapporto EAC-PM, ma è stato appena consegnato loro. L’EAC-PM non approva necessariamente le raccomandazioni nel rapporto”, ha affermato un funzionario. Si è appreso che il rapporto potrebbe non essere presentato formalmente ai vertici del governo centrale.

Mentre fonti vicine al Primo Ministro dell’Africa orientale, comprese quelle coinvolte nella stesura del rapporto, hanno affermato che il rapporto era un compito “indipendente” senza alcun coinvolgimento o impostazione dell’agenda da parte del Presidente-Primo Ministro dell’EAC, alti funzionari del governo si sono chiesti perché il rapporto presentava il logo ufficiale dell’EAC-PM sulla copertina e che il suo rilascio da parte di Debroy è stato trasmesso tramite un comunicato del Press Information Bureau (PIB), che viene generalmente utilizzato per gli aggiornamenti ufficiali relativi al governo. “Siamo rimasti sorpresi dal fatto che il rapporto avesse il logo EAC-PM e che sia stato rilasciato tramite il PIB”, ha affermato un alto funzionario del governo.

READ  Il Covid-19 ha colpito l'Everest, ma non ha fermato la stagione delle scalate

Acquista ora | Il nostro miglior piano di abbonamento ora ha un prezzo speciale

Le richieste inviate a DeBrowie sono rimaste senza risposta fino alla sua pubblicazione. Le indagini inviate al Ministero delle Finanze in merito a tale questione non hanno giustificato una risposta.

L’International Finance Corporation, che fornisce servizi di consulenza a imprese e governi, è la filiale indiana della rete globale dell’Institute for Strategy and Competitiveness presso la Harvard Business School. In precedenza, ha lavorato a stretto contatto con Niti Aayog nella preparazione dell’ultimo Export Readiness Index del think tank governativo, la cui seconda edizione è stata rilasciata a marzo 2022, e dell’Indian Innovation Index, pubblicato l’ultima volta nel 2021. Questi indici sono stati lanciati da Niti Aayog con l’approvazione di Presidente Amitabh Kant e Centro di ricerca. L’IFC è guidato da Amit Kapoor, che, secondo il suo sito web, è nel consiglio di Competitiveness Initiatives in Messico, Paesi Bassi, Italia e Francia.

Anche la tempistica della relazione e alcune delle sue raccomandazioni sono cruciali: ad esempio, una delle sue principali raccomandazioni prevede l’introduzione di un reddito di base universale. Questa non è un’idea nuova e una politica simile è stata, in effetti, una parte importante della campagna dell’Indian National Congress in vista delle elezioni di Lok Sabha del 2019. Nel suo manifesto, il partito ha promesso 72.000 rupie all’anno ai più poveri Il 20 per cento delle famiglie indiane, che descriveva L’allora presidente del Congresso Rahul Gandhi lo definì un “attacco finale” alla povertà. Anche prima di allora, l’idea era stata approvata dall’ex consigliere economico capo Arvind Subramanian nell’indagine economica FY17 piuttosto che deviare il sussidio, che l’allora ministro delle finanze Arun Jaitley disse che potrebbe non essere politicamente fattibile in India nonostante il suo sostegno.

READ  Crescita sostenibile fondamentale per l'Italia a Expo - Di Maio - Italiano

Durante il lancio del rapporto mercoledì, DeBruy ha anche affermato che è difficile misurare la disuguaglianza di reddito in India, a causa della mancanza di dati completi, aggiungendo “quello che abbiamo e dovremmo avere sono i dati sulla distribuzione della spesa dei consumatori”. “Purtroppo, gli ultimi dati NSS completi su consumi e spesa sono per il 2011-12. E dopo non abbiamo avuto nulla”, ha detto DeBruy.

Per inciso, nel 2019, il Ministero delle statistiche e dell’attuazione del programma ha deciso di non pubblicare i risultati dell’All India Household Consumer Expenditure Survey (CES) condotta dall’Ufficio nazionale di statistica (NSO) nel periodo 2017-2018, citando “problemi di qualità dei dati”. , per il quale è stato fortemente criticato. Un rapporto dei media all’epoca pubblicato trapelava i risultati del 2017-18 che mostravano che la spesa media mensile pro capite (MPCE) aggiustata per l’inflazione è diminuita del 3,7% in India tra il 2011-12 e il 2017-2018, la prima in quattro decenni. Questo calo è stato guidato da un calo dell’8,8% nel vasto Mediterraneo rurale.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post Stephanie McMahon della WWE annuncia il “congedo” per concentrarsi sulla famiglia
Next Post Pregnancy Stakes Horse Racing: ora di inizio, come guardare e cosa sapere