Compagnie europee del gas i principali gasdotti dell’autostrada dell’idrogeno

Il progetto dell’idrogeno, che coinvolge tra le altre l’italiana Snam SpA, la spagnola Enagas SA e la tedesca Open Grid Europe (OGE), si baserà su vasti parchi solari che si estenderanno fino al Sahara per generare l’energia necessaria per produrre idrogeno dall’acqua.

Questo carburante verrà quindi trasportato nel cuore industriale dell’Europa lungo la rete esistente di gasdotti, una rete di 19.500 km (123.300 mi) che, se non si impigliasse, potrebbe circondare l’equatore quattro volte.

“Una volta che abbiamo il sole del deserto nelle fabbriche tedesche… è come le strade romane che percorriamo ancora oggi”, ha detto a Reuters Marco Alvera, presidente e amministratore delegato di Ricciardi. “È per sempre”.

Le aziende vogliono formare l’European Hydrogen Backbone (EHB) per evitare che le condutture si arrugginiscano in quelli che l’industria chiama “patrimoni incagliati”. Stimano che circa il 69% dei gasdotti esistenti potrebbe essere deviato per un massimo di 81 miliardi di euro (94 miliardi di dollari).

Il progetto è uno delle centinaia di piani per costruire un’economia dell’idrogeno, che secondo l’Unione Europea potrebbe comportare investimenti fino a 460 miliardi di euro entro il 2030.

La rete di approvvigionamento di idrogeno potrebbe aumentare la sicurezza energetica dell’Europa: il blocco attualmente fa affidamento sul gas naturale per il 28% del suo fabbisogno energetico, con un terzo del gas proveniente dalla Russia. I politici hanno recentemente accusato Mosca di aver interrotto le forniture poiché i prezzi del gas sono saliti a livelli record. La Russia afferma di aver soddisfatto tutti i suoi requisiti contrattuali.

“Penso che sia una grande idea”, ha detto a Reuters il commissario europeo per l’azione per il clima Frans Timmermans. Ha osservato che l’adattamento delle reti di gas naturale esistenti al trasporto dell’idrogeno rappresenta circa il 25% del costo di costruzione di nuove infrastrutture per l’energia rinnovabile.

Ma l’UE non fornisce liquidità per il progetto: deve provenire dall’industria o dai governi nazionali. Quindi avrai bisogno di sostegno politico e industriale.

Per avere successo, le reti del gas devono essere in grado di dirigere l’idrogeno miscelato con il gas naturale ai clienti che possono utilizzarlo, come produttori di acciaio, aziende chimiche e raffinerie. L’approvvigionamento deve essere sicuro e quantità sufficientemente grandi da essere accessibili a tutti.

READ  La scommessa sulla batteria del Texas in Tesla costa 1,3 miliardi di dollari alla casa automobilistica tedesca

Alla fine, se l’idrogeno verde può essere reso disponibile in grandi quantità, anche l’industria automobilistica e i fornitori di riscaldamento domestico potrebbero iniziare a usarlo. Gli studi dimostrano che non sarà fino al 2030.

Le società di rete del gas affermano che la sfida principale che devono affrontare ora è il fatto che l’Europa non dispone di un quadro normativo per adattare la rete. “Il regolamento deve definire l’idrogeno come un gas che può essere trasportato e utilizzato in modo simile al gas naturale”, ha affermato Maria Cecilia, direttore della strategia di Inagas. Se la regolamentazione stabilisce gli standard, ha affermato, le reti possono essere interconnesse.

volatilità

L’idrogeno è l’elemento più abbondante nell’universo e si trova principalmente legato all’ossigeno nell’acqua. Ma è anche uno dei materiali più combustibili. In passato, dozzine di palloni a idrogeno esplosi o bruciati, incluso l’incendio di Hindenburg del 1937, hanno convinto molti che l’idrogeno fosse rischioso.

Sanam e altre aziende affermano che il loro settore ha decenni di esperienza nella costruzione di infrastrutture, in primo luogo, quindi l’idrogeno non deve essere più pericoloso degli altri combustibili oggi in uso. Se l’idrogeno fuoriesce all’aria aperta, la sua concentrazione sale e scende rapidamente al di sotto del livello esplosivo, secondo Zukunft Gas, la lobby tedesca del gas.

Dal suo ufficio vicino alla camera a flusso di gas critico nella gobba della sede di Milano, negli ultimi tre anni, Ricciardi e il suo team hanno lavorato a poco a poco attraverso la più grande rete di trasporto del gas d’Europa per assicurarsi che possa gestire il gas. Sanam si è detta disposta a spendere più di 3 miliardi di euro per sostituire i gasdotti compatibili con l’idrogeno.

“Trasportiamo gas naturale da 80 anni”, afferma Ricciardi, il cui compito è stabilire gli standard che l’industria può accettare per rendere sicure le tubazioni. “Ora dobbiamo farlo con l’idrogeno.”

L’infiammabilità è solo un problema. Rispetto al gas naturale, l’idrogeno fuoriesce più facilmente perché le sue molecole sono più piccole. I suoi modelli di flusso variano e attacca persino alcuni tipi di acciaio, rendendoli fragili.

READ  L'Unione europea vede una crescita più forte in futuro. Ma che dire del panico del Delta?

Le modifiche richieste variano in base alla rete del gas, ma le aziende devono ispezionare accuratamente i tubi per assicurarsi che l’acciaio sia intatto e che le guarnizioni siano ermetiche. Potrebbe essere necessario adattare le stazioni di compressione lungo il percorso e le installazioni saranno dotate di sensori per monitorare le perdite e quindi sfiatare e deviare.

Il petrolio e altre industrie utilizzano già l’idrogeno come materia prima: la Germania fornisce circa un decimo del suo consumo energetico, principalmente in acciaio e prodotti chimici. Ma questo gas è costituito da combustibili fossili ed è noto come idrogeno “grigio”.

La rete di gasdotti comprende già quattro linee che collegano Algeria, Marocco, Libia e Tunisia con Spagna e Italia.

“Il problema ora, ovviamente, è che è pieno di gas naturale”, ha affermato Ad van Wijk, professore di sistemi energetici futuri alla Delft Technical University. Ma, ha detto, “la spina dorsale è già lì”. Sostiene di collegare l’Europa e l’Africa per alimentare il sistema energetico europeo utilizzando il 50% di energia rinnovabile e il 50% di idrogeno verde.

Il costo è un’altra preoccupazione. Ad oggi, l’idrogeno “verde” è stato prodotto principalmente per progetti sperimentali. La sua produzione costa da quattro a cinque volte il costo di produzione della varietà grigia.

Per ridurla, l’industria ei consumatori devono aumentare la produzione e la domanda.

Alvera di Sanam afferma che i pannelli solari nel sud della Spagna, nel deserto e in parti del Medio Oriente possono fornire elettricità rinnovabile a basso costo per alimentare gli impianti di elettrolisi che pompano l’idrogeno in tubi reindirizzati. La Spagna è già una delle località più economiche in Europa per produrre elettricità rinnovabile, secondo il consorzio industriale Solar Power Europe, e si prevede che i costi diminuiranno.

Nel frattempo, le aziende affermano di poter trasportare anche il gas prodotto da combustibili fossili ma con le emissioni risultanti catturate, note come idrogeno “blu”.

Thomas Desser, senior portfolio manager del mega fondo tedesco Union Investment, è scettico. Ritiene che “prima della metà del decennio, senza sussidi, non si possa fare soldi producendo idrogeno verde”.

Affermazioni competitive

La spina dorsale dell’idrogeno è ora in competizione per il denaro statale. La Germania è il maggior consumatore di energia in Europa. Berlino ha impegnato nove miliardi di euro fino al 2030 per sviluppare un’industria dell’idrogeno verde, di cui due miliardi di euro sono destinati a incrementare le importazioni da paesi partner come Marocco, Cile, Arabia Saudita e Australia.

READ  Il presidente dell'Italia afferma che il Paese può crescere del 6% nel 2021

Ma l’elettricità è un’altra fonte di energia relativamente pulita in rapida crescita e cresce anche la domanda per la rete di trasmissione elettrica tedesca. La Germania prevede di spendere 1 miliardo di euro entro il 2025 per infrastrutture di ricarica dei veicoli elettrici, oltre a centinaia di milioni per acquisti di premi e crediti d’imposta.

Il paese ospita la più grande casa automobilistica del mondo per volume, la Volkswagen AG con sede a Wolfsburg. Mentre le case automobilistiche stanno sviluppando prototipi di celle a combustibile a idrogeno insieme alle auto alimentate a batteria, le case automobilistiche europee non vedono l’idrogeno come la loro prima scelta energetica.

Volkswagen ha già impegnato miliardi di euro per la tecnologia dei veicoli elettrici a batteria. Ha detto a Reuters che crede che i cambiamenti nel funzionamento della mobilità dovrebbero avvenire in grandi volumi. Il CEO di VW Herbert Diess ha twittato a maggio che “un’auto a idrogeno ha dimostrato di non essere la soluzione rispettosa del clima”, affermando che “l’elettrificazione si è dimostrata efficace nel traffico”.

Tuttavia, sta emergendo una nuova domanda di idrogeno: a livello globale, entro luglio 2021 sono stati annunciati 359 progetti su larga scala, secondo l’Hydrogen Council e i consulenti McKinsey, che hanno affermato che l’80% delle nuove iniziative erano in Europa.

Sanam afferma di aver testato con successo una miscela di gas naturale e il 30% di idrogeno per accendere i forni di un’azienda siderurgica italiana.

A Milano, Ricciardi afferma che aumentare i tassi di miscelazione è difficile, quindi gli standard sono essenziali.

“Stiamo lavorando al nuovo regolamento per assicurarci che la rete sia all’altezza del lavoro”, ha detto Ricciardi. “C’è molto da cavalcare.”

(1 dollaro = 0,8648 euro)

(Segnalazione di Vera Eckert a Francoforte, Stephen Jewkes a Milano e Isla Beni a Madrid; Montaggio di Veronica Brown, Richard Valdmanes e Sarah Ledwith) ((stephen.jewkes@thomsonreuters.com ;))

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Smetti di sostenere un’azienda che non rispetta mai il talento
Next Post I media austriaci riferiscono che sarà deciso il blocco completo del COVID-19