Commemorazione dell’eruzione del Monte Sant’Elena | Terra

Oggi nella scienzaIl 18 maggio 1980, il Monte St. Helens ha subito un’eruzione catastrofica e mortale, causando la più grande frana mai registrata. All’inizio dell’anno, migliaia di piccoli terremoti, respirazione di vapore e un rigonfiamento crescente di 450 piedi (140 metri) indicavano che il magma si stava sollevando nel vulcano. Poi, alle 8:32 ora locale di 41 anni fa, un terremoto di magnitudo 5.1 ha scosso la montagna, innescando una massiccia frana e un’eruzione laterale che ha fatto crollare la parete nord del vulcano. Il magma caldo e compresso eruttò e il pennacchio di cenere raggiunse gli 80.000 piedi (15 miglia, 24 km), prima di coprire l’area circostante. Geologo USGS Descritto L’esplosione devastante:

Ha completamente distrutto un’area di 230 miglia quadrate in cinque-nove minuti. Fondamentalmente ha ucciso tutto all’interno di quella zona.

Cinquantasette persone, compreso un vulcanologo David A. Johnston E fotoreporter Red Blackburn, Ucciso durante l’eruzione del 18 maggio 1980 a Mount St. Helens. Il Osservatorio di Johnston Ridge A Toutle, Washington, prende il nome dal defunto vulcanologo. A partire dal 10 maggio 2021, mentre l’osservatorio stesso è chiuso senza una data di apertura fissa, è aperta l’area della piazza dietro l’edificio con una magnifica vista sul cratere e sull’area dell’eruzione.

Montagna ed acqua innevate nella priorità alta.

Prima: Mount St. Helens è stato fotografato sette anni prima dell’eruzione del 1980. Foto tramite US Forest Service / eruptionbook.com.

Montagna innevata con un cratere vulcanico alla sua sommità, pennacchi di fumo al centro, nuvole da dietro e riflesso nelle acque frontali.

distanza: Mount St. Helens è stato fotografato due anni dopo l’eruzione del 1980. Foto via Lynn Topinka / USGS.

La fitta foresta che copriva le pendici del vulcano è stata convertita in cenere all’interno di un’area nota come zona interna dell’esplosione, che si estendeva a circa 10 km dalla vetta. Anche gli alberi lontani dall’area interna dell’esplosione sono stati danneggiati dal caldo intenso. L’estensione totale dell’area forestale distrutta è nota come zona esplosiva. Negli ultimi decenni, questa regione si è lentamente ripresa con la vita.

Una zona montuosa ricoperta da tronchi di alberi caduti.

Questa foto aerea di un’esplosione di legname è stata scattata l’8 giugno 1980, dopo essere stata livellata dall’eruzione del Monte Sant’Elena. Immagine tramite USGS / Geoengineer.org.

Lahars – Colate di fango che trasportano detriti da eruzioni vulcaniche – si sono formate rapidamente dallo scioglimento del ghiaccio e della neve sui lati del Monte St. Helens. Le massicce frane che si sono verificate nell’eruzione del 1980 hanno inflitto case, strade e ponti alle comunità vicine.

I tronchi sono accanto a grandi camion capovolti.

particella Lahar Spazzava legname, camion e detriti lungo il percorso con lei lungo il fianco della montagna a Mount St. Helens il 18 maggio 1980. Immagine via D. Olson / National Park Service.

Oggi il Monte Sant’Elena è a 8,363 piedi (2,550 metri). Stratovulcano Si trova nella contea di Skamania, Washington, circa 400 metri più corto di quanto non fosse prima dell’eruzione del 1980. È il vulcano più attivo della Cascade Range, che si estende lungo la costa nord-occidentale del Nord America. La serie Cascade fa parte di Anello di fuoco del Pacifico. Mount St. Helens è ancora considerato uno dei I vulcani più pericolosi negli Stati Uniti d’America.

Dal 1980, Mount St.Helens ha continuato a subire periodici terremoti ed eruzioni vulcaniche, ma non nella stessa misura del 1980. Osservatorio del vulcano delle cascate Monitoraggio costante dell’attività sul Monte St. Helens.

Nuvole di cavolfiore grigio e nero su un vulcano.

Una foto del Monte St. Helens scattata durante l’eruzione del vulcano il 18 maggio 1980. Foto via Amman / Coombs / National Park Service.

Conclusione: il vulcano di Mount St. Helens è esploso in un incidente catastrofico il 18 maggio 1980, uccidendo 57 persone e cambiando drasticamente il paesaggio.

Guarda altri video dell’eruzione del Monte Sant’Elena

Il magma sta sorgendo all’interno del Monte Sant’Elena, ma non è prevista un’eruzione vulcanica

View from Space: Life Reclaiming Mount St. Helens

Cos’è l’Anello di Fuoco?

Diana Konners

READ  Mascherine di backup: Humboldt Public Health si unisce ad altre 25 contee per raccomandare di nascondere le mascherine in casa, indipendentemente dallo stato di vaccinazione | L'avamposto perduto della costa
Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post La sterlina britannica ha registrato un rally dopo i segnali di ripresa dell’occupazione nel Regno Unito. L’edilizia abitativa negli Stati Uniti inizia a diminuire Attività commerciale
Next Post Drew Barrymore si rammarica di aver lavorato con Woody Allen e loda Dylan Farrow per aver parlato