Commemorazione dell’eruzione del Monte Sant’Elena | Terra

Oggi nella scienzaIl 18 maggio 1980, il Monte St. Helens ha subito un’eruzione catastrofica e mortale, causando la più grande frana mai registrata. All’inizio dell’anno, migliaia di piccoli terremoti, respirazione di vapore e un rigonfiamento crescente di 450 piedi (140 metri) indicavano che il magma si stava sollevando nel vulcano. Poi, alle 8:32 ora locale di 41 anni fa, un terremoto di magnitudo 5.1 ha scosso la montagna, innescando una massiccia frana e un’eruzione laterale che ha fatto crollare la parete nord del vulcano. Il magma caldo e compresso eruttò e il pennacchio di cenere raggiunse gli 80.000 piedi (15 miglia, 24 km), prima di coprire l’area circostante. Geologo USGS Descritto L’esplosione devastante:

Ha completamente distrutto un’area di 230 miglia quadrate in cinque-nove minuti. Fondamentalmente ha ucciso tutto all’interno di quella zona.

Cinquantasette persone, compreso un vulcanologo David A. Johnston E fotoreporter Red Blackburn, Ucciso durante l’eruzione del 18 maggio 1980 a Mount St. Helens. Il Osservatorio di Johnston Ridge A Toutle, Washington, prende il nome dal defunto vulcanologo. A partire dal 10 maggio 2021, mentre l’osservatorio stesso è chiuso senza una data di apertura fissa, è aperta l’area della piazza dietro l’edificio con una magnifica vista sul cratere e sull’area dell’eruzione.

Montagna ed acqua innevate nella priorità alta.

Prima: Mount St. Helens è stato fotografato sette anni prima dell’eruzione del 1980. Foto tramite US Forest Service / eruptionbook.com.

Montagna innevata con un cratere vulcanico alla sua sommità, pennacchi di fumo al centro, nuvole da dietro e riflesso nelle acque frontali.

distanza: Mount St. Helens è stato fotografato due anni dopo l’eruzione del 1980. Foto via Lynn Topinka / USGS.

La fitta foresta che copriva le pendici del vulcano è stata convertita in cenere all’interno di un’area nota come zona interna dell’esplosione, che si estendeva a circa 10 km dalla vetta. Anche gli alberi lontani dall’area interna dell’esplosione sono stati danneggiati dal caldo intenso. L’estensione totale dell’area forestale distrutta è nota come zona esplosiva. Negli ultimi decenni, questa regione si è lentamente ripresa con la vita.

Una zona montuosa ricoperta da tronchi di alberi caduti.

Questa foto aerea di un’esplosione di legname è stata scattata l’8 giugno 1980, dopo essere stata livellata dall’eruzione del Monte Sant’Elena. Immagine tramite USGS / Geoengineer.org.

Lahars – Colate di fango che trasportano detriti da eruzioni vulcaniche – si sono formate rapidamente dallo scioglimento del ghiaccio e della neve sui lati del Monte St. Helens. Le massicce frane che si sono verificate nell’eruzione del 1980 hanno inflitto case, strade e ponti alle comunità vicine.

I tronchi sono accanto a grandi camion capovolti.

particella Lahar Spazzava legname, camion e detriti lungo il percorso con lei lungo il fianco della montagna a Mount St. Helens il 18 maggio 1980. Immagine via D. Olson / National Park Service.

Oggi il Monte Sant’Elena è a 8,363 piedi (2,550 metri). Stratovulcano Si trova nella contea di Skamania, Washington, circa 400 metri più corto di quanto non fosse prima dell’eruzione del 1980. È il vulcano più attivo della Cascade Range, che si estende lungo la costa nord-occidentale del Nord America. La serie Cascade fa parte di Anello di fuoco del Pacifico. Mount St. Helens è ancora considerato uno dei I vulcani più pericolosi negli Stati Uniti d’America.

Dal 1980, Mount St.Helens ha continuato a subire periodici terremoti ed eruzioni vulcaniche, ma non nella stessa misura del 1980. Osservatorio del vulcano delle cascate Monitoraggio costante dell’attività sul Monte St. Helens.

Nuvole di cavolfiore grigio e nero su un vulcano.

Una foto del Monte St. Helens scattata durante l’eruzione del vulcano il 18 maggio 1980. Foto via Amman / Coombs / National Park Service.

Conclusione: il vulcano di Mount St. Helens è esploso in un incidente catastrofico il 18 maggio 1980, uccidendo 57 persone e cambiando drasticamente il paesaggio.

Guarda altri video dell’eruzione del Monte Sant’Elena

Il magma sta sorgendo all’interno del Monte Sant’Elena, ma non è prevista un’eruzione vulcanica

View from Space: Life Reclaiming Mount St. Helens

Cos’è l’Anello di Fuoco?

Diana Konners

READ  La Nuova Zelanda annuncia il primo decesso legato al vaccino Pfizer COVID-19
Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post La sterlina britannica ha registrato un rally dopo i segnali di ripresa dell’occupazione nel Regno Unito. L’edilizia abitativa negli Stati Uniti inizia a diminuire Attività commerciale
Next Post Drew Barrymore si rammarica di aver lavorato con Woody Allen e loda Dylan Farrow per aver parlato