Come Putin ha già indebolito l’economia ucraina

Kiev, Ucraina – Pavlo Kalyuk, un agente immobiliare indipendente nella capitale ucraina, vendeva e affittava proprietà a clienti provenienti da Stati Uniti, Francia, Germania e Israele. Poi, a novembre, quando la Russia ha iniziato a dispiegare le sue forze lungo i confini del paese, gli accordi si sono rapidamente prosciugati.

“A Kiev, se si parla di appartamenti di livello medio o superiore, la maggior parte degli affari è sospesa perché non siamo sicuri di cosa accadrà domani”, ha affermato Kalyuk, 34 anni.

L’Ucraina, che è in guerra con la Russia dal 2014, è ancora una volta in soggezione per l’animazione sospesa. Gli Stati Uniti stimano che 190.000 soldati russi e separatisti sostenuti da Mosca stiano assediando il paese e all’interno del territorio controllato dai separatisti, mentre il presidente Biden e altri leader occidentali avvertono che un’invasione o un attacco potrebbe verificarsi in qualsiasi giorno, lasciando decine di migliaia di feriti. o ucciso.

Senza dichiarare esplicitamente guerra o intraprendere azioni che porterebbero alle dure sanzioni promesse dall’Occidente, il presidente russo Vladimir Putin è riuscito ancora una volta a destabilizzare l’Ucraina e chiarire che la Russia può distruggere l’economia del Paese. L’annunciata evacuazione la scorsa settimana di cittadini statunitensi, britannici e canadesi ha portato al panico. Diverse compagnie aeree internazionali hanno sospeso i voli per il Paese. Le esercitazioni navali russe nel Mar Nero hanno messo in luce la vulnerabilità dei porti ucraini, vitali per la navigazione commerciale.

Per quanto riguarda la proprietà?

“Il numero di ordini sta diminuendo ogni giorno”, ha affermato Kalyuk.

L’ansia che si sta diffondendo a Kiev è esattamente ciò che Putin spera di ottenere, secondo Pavlo Kokta, consigliere del ministro dell’Energia ucraino. “Quello che vogliono fare è l’equivalente di vincere la guerra senza sparare un solo colpo, provocando così tanto panico qui”, ha detto il signor Kokta.

Timofey Milovanov, capo della Kiev School of Economics ed ex ministro dello sviluppo economico, ha affermato che la sua fondazione stima che la crisi sia già costata all’Ucraina “diversi miliardi di dollari”, solo nelle ultime settimane. La guerra o un assedio prolungato non faranno che aggravare la situazione.

“O subisci un’invasione”, ha detto, “o la tua economia viene danneggiata”.

Il primo duro colpo è arrivato lunedì quando due compagnie aeree ucraine hanno dichiarato di non essere in grado di ottenere l’assicurazione per i loro voli, costringendo il governo ucraino a creare un fondo assicurativo da 592 milioni di dollari per far volare gli aerei. L’11 febbraio, gli assicuratori con sede a Londra hanno avvertito le compagnie aeree che non sarebbero state in grado di assicurare i voli per l’Ucraina o quelli che sorvolano il suo spazio aereo. La compagnia aerea olandese KLM ha risposto dicendo che avrebbe interrotto i voli. Diversi passeggeri olandesi erano a bordo del volo Malaysia Airlines MH17 quando è stato abbattuto nel territorio detenuto dai ribelli filo-Mosca nel 2014. La compagnia aerea tedesca Lufthansa ha dichiarato che stava valutando la sospensione.

READ  Uno studio mostra che il mercato della moda di lusso è in crescita nonostante l'inflazione e la guerra

Martedì, l’Ucraina è stata colpita da un attacco informatico su larga scala, con gli hacker che hanno invaso i server che ospitavano siti Web fino a quando i server non si sono sovraccaricati e si sono spenti. I funzionari hanno accusato la Russia, anche se il Cremlino ha negato il suo coinvolgimento. Tuttavia, i funzionari ucraini hanno affermato che è stato il più grande attacco distribuito di negazione del servizio nella storia del paese, preso di mira i ministeri del governo e le banche statali.

“Vogliono che le persone inizino a correre nelle banche”, ha aggiunto Kokta. “La guerra è un ibrido giocato dai russi in diverse aree, inclusa l’economia”.

All’inizio della settimana, Irina Gorovaya e altri imprenditori a Kiev hanno organizzato la campagna “Resta in Ucraina” per cercare di radunare le persone dietro le imprese locali colpite dalla turbolenza economica. La signora Gurovaya, amministratore delegato di Mozgi Group, un’agenzia creativa, ha affermato che i festival e altri eventi stanno perdendo denaro rapidamente perché le persone sono riluttanti ad acquistare i biglietti.

“Le persone sono sedute a casa a pensare a cosa accadrà domani”, ha detto.

Sulla costa meridionale dell’Ucraina, l’arrivo della Marina russa per condurre esercitazioni nel Mar Nero è stato un altro promemoria della vulnerabilità dell’Ucraina, sia militarmente che economicamente, perché in caso di guerra, i porti vitali del paese potrebbero essere bloccati. Finora, la Russia ha consentito che un passaggio rimanesse aperto per la navigazione commerciale e non ci sono state interruzioni alle operazioni nei porti ucraini.

“Non abbiamo alcuna garanzia, ma al momento stiamo lavorando normalmente”, ha affermato Alexander Mukhin, che lavora nell’ufficio di sviluppo nel porto di Mykolaiv, nel sud dell’Ucraina.

READ  'Maxi processo' italiano porta a 70 sospetti in 'Ndrangheta | Italia

Durante una visita al porto questa settimana, un odore bruciante di olio di girasole, una delle principali esportazioni dell’Ucraina, aleggiava nell’aria. L’olio è stato pompato attraverso una serie di tubi in una nave italiana di colore rosso brillante, la Saracena. L’Ucraina esporta circa 300 mila tonnellate di olio di girasole all’anno.

Durante la seconda guerra mondiale il porto fu teatro di aspri combattimenti. Parte di essa deve ancora essere riparata dai pesanti bombardamenti avvenuti quando le forze sovietiche hanno combattuto per reclamarla dai nazisti.

Anche il porto di Odessa, il più grande porto di petrolio e gas del paese e un importante snodo per le esportazioni di grano, è un potenziale obiettivo, soprattutto data l’elevata simpatia della città per i separatisti filo-russi nel 2014. Alcuni analisti militari hanno avvertito che la Russia potrebbe tentare di prendi Odessa se l’esercito invade. .

Ma anche senza un blocco o un attacco totale, i porti possono ancora essere impantanati dalla paura del rischio tra gli assicuratori internazionali. Martedì il mercato assicurativo marittimo a Londra incluso Le acque russe e ucraine nei mari Nero e Azov sono considerate ad alto rischio, il che rende più costoso il trasporto di merci da e verso i porti. Ciò aggiungerà una maggiore pressione economica sull’Ucraina, che dipende dai suoi porti sul Mar Nero per le esportazioni di grano.

Ufficiale in pensione dell’esercito degli Stati Uniti, Ben Hodges, di recente confronto Le forze terrestri e navali russe circondano il paese come uno “stretto serpente intorno all’Ucraina, soffocandone l’economia e minacciando ulteriormente la sua sovranità”.

Il Cremlino mira a “rendere l’Ucraina uno stato fallito, cosa che pensano di poter ottenere applicando una pressione costante”, ha scritto su Twitter, “senza effettivamente lanciare una nuova offensiva”.

Ma la risposta degli Stati Uniti alla crisi ha fatto arrabbiare anche alcuni, fomentando il panico con allarmanti avvertimenti di un’imminente invasione o con la decisione di evacuare parte del personale dell’ambasciata da Kiev e aprire un ufficio temporaneo nella città occidentale di Lviv, vicino al confine con la Polonia.

READ  Il secondo G20 DEWG si concentra sulla connettività digitale per il ripristino

“Quando qualcuno decide di trasferire l’ambasciata a Leopoli, dovrebbe capire che una notizia del genere costerà all’economia ucraina diverse centinaia di milioni di dollari”, ha detto in un’intervista televisiva David Arakamia, leader del servitore al governo del Partito popolare, aggiungendo: ” Ogni giorno contiamo le perdite dell’economia”. Non possiamo prendere in prestito dai mercati esteri perché i tassi sono folli. Molti esportatori ci rifiutano”.

Olena Bilan, capo economista di Dragon Capital, una società di investimento, ha affermato che l’economia ucraina dovrebbe crescere di circa il 4% quest’anno, ma la crisi militare ha ridotto di quasi la metà le previsioni.

Tuttavia, ha affermato Bilan, l’Ucraina è molto meglio preparata economicamente rispetto a quando è iniziata l’aggressione russa nel 2014. Le sue riserve di valuta estera hanno raggiunto livelli storici e ha in gran parte separato la sua economia dalla Russia, a parte le importazioni di petrolio e coke. industria siderurgica.

Kota ha affermato che l’Ucraina si sta anche preparando a disconnettersi dalla rete elettrica russa e l’assistenza finanziaria dell’Unione Europea e degli Stati Uniti sta aiutando a rassicurare investitori e assicuratori preoccupati.

“Viviamo in condizioni tali che non sono stabili già da otto anni”, ha affermato Kalyuk, l’agente immobiliare. “Ci sono abituato e cerco di essere flessibile.”

Oggi solo un gruppo di investitori stranieri sembra impassibile: i bielorussi che stanno cercando di sfuggire al governo dell’uomo forte di Alexander G. Lukashenko, uno dei più stretti alleati di Putin, ha detto Kalyuk.

“L’Ucraina è la regione di confine tra il mondo libero e il mondo della dittatura”, ha affermato Kalyuk. “Siamo fortunati ad essere dalla parte buona del confine. È nostro destino proteggere le nostre libertà e essere solidali con il mondo libero”. Dopo aver riflettuto un momento, ha aggiunto che non è stato “fortunato”; È stato pagato con il sangue di coloro che sono morti nella rivolta del 2014 che ha espulso da Kiev un governo sostenuto da Mosca e le 14.000 persone uccise nella guerra che ne è seguita. “Dobbiamo lottare per questo”, ha detto il signor Kalyuk.

Michael SchwartzContribuito alla segnalazione da Mykolaiv.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post Spruzzalo o saltalo?
Next Post “Possiamo competere con chiunque”, il messaggio positivo di Eddie Howe ai giocatori del Newcastle prima del West Ham