Come la lingua inglese ha conquistato il mondo

L’ascesa della lingua inglese
La politica globale e il potere del linguaggio
di Rosmarino Salomon

“Ogni volta che si pone la questione della lingua”, diceva il filosofo marxista italiano Antonio Gramsci Scriveva: «In un modo o nell’altro emergono una serie di altri problemi», come «l’espansione della classe dirigente», «i rapporti tra i gruppi dirigenti e le masse popolari» e la lotta per la «cultura». ” dominio.” Assoluzione di Gramsci, Rosmarino Salomone The Rise of the English esplora le guerre linguistiche che imperversano nel mondo, rivela i rischi politici, economici e culturali dietro queste guerre e mostra che la lingua inglese è finora vittoriosa. È un libro infinitamente panoramico, affascinante e che apre gli occhi, con fatti accattivanti su quasi ogni pagina.

L’inglese è la lingua più parlata al mondo, con circa 1,5 miliardi di parlanti sebbene sia originario di meno di 400 milioni. L’inglese rappresenta il 60% dei contenuti Internet globali ed è la lingua franca della cultura pop e dell’economia globale. Tutte le 100 riviste scientifiche più influenti del mondo sono pubblicate in inglese. “In tutta Europa, quasi il 100 percento degli studenti studia l’inglese a un certo punto della propria istruzione”.

Anche in Francia, dove affrontare il predominio della lingua inglese è un’ossessione ufficiale, la lingua inglese è la vincitrice. I burocrati francesi cercano costantemente di vietare “come giocatoree buio la rete e forgiato newsletterSalomon scrive, ma i loro editti sono “tranquillamente ignorati”. Anche se la legge francese ha chiamato Legge di Tobon “Richiede il 35 percento delle stazioni radio per riprodurre canzoni francesi”, “il restante 65 percento è sommerso dalla musica americana”. Molti giovani artisti francesi cantano in inglese. Per legge, gli scolari francesi devono studiare una lingua straniera e, sebbene siano disponibili otto lingue, il 90 percento sceglie l’inglese.

Salomon, Kenneth Wang Professor of Law presso la St. John’s University School of Law, tende a dare un’occhiata al motivo per cui l’inglese vince, dicendo semplicemente che l’inglese è la lingua del neoliberismo e della globalizzazione, il che sembra sollevare la questione. Ma è accurato e meticoloso nel raccontare le battaglie sulla politica linguistica in paesi che vanno dall’Italia al Congo, e nell’analizzare vincitori e vinti inaspettati.

READ  La Cina vince con il G7 sui rischi climatici in Belt and Road: sabato la New Economy

Esattamente quali i vantaggi della lingua inglese sono complessi. Ovviamente avvantaggia i madrelingua inglesi. Gli americani, con quello che Salomon chiama un “monolingua arrogante”, spesso non si rendono conto del vantaggio che hanno a causa del dominio globale della loro lingua madre. L’inglese beneficia anche delle minoranze collegate a livello globale e dominanti sul mercato nei paesi non occidentali, come i bianchi di lingua inglese in Sud Africa o l’élite tutsi di lingua inglese in Ruanda. Nelle ex colonie francesi come Algeria e Marocco, il passaggio dal francese all’inglese è visto non solo come una chiave di modernizzazione, ma come una forma di resistenza contro il loro passato coloniale.

In India, il ruolo della lingua inglese è sorprendentemente complesso. Il Partito popolare indiano nazionalista indù al potere preferisce ritrarre l’inglese come la lingua dei colonialisti, ostacolando così la visione di un’India unita tra la cultura indù e quella indiana. Al contrario, per i parlanti di lingue non indiane e per i membri delle caste inferiori, l’inglese è spesso visto come uno scudo contro il dominio della maggioranza. Alcuni riformatori vedono l’inglese come una “lingua di uguaglianza” in contrasto con le lingue indiane, che portano “l’eredità della casta”. La lingua inglese è anche un simbolo di status sociale. Come dice un personaggio in uno dei film di successo di Bollywood, “l’inglese non è solo una lingua in questo paese. È una classe. “Nel frattempo, i genitori dell’Indo-Tiger, “dal più ricco al più povero”, stanno facendo pressioni per il loro ai bambini da insegnare l’inglese, prendendolo come biglietto per andare avanti.

Il capitolo di Salomon in Sud Africa è tra i più interessanti del libro. Insieme all’afrikaans, l’inglese è una delle 11 lingue ufficiali del Sud Africa e, sebbene solo il 9,6% della popolazione parli inglese come prima lingua, “domina in ogni settore”, compreso il governo, Internet, gli affari, le trasmissioni , la stampa e gli striscioni, musica di strada e folk. Ma l’inglese non è solo la lingua dell’élite politica e imprenditoriale del Sud Africa. Era anche il linguaggio della resistenza nera al sistema di apartheid dominato dagli afrikaner, conferendogli un enorme significato simbolico. Pertanto, gli ultimi anni hanno visto attivisti neri poveri e della classe operaia spingere affinché nelle università venisse insegnato solo l’inglese, anche se molti di loro non parlano correntemente la lingua. Tuttavia, gli oppositori dell’inglese sostengono che l’allontanamento dall’istruzione afrikaans danneggia in modo sproporzionato i poveri di tutte le razze, compresi i neri a basso reddito, i bianchi e i sudafricani “di colore” di razza mista. Nel frattempo, gli attivisti di colore stanno “sfidando il giovane duo anglo-afrikaans ed esplorando forme di espressione alternative, come l’AfriKaaps”, una forma di afrikaans promossa da artisti hip-hop. Per ora, però, “l’impegno costituzionale per l’uguaglianza linguistica in Sud Africa è nel migliore dei casi ambizioso” e “l’inglese è dominante nel suo potere economico”.

READ  L'euro può sopravvivere? - Critica progressista (Joseph Stiglitz, prima parte)

Imparare l’inglese è vantaggioso, con “rendimenti positivi sul mercato del lavoro in tutto il mondo”. In tutto il mondo accademico oggi, anche in Europa e in Asia, “la regola non è più ‘pubblica o muori’, ma piuttosto ‘pubblica in inglese… o muori'”. . Dal 5% (Tunisia) a uno sbalorditivo 200% (Iraq) in più rispetto ai loro omologhi non anglofoni”. un reddito elevato è associato alla conoscenza dell’inglese.

Salomon conclude con una breve discussione sul monolinguismo americano, descrivendo ondate di ansia politica per le minacce all’inglese come lingua nazionale, mentre chiede un maggiore multilinguismo nei paesi di lingua inglese. Oltre ai vantaggi economici di parlare più lingue in un mondo globalizzato, Salomon cita studi che dimostrano che l’apprendimento di nuove lingue migliora la funzione cognitiva complessiva. Inoltre, sostiene, “osservare la vita attraverso un’ampia lente culturale e linguistica porta a una maggiore creatività e innovazione”.

Ci sono punti deboli in The Rise of the English Language. Soprattutto, il libro manca di qualsiasi tesi chiara oltre a suggerire che “il linguaggio è politico. È complicato”. Inoltre, il libro non è correlato tra loro e non riflette la variabilità dei suoi casi di studio; Mi sono spesso trovato a chiedermi perché le esperienze di (ad esempio) Francia, Italia o Danimarca fossero diverse e cosa dovremmo trarre da questo fatto.

Infine, il libro non fornisce un quadro valutativo chiaro. Salomone si concentra principalmente sui fattori economici immediati (che spesso si riducono alla stessa cosa: l’accesso ai mercati mondiali), ma c’è un po’ di discussione avanzata anche su altri argomenti sfuggenti, come razza, equità, colonialismo e imperialismo. Questo guazzabuglio di cose incommensurabili potrebbe risalire alle origini del libro. Salomon ha scritto nella sua prefazione: “Il mio piano iniziale era quello di scrivere un libro sul valore del linguaggio nell’economia globale”. Ma “più scavo… più guardo alle questioni da una prospettiva globale più ampia, emergono legami più chiari con la giustizia educativa, l’identità e la partecipazione democratica”. Sfortunatamente, non ha mai affrontato questi problemi più profondi.

READ  La crisi economica in Afghanistan si aggrava con la fine del ponte aereo

Il mandarino, con i suoi 1,11 miliardi di parlanti, alla fine sostituirà l’inglese come lingua franca mondiale? Google Translate o Microsoft indagheranno sul problema? Anche il libro esauriente e scrupoloso di Salomon affronta queste domande (la conclusione probabilmente non lo è).

La motivazione per l’inglese – o qualsiasi altra lingua – come lingua franca universale si basa principalmente sulla competenza economica. Al contrario, le ragioni della protezione delle lingue locali compaiono per lo più in documenti diversi: l’importanza del patrimonio culturale; La geopolitica della resistenza alle grandi potenze. il valore dell’arte aborigena; La bellezza di parole distinte in altre lingue che descrivono tutti i diversi tipi di neve o i diversi sapori del blues. Come ci ha ricordato Gramsci, la questione di chi parla quale lingua mette sempre tutto questo sul tavolo.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post Puma MB.01 Rick e Morty LaMelo Ball data di rilascio
Next Post I Timberwolves ebbero un grande successo nelle città gemelle di New York