Come la Cina punisce le multinazionali per essersi pronunciate contro le controverse politiche di Pechino

Nei 12 mesi trascorsi dalla Better Cotton Initiative, i cui membri vanno da Fast Retailing Co., proprietario Uniqlo, ha pubblicato… a Nike Inc. a Walmart Inc. , una dichiarazione sulle accuse di lavoro forzato nella regione di coltivazione del cotone dello Xinjiang, molti grandi marchi hanno sofferto. Contrattempi in Cina, uno dei maggiori produttori e consumatori tessili del mondo.

L’organizzazione non è riuscita a raggiungere gli obiettivi di produzione l’anno scorso e le aziende, tra cui Levi Strauss & Co., hanno ridotto. e il produttore cinese di scarpe sportive Anta Sports Products Ltd. Condividilo. Altri sono rimasti in silenzio, ritirando dai loro siti web le dichiarazioni di preoccupazione per la situazione nello Xinjiang. Il fatturato di Hennes & Mauritz AB in Cina, un tempo il quarto mercato più grande, è sceso del 40% nell’ultimo trimestre.

Sebbene la dichiarazione della BCI sia scomparsa da tempo dal sito web del gruppo, ci sono poche indicazioni di una tregua. Invece, la Cina, che afferma che le accuse di violazioni dei diritti umani sono prive di fondamento, sta intensificando la sua risposta. Alla fine di settembre, ha lanciato una campagna di reclutamento per un programma di certificazione di sostenibilità che avrebbe compromesso BCI, con le prime domande da presentare entro venerdì.

L’escalation del conflitto mostra quanto sia difficile per i marchi soddisfare le richieste dei consumatori occidentali e dei gruppi per i diritti umani per una maggiore sostenibilità senza rischiare una guerra aperta con la Cina, che è diventata più disposta a esercitare la sua influenza per difendere le sue politiche. È anche una potenziale battuta d’arresto per il più ampio movimento ESG che sta radunando gli investitori istituzionali attorno alla bandiera del miglioramento degli obiettivi ESG.

“Quindi non cambierà nulla”, ha affermato Therese Cave, analista di supervisione di Sarasin & Partners, che possiede azioni di Asos Plc e Associated British Foods Plc, proprietaria della catena Primark.

BCI, con sede a Ginevra, ha rifiutato di commentare la Cina per questo articolo.

Comfort, praticità e costo relativamente basso hanno reso il cotone la fibra tessile più utilizzata al mondo. Più di 26 milioni di tonnellate di arbusti vengono strappati ogni anno e filati. Tanto basta per salvare almeno venti magliette per ogni persona del pianeta.

Ma c’è un lato brutto di questo successo. La coltivazione del cotone richiede spesso enormi quantità di acqua e pesticidi. È difficile osservare le pratiche di lavoro in campi remoti dove vengono coltivati ​​molti.

La Better Cotton Initiative è stata creata nel 2009, per riunire gli sforzi del settore per ripulire la catena di approvvigionamento. Il gruppo sta cercando di aiutare gli agricoltori a passare a metodi più ecologici, assicurandosi che il cotone rimanga accessibile. L’organizzazione dice anche che si rifiuta di lavorare in paesi dove “il lavoro forzato è regolato dal governo”.

Lo stallo scoppiato lo scorso ottobre segue la decisione del governo degli Stati Uniti di vietare alcune importazioni dallo Xinjiang, dove le autorità cinesi detengono più di un milione di uiguri e altre minoranze etniche e religiose nei campi di “rieducazione” in quello che costituisce un genocidio in corso. La Cina ha ripetutamente negato queste accuse.

READ  Gli esperti dell'OMS affermano che la ricerca urgente delle origini del Covid è "interrotta"

Sebbene BCI non si sia completamente ritirato dalla Cina, ha affermato che si concentrerà su altre aree del paese. Pechino ha risposto con dure critiche ai marchi di moda occidentali, portando a richieste di boicottaggio. I proprietari hanno chiuso alcuni negozi H&M per rappresaglia per una dichiarazione non datata sul suo sito Web che esprimeva preoccupazione per le segnalazioni di lavoro forzato nello Xinjiang.

Decine di celebrità cinesi hanno rescisso i loro contratti con aziende associate a BCI tra cui H&M, Adidas AG e Nike, con l’attrice e modella Zhou Dongyu, ex ambasciatrice del marchio per Burberry Group Plc, affermando che il produttore di giacche non ha annunciato la sua posizione sul cotone dello Xinjiang.

Veronica Bates-Casatli, analista indipendente per i reclami sulla sostenibilità nel settore dell’abbigliamento globale ed ex economista della Banca mondiale, ha affermato che il panel ha evidenziato una situazione difficile per i marchi stranieri.

“Non possono permettersi di infastidire i consumatori cinesi e non sopportano i produttori cinesi”, ha detto.

BCI si è espansa così rapidamente – ora conta più di 2.100 membri – ed è così pervasiva che la sua produzione rappresenta quasi un quarto della produzione mondiale di cotone. 2,4 milioni di agricoltori sono autorizzati a vendere cotone certificato FAO, finanziato dalle quote associative e dall’imposta sulle vendite.

C’è anche un incentivo a diventare un membro, poiché i prodotti certificati BCI aiutano i giganti della moda ad affinare le loro credenziali di sostenibilità. I nuovi membri continuano ad aderire – quasi 190 nel primo semestre. Tra questi c’è Boohoo Group Plc, il rivenditore di fast fashion online britannico che sta cercando di ripulire la propria catena di approvvigionamento.

Pochi dei principali marchi parleranno apertamente delle loro discussioni con BCI su come monitorare il cotone dello Xinjiang. Ad esempio, Burberry ha rimosso i riferimenti al gruppo nel suo rapporto annuale pubblicato a giugno, dopo aver citato l’organizzazione un anno prima. BCI elenca Burberry come membro sul suo sito web. La società ha rifiutato di commentare questa storia.

“Le aziende stanno facendo tutto il possibile per evitare questo tipo di conversazioni pubbliche”, ha affermato Bertil Kinki, co-responsabile della ricerca ESG presso Sycomore Asset Management. “Ora stanno solo evitando di essere davvero coinvolti in esso.”

Le persone che hanno familiarità con la situazione hanno affermato che una volta che la BCI ha pubblicato la dichiarazione sulle presunte violazioni dei diritti umani, alcuni membri hanno espresso frustrazione per aver oltrepassato la sua missione principale di sostenibilità ambientale e aver virato in aree in cui non disponeva di conoscenze o esperienza sufficienti.

READ  Facebook: Facebook è più debole di quanto sapevamo che fosse

Il nuovo responsabile della sostenibilità di Levi Strauss, Geoff Hogg, entrato a far parte dell’anno scorso, ha deciso di non prendere posto nel consiglio di amministrazione di BCI anche se il rivenditore, che ha sostenuto la formazione del programma, avrebbe dovuto mantenere tale posizione fino al 2022. Levi, che non è ancora membro di BCI, Hogue ha affermato di essere attualmente concentrata sull’imminente rilascio del primo rapporto di sostenibilità dell’azienda e sulla divulgazione ESG.

Al culmine della crisi della provincia, BCI ha affermato che la decisione di sospendere la licenza impedirebbe a quasi 500.000 tonnellate di cotone dello Xinjiang di entrare nella catena di approvvigionamento globale.

È difficile risalire all’origine del cotone a causa delle numerose fasi del processo produttivo. Si parte dal cotone grezzo prodotto in remoti villaggi di paesi come Cina, India o Mozambico. I semi vengono estratti, le spirali vengono rimosse e le fibre vengono filate in iarde. Vengono portati negli stabilimenti che producono e tingono il tessuto, spesso con prodotti tossici e poca tutela ambientale. I tessuti vengono venduti ai produttori di abbigliamento, che spediscono i prodotti finiti ai negozi di tutto il mondo.

L’industria della moda e dell’abbigliamento è stata scossa nel profondo nel 2013 quando una fabbrica di abbigliamento in Bangladesh è crollata. La tragedia ha ucciso più di 1.000 persone, mettendo in luce un’industria che da tempo paga profitti a scapito del benessere di chi sta alla base della catena produttiva.

Dopo l’incidente, i marchi si sono impegnati a migliorare gli standard di lavoro, incluso l’aumento del numero di etichette e testimonianze intese a dimostrare che l’industria sta affrontando pratiche di lavoro abusive.

Le autorità dalla Francia agli Stati Uniti stanno conducendo indagini che potrebbero far luce su ciò che sta accadendo nello Xinjiang.

Diversi gruppi di campagne francesi hanno presentato una denuncia legale ad aprile contro due membri della BCI: la giapponese Uniqlo e la spagnola Inditex SA, la madre di Zara. È stato nominato anche il gruppo di moda francese SMCP SA, proprietario di marchi come Maje e Sandro, oltre a Skechers USA Inc.. La denuncia accusava le quattro società di trarre profitto dal lavoro forzato per la minoranza uigura cinese e di crimini contro l’umanità. I pubblici ministeri francesi hanno avviato un’indagine a giugno.

Sia SMCP che Inditex hanno negato con forza le accuse e hanno affermato che avrebbero collaborato pienamente alle indagini. Inditex ha affermato che i controlli di tracciamento vengono implementati “rigorosamente” sui suoi vestiti. Fast Retailing ha affermato che non c’è lavoro forzato nella sua catena di approvvigionamento e intende collaborare con le autorità se contattato.Skechers ha rifiutato di commentare il contenzioso in sospeso, ma ha affermato che i precedenti audit dei fornitori non avevano riscontrato l’uso del lavoro forzato.

Il mese scorso è stata presentata una denuncia penale contro la catena di moda C&A e altri rivenditori dal Centro europeo per i diritti costituzionali e umani, accusandoli di “incitare e beneficiare direttamente o indirettamente del presunto lavoro forzato degli uiguri nello Xinjiang” e di “partecipare a crimini contro l’umanità.” “. C&A, membro di BCI, afferma di non avere contratti con i fornitori nell’area e di non tollerare il lavoro forzato o il subappalto non autorizzato nella sua catena di approvvigionamento.

READ  Gli Stati Uniti aggiungono Russia, Cina e altri 8 paesi alla lista nera della libertà religiosa | notizie dal mondo

L’associazione utilizza il cosiddetto “bilancio di massa”, un sistema di monitoraggio delle dimensioni ampiamente utilizzato, che consente agli agricoltori e ai produttori di mescolare un cotone migliore con tessuto coltivato in modo convenzionale, sfruttando al contempo l’etichetta. Il sistema ha consentito a BCI di aumentare notevolmente il volume di cotone venduto in tutto il mondo, ma la mancanza di trasparenza e tracciabilità completa ha sollevato preoccupazioni.

Un portavoce della catena di abbigliamento britannica Next Plc ha dichiarato: “A causa dell’approccio del bilancio di massa, esiste un potenziale rischio che il cotone della regione dello Xinjiang venga incluso nel cotone BCI”. Per cercare di evitare ciò, l’azienda ha esplicitamente vietato l’uso del cotone. cotone della regione.

BCI ha affermato che si sta muovendo verso un migliore software di monitoraggio nei prossimi mesi. C&A richiede modifiche al programma.

“È anche il momento di aprire la discussione sui passi necessari per aumentare la tracciabilità del cotone e quali opportunità ne deriveranno”, ha affermato Betty Case, portavoce dell’azienda. C&A continuerà a collaborare con l’organizzazione, ha affermato.

Alcuni proprietari di marchi affermano che i progressi incrementali sugli obiettivi ambientali sono meglio di niente. Tendam, il proprietario spagnolo del marchio di lingerie Womenecret, è entrato a far parte di BCI quest’estate. Ignacio Sierra, direttore generale di Tendam, ha affermato che l’iniziativa incoraggia gli agricoltori ad adottare “comportamenti migliori”, compresa la riduzione del consumo di acqua.

Se i marchi globali adotteranno il programma di certificazione del cotone sostenibile della Cina è una questione aperta. Potrebbero aver bisogno di farlo se vogliono continuare a vendere in quel mercato, e alcuni vestiti potrebbero anche essere realizzati per il mercato cinese basandosi solo su quell’etichetta, secondo una persona che ha familiarità con il lavoro di BCI.

“Gli standard BCI sono troppo generali e potrebbero non essere appropriati per il cotone coltivato in Cina”, ha dichiarato al Global Times Wang Wenkui, direttore esecutivo della China Cotton Industry Alliance. Le linee guida cinesi specificheranno pratiche di coltivazione specifiche, inclusa la regolazione della temperatura e dei pesticidi.

“Sono molto fiducioso che i nostri standard di coltivazione del cotone sostituiranno gli standard BCI in futuro”, ha affermato Wang.

Questa notizia è stata pubblicata dal feed dell’agenzia di stampa senza modifiche al testo. È cambiato solo il titolo.

partecipazione a Newsletter alla menta

* Inserisci un’email disponibile

* Grazie per esserti iscritto alla nostra newsletter.

Non perderti nessuna storia! Rimani connesso e informato con Mint. Scarica subito la nostra app!!

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Programma dei playoff MLP 2021: Canale TV, Post Season Times I Dodgers impostano il remake di NLCS con Braves
Next Post I preordini del Nokia XR20 iniziano il 20 ottobre con gli auricolari gratuiti in offerta prima del lancio del Diwali