Come gli Stati Uniti hanno usato l’India per minacciare la Cina comunista durante la guerra di Corea

I resoconti dei media pubblicati alla fine dello scorso anno hanno suggerito che la Cina potrebbe aver accumulato più testate nucleari degli Stati Uniti. C’era un’indicazione che le scorte cinesi di testate nucleari avevano superato le 400 in un periodo sorprendentemente breve.

Inoltre, un importante rapporto del Pentagono sulla “Cina”. Forza militareanch’esso pubblicato lo scorso anno, affermava che i cinesi stavano accelerando la loro espansione nucleare sulla base della guerra e prevedeva che Pechino avrebbe potuto assemblare circa 1.500 testate nucleari entro il 2035 se la crescita fosse continuata allo stesso ritmo.

Secondo le stime statunitensi, si ritiene che la Cina possieda 300 missili balistici intercontinentali e lanciatori di missili balistici intercontinentali. Tuttavia, non si sa quante testate nucleari abbia effettivamente la Cina.

Con una mossa insolita, la Cina ha attaccato il rapporto degli Stati Uniti, ma ha scelto di non rispondere alle critiche al suo programma nucleare, lasciando spazio a dubbi e preoccupazioni, ha osservato l’EurAsian Times.

Anche se questo sembra uno dei tanti rapporti che attestano la massiccia modernizzazione e crescita militare della Cina, non è stato sempre così facile per Pechino. Forse a causa della rapida modernizzazione dell’esercito cinese negli ultimi 20 anni, molte persone dimenticano un tempo in cui il paese era a rischio di attacco nucleare.

La Cina è stata minacciata per la prima volta da un possibile attacco nucleare anni prima che sviluppasse la propria bomba nucleare. La Cina e la Russia hanno stipulato un accordo segreto nel 1951 in base al quale la Cina avrebbe fornito minerali di uranio in cambio dell’aiuto sovietico nella tecnologia nucleare.

Alla fine degli anni ’50, la Cina iniziò a lavorare sulle armi nucleari con una significativa assistenza sovietica.

L’Unione Sovietica ha nascosto piani e dati per la bomba atomica e ha licenziato i suoi consiglieri quando le relazioni sino-sovietiche si sono inasprite alla fine degli anni ’50 e all’inizio degli anni ’60. La Cina ha promesso di continuare a sviluppare armi nucleari nonostante la cessazione degli aiuti all’Unione Sovietica.

Negli anni ’60, la Cina ha fatto passi da gigante verso lo sviluppo di armi nucleari. La Cina ha fatto esplodere il suo primo ordigno nucleare il 16 ottobre 1964.

READ  Famoso chef iraniano ucciso dalle forze iraniane tra le proteste anti-hijab: rapporto

Tuttavia, a questo punto, il paese aveva già affrontato un’incombente minaccia nucleare all’indomani della guerra di Corea, quando una Cina comunista di nuova creazione si schierò con la Corea del Nord mentre gli Stati Uniti appoggiavano la Corea del Sud.

Minuteman
Missili Minuteman III

In che modo le armi nucleari statunitensi hanno minacciato la Cina?

Per aiutare le forze nordcoreane assediate respinte dagli Stati Uniti e dai loro alleati nell’ottobre 1950, il leader cinese Mao Zedong ordinò a 300.000 soldati dell’Esercito popolare di liberazione di attraversare il confine con la Corea del Nord.

Nel novembre dello stesso anno, i cinesi lanciarono un massiccio contrattacco alleato, eliminando ogni possibilità di una rapida fine della guerra e aumentando la possibilità che la guerra di Corea potesse portare a un conflitto più ampio. L’ingresso dell’esercito cinese in questa guerra ne ha cambiato per sempre il corso e l’esito.

L’Unione Sovietica aveva già condotto il suo primo test nucleare nel 1949. Con il vantaggio della prima mossa, gli Stati Uniti erano l’unico paese in quel momento in grado di lanciare bombe nucleari su lunghe distanze.

Il famoso generale dell’esercito degli Stati Uniti ed eroe della seconda guerra mondiale Douglas MacArthur, che era a capo delle forze alleate in Corea, ha sostenuto l’attacco alla Cina. Oltre ad attaccare le basi e le fabbriche cinesi in Manciuria, che sostenevano lo sforzo bellico nordcoreano, intendeva anche usare armi nucleari nella lotta.

Un’intervista esplosiva pubblicata dopo la morte di MacArthur ha rivelato che il generale ha affermato che avrebbe sganciato “una trentina di bombe atomiche … appese al collo della Manciuria” per porre rapidamente fine alla lunga guerra di Corea.

Gli storici affermano che MacArthur desiderava persino che le forze di Chiang Kai-shek (della Repubblica di Cina/Taiwan) invadessero la terraferma e iniziassero una rivolta contro il nascente governo comunista.

Tuttavia, Harry Truman, allora presidente degli Stati Uniti, non era d’accordo con le richieste di MacArthur, poiché riteneva che ciò potesse esacerbare il conflitto. Truman licenziò MacArthur nell’aprile 1951, con grande shock del mondo intero. Anche dopo che MacArthur se ne andò, gli Stati Uniti si rifiutarono di rinunciare alla possibilità di usare armi nucleari.

READ  Autobus o treno? Il primo veicolo bimodale al mondo entra in funzione in Giappone

Truman e il suo successore Dwight D. Eisenhower hanno menzionato le armi nucleari come una possibile opzione per forzare la fine della guerra di Corea. È interessante notare che la possibilità di un attacco nucleare è stata comunicata alla Cina attraverso un paese asiatico con il quale ancora oggi è in uno stato di costante conflitto di confine.

L’India, portatrice della bandiera dei non allineati e della croce della pace nella guerra di Corea, è emersa come nazione prescelta. Ciò aveva più senso dato il ruolo di Nuova Delhi nel tentativo di convincere la Cina ad abbandonare le ostilità e incontrare gli Stati Uniti al tavolo dei negoziati.

L’India è stato uno dei primi paesi in Asia a riconoscere lo stato comunista poiché aveva rapporti amichevoli con il Partito comunista cinese, nonostante l’annessione del Tibet e dello Xinjiang.

In che modo Nehru ha svolto il suo ruolo nella guerra di Corea?

Nel 1956, il segretario di Stato di Eisenhower, John Foster Dulles, confermò in un’intervista a Life Magazine di aver avvertito la Cina, tramite il primo ministro indiano Jawaharlal Nehru, che “gli Stati Uniti erano pronti ad attaccare le basi della Manciuria con armi atomiche se i comunisti lo avessero fatto non firmare.” Accordo di armistizio…”

Zhou Enlai Jawaharlal Nehru
Zhou Enlai e Jawaharlal Nehru

Nehru si è spesso avvicinato alla Cina, in particolare al primo ministro Zhou Enlai con il quale ha avuto un rapporto speciale, per porre fine alla guerra di Corea. Questo si aggiunge al tentativo di organizzare il rimpatrio dei prigionieri di guerra.

Infine, il 27 luglio 1953, fu firmato un armistizio, che pose ufficialmente fine alle ostilità nella guerra di Corea. La Cina e la Corea del Nord subirono pressioni affinché accettassero un armistizio dalla nuova leadership dell’Unione Sovietica. È vero che Dallas si recò a Nuova Delhi alla fine di maggio 1953 per incontrare Nehru.

READ  Al-Zawahiri vuole che i musulmani seguano l'esempio dei jihadisti islamici come modelli | notizie dal mondo

L’operazione cinese per l’invio di truppe in Corea del Nord ha scioccato il mondo, compiendo uno dei più grandi attacchi a sorpresa nella storia della guerra. Jawaharlal Nehru, tuttavia, era più turbato che stupito a Nuova Delhi. lui aveva avvisato Gli americani hanno tenuto questa possibilità per diverse settimane, ma Washington l’ha ignorata.

Gli Stati Uniti erano da una parte e minacciavano di usare la bomba atomica. Mao, il dittatore della Cina, era dall’altra parte, sostenendo che l’enorme popolo cinese non sarebbe stato così colpito da poche bombe nucleari. Nehru ha commentato: “Il mondo è deciso al suicidio”.

Il New York Times riferì nel 1984: “Il 21 maggio 1953, il signor Dulles si incontrò a Nuova Delhi con il primo ministro Jawaharlal Nehru e gli disse che se i negoziati per l’armistizio fallissero, era probabile che gli Stati Uniti fossero più forti, non uno sforzo militare minore”. , porterebbe a un’espansione della zona di conflitto.” Gli esperti sostengono che le accuse di Dulles non implicano esplicitamente l’uso di armi nucleari.

Negli anni sono stati pubblicati numerosi resoconti secondo cui alcune voci di alto profilo della Casa Bianca si sono mobilitate dietro l’idea di utilizzare armi atomiche e vincere quella che viene ricordata come la prima grande guerra dopo la seconda guerra mondiale.

Nehru potrebbe essere un file mediatore Gli Stati Uniti dovrebbero avvisare la Cina di un’azione militare più energica per porre fine alla guerra di Corea.

In un crudele scherzo del destino, nel 1970 Washington stava usando l’aiuto di due despoti, il presidente rumeno Nicolae Ceausescu e il leader pakistano Yahya Khan, per sviluppare canali di comunicazione e normalizzare le relazioni tra Stati Uniti e Cina.

L’India e il primo ministro indiano, in virtù della sua amicizia con il regime comunista di recente istituzione, sono stati coinvolti nel conflitto, pur senza imbracciare le armi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *