Come gli scienziati sudafricani hanno scoperto la variante “Omicron”

La scoperta della variante Omicron in Sud Africa ha destato preoccupazione a livello mondiale.

Venerdì 19 novembre, Raquel Viana, capo della scienza in uno dei più grandi laboratori di test privati ​​del Sudafrica, ha sequenziato i geni su otto campioni del coronavirus e lo shock della sua vita.

I campioni testati nel laboratorio di Lancet, portavano tutti un gran numero di mutazioni, in particolare sulla proteina uncinata che il virus usa per entrare nelle cellule umane.

“Ero così scioccata da quello che stavo vedendo”, ha detto a Reuters. “Mi chiedevo se ci fosse qualcosa di sbagliato nel processo”, un’idea che ha rapidamente lasciato il posto a “una sensazione sopraffatta che i campioni avrebbero avuto enormi ripercussioni”.

Ha subito preso il telefono per la sua collega del National Institute of Infectious Diseases (NICD) di Johannesburg, il regolatore genetico Danielle Amoako.

“Non sapevo bene come spiegarglielo”, ricorda. “Per me, sembra una nuova razza”, ha detto ad Amoko.

La scoperta della variante Omicron in Sudafrica ha suscitato preoccupazione a livello globale, con i paesi che limitavano i viaggi dalla regione e imponevano altre restrizioni per paura che potesse diffondersi rapidamente anche nelle popolazioni vaccinate.

Amoako e il team del National Institute of Diabetes (NICD) hanno detto martedì di aver trascorso il fine settimana del 20-21 novembre testando gli otto campioni inviati loro da Viana, che avevano tutti le stesse mutazioni.

È stato così bizzarro che anche Amoaco, il compagno di squadra Josie Everett e altri colleghi hanno pensato che dovesse essere stato un errore. Poi si sono ricordati che nel corso della settimana hanno notato un forte aumento dei casi di COVID-19, il tipo che potrebbe segnalare un nuovo aumento.

READ  La Russia ha rubato la formula del jab di AstraZeneca Covid? Questo rapporto suggerisce che | notizie dal mondo

Inoltre, Viana è stata avvisata di un’anomalia nel campione all’inizio di questo mese da un collega: la perdita del gene S, una delle mutazioni che ora distingue la nuova variante del coronavirus Omicron da quella delta dominante a livello globale.

L’unica variabile in comune con questa funzione è Alpha, “e non abbiamo visto Alpha (in Sud Africa) da agosto”, ha ricordato Everett di aver pensato mentre testava i campioni.

Martedì 23 novembre, dopo che altri 32 sono stati testati da Johannesburg e Pretoria, “era chiaro”, ha detto Amoko.

“Faceva paura.”

domande urgenti

Lo stesso martedì, il team del NICD ha riferito il sequenziamento al Dipartimento della Salute e ad altri laboratori in tutto il Sudafrica, che in seguito hanno iniziato a produrre risultati simili.

Lo stesso giorno, il National Institute of Diabetes (NICD) ha inserito i dati nel database scientifico globale GISAID e ha scoperto che anche Botswana e Hong Kong hanno riportato casi con le stesse sequenze genetiche.

Il 24 novembre, i funzionari della NICD e della direzione hanno informato l’Organizzazione mondiale della sanità.

A quel punto, più di due terzi dei test positivi nella provincia di Gauteng, in Sudafrica, che include Pretoria e Johannesburg, hanno mostrato la perdita del gene S, un segno che Omicron era già diventato dominante, ha detto Viana.

Grazie a Omicron, il tasso di infezione giornaliero da COVID-19 in Sudafrica dovrebbe aumentare di quattro volte fino a superare le 10.000 entro la fine di questa settimana, ha affermato Salim Abdul Karim, uno dei migliori specialisti in malattie infettive del paese.

Restano da rispondere a domande importanti: quanto sia efficace la nuova variante nell’eludere l’immunità da vaccini o malattie precedenti, quanto gravi siano i sintomi rispetto alle versioni precedenti e come questo differirà tra i gruppi di età.

READ  La vaccinazione dei bambini inizia oggi; 50 nuovi casi di omicron nel Maharashtra

Tre scienziati intervistati da Reuters che stanno lavorando su queste domande si aspettano risposte entro 3-4 settimane.

Nel frattempo, il presidente sudafricano Cyril Ramaphosa sta valutando l’introduzione della vaccinazione obbligatoria in alcuni contesti, poiché il paese ha ancora un totale di 3 milioni di infezioni da COVID-19 durante la pandemia e oltre 89.000 morti.

C’è molta rabbia in Sudafrica per il divieto di viaggiare all’estero, e in parte è diretta agli scienziati. Amoako riceve alcuni messaggi arrabbiati che dicono che devono solo “smettere di cercare” nuove varianti.

Wolfgang Preiser, un virologo dell’Università di Stellenbosch che lavora sul COVID-19, che ha anche ricevuto mail di odio, teme che altri paesi possano prendere l’intera saga come una lezione per non essere trasparenti.

“Questo può incoraggiare altre nazioni a nascondere le cose, o meglio semplicemente a non guardare”, ha detto.

“Questa è la paura. La ricerca è un grande investimento, quindi potrebbero concludere: ‘Non annoiamoci.'”

(Questa storia non è stata modificata dalla troupe di NDTV ed è generata automaticamente da un feed condiviso.)

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post Il CEO del Nebraska Hospital afferma che la sentenza del giudice per prevenire l’ordine dei vaccini “La decisione giusta al momento giusto” | governo e politica
Next Post Cyberpunk 2077 Next Generation Update per il rilascio all’inizio del 2022