Come funzioneranno i passaporti per il polline per i viaggi globali

Carta d’imbarco, valigia, passaporto, … certificato digitale di vaccinazione?

Desiderosi di evitare di perdere un’altra estate di entrate per le vacanze a causa della pandemia di coronavirus, l’Unione europea, alcuni governi asiatici e l’industria aeronautica si stanno affrettando a sviluppare i cosiddetti passaporti vaccinali COVID-19 per aiutare a iniziare i viaggi internazionali.

Stanno lavorando a sistemi che consentono ai viaggiatori di utilizzare app mobili per dimostrare la loro vaccinazione, il che potrebbe aiutarli a evitare ingombranti requisiti di quarantena nelle loro destinazioni.

Ma molteplici sforzi confermano che non esiste un unico sistema internazionale centrale per controllare elettronicamente lo stato della vaccinazione. I progetti devono anche affrontare sfide tecniche lavorando insieme, mentre rimangono domande sulla privacy e sulla disuguaglianza nei vaccini.

I passaporti per le vaccinazioni aggiungeranno un altro livello digitale a molte delle attuali app per la salute del coronavirus e al tracciamento dei contatti che è stato implementato in molti paesi e negli Stati Uniti. Il loro utilizzo a livello locale per riaprire le economie locali è stato oggetto di accesi dibattiti, con molti che si sono opposti alla loro rivendicazione di bar, concerti ed eventi sportivi. Tuttavia, c’è più slancio da utilizzare per i viaggi internazionali, soprattutto perché paesi come l’Islanda aprono i loro confini ai visitatori che sono stati vaccinati e altri paesi come l’Arabia Saudita hanno iniziato a consentire ai cittadini vaccinati di viaggiare all’estero. La decisione dell’Unione europea la scorsa settimana di aprire le sue frontiere ai viaggiatori completamente vaccinati aggiunge ancora più urgenza.

Ecco uno sguardo a come funzionano i passaporti dei vaccini:

Sforzi ufficiali

La prima parte del passaporto per le vaccinazioni è il registro delle vaccinazioni elettronico ufficiale o approvato dell’utente.

L’Unione Europea, la Cina e il Giappone stanno lavorando ai loro certificati di vaccinazione digitali per i viaggi transfrontalieri. Nel frattempo, il Regno Unito, nel frattempo, ha aggiornato la sua applicazione per i servizi sanitari nazionali la scorsa settimana per consentire agli utenti che sono stati completamente vaccinati di dimostrare le loro condizioni quando viaggiano all’estero, insieme a regole di viaggio rilassanti.

READ  Il canadese Trudeau giura di agire dopo che quattro indiani sono stati congelati a morte al confine con gli Stati Uniti | notizie dal mondo

Sono in corso i test per la certificazione digitale dell’Unione Europea, che confermerà anche i risultati dei test COVID-19 o si riprenderà dal virus e dovrebbero iniziare i lavori entro la fine di giugno, consentendo ai residenti di ricongiungersi con amici e parenti che vivono in 30 paesi europei. Non è chiaro dove e come verranno esaminati i certificati di viaggio nell’Unione europea, che non dispone di posti di blocco alle frontiere interne. I funzionari a Bruxelles dicono che spetta ai singoli paesi. L’idea è che i viaggiatori mostrino un codice QR sui loro telefoni in modo che possa essere scansionato, ad esempio, in un aeroporto o in una stazione ferroviaria, utilizzando un’app di verifica ufficiale che controlla i database nazionali, tramite un “ gateway ” tecnologico dell’UE.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità non raccomanda di stabilire la vaccinazione come condizione per i viaggi internazionali, citando la distribuzione ineguale dei vaccini, anche quando si consulta con linee guida provvisorie per sviluppare un “ certificato di vaccinazione intelligente ”.

Applicazioni di viaggio

I viaggiatori hanno anche bisogno di un’app per smartphone per conservare eventuali certificati di vaccinazione ufficiali finali.

Il progetto dell’UE include una tecnologia open source che i paesi europei possono utilizzare per costruire i propri portafogli mobili ufficiali.

L’International Air Transport Association, un gruppo dell’industria aeronautica, ha il suo smartphone IATA Travel Pass, a cui hanno sottoscritto compagnie aeree tra cui Qantas, Japan Airlines, Emirates, British Airways e Virgin Atlantic. Lo sforzo rivale, l’organizzazione senza scopo di lucro CommonPass, ha preso piede con vettori come Cathay Pacific, JetBlue, United e Lufthansa.

I viaggiatori possono effettivamente utilizzare le app per verificare l’accettazione dei risultati dei loro test COVID-19 a destinazione. Travel Pass e CommonPass sono finora disponibili solo per coloro che viaggiano con le compagnie aeree che li utilizzano. Entrambi possono anche essere integrati nelle app per i viaggi aerei in modo che gli utenti possano controllare lo stato del vaccino al momento del check-in online. Entrambi dovrebbero funzionare anche con certificati UE. CommonPass afferma che gli utenti saranno in grado di importare le credenziali del vaccino entro metà giugno.

READ  Gli Stati Uniti annunciano la "sospensione" di ulteriori dazi sull'India e altri cinque five

Tra le scarse aspettative di viaggio, il CEO di CommonPass Paul Mayer ha affermato che i passaporti per i vaccini diventeranno più diffusi. “ Ci aspettavamo che sarebbe rimasta una condizione per i viaggi internazionali ”.

Quello che vogliono i viaggiatori

I passaporti per i vaccini sono i benvenuti dai viaggiatori d’affari, come il direttore delle pubbliche relazioni britannico Richard Fogg. Fogg ha ridimensionato i suoi piani per partecipare a un’importante fiera delle telecomunicazioni a Barcellona il mese prossimo, date le regole di quarantena per le persone che tornano nel Regno Unito.

“ Quei 10 giorni di quarantena avranno un impatto negativo sul business – non c’è modo di aggirarli ”, ha detto Vogue, pur riconoscendo i compromessi, comprese le preoccupazioni sulla privacy dei dati.

Eymeric Segard, amministratore delegato della società di intermediazione di jet privati ​​con sede a Ginevra Lunajets, ha osservato che i viaggiatori consegnano già i passaporti con i dati personali all’arrivo.

“ Personalmente, sai, sarei felice di dire a chiunque, sì, sono stato vaccinato o no, non sono stati vaccinati ”, ha detto, aggiungendo che i passaporti dei vaccini aiuteranno ad evitare “ l’incubo logistico ” di molti Coronavirus-19 Un test che gli europei devono affrontare quando visitano altri paesi dell’Unione europea

E i falsi?

I falsi documenti cartacei COVID-19 venduti dai truffatori sono stati un problema durante la pandemia, ma gli sviluppatori affermano che le copie digitali hanno protezioni che rendono difficile falsificarle.

La IATA afferma di non verificare i risultati dei test o lo stato della vaccinazione, ma funge da canale per i laboratori registrati per inviare in modo sicuro questi dettagli ai viaggiatori la cui app può corrispondere all’identità della persona che ha eseguito il test o la vaccinazione. L’applicazione esegue la scansione del viso del viaggiatore utilizzando la fotocamera del telefono e lo abbina ai dettagli dei dati vitali del passaporto, e ci sono controlli per impedire a un’altra persona di utilizzare la sua identità.

READ  I BTS si uniscono alla conferenza stampa della Casa Bianca, programmata per incontrare il presidente Biden

Sicurezza e privacy

I passaporti per le vaccinazioni sono un argomento controverso, con la discussione online che evidenzia timori infondati che verranno utilizzati per controllare le persone, limitare la libertà e minare la privacy. Gli sviluppatori assicurano che sui telefoni venga conservata una quantità minima di dati personali e l’unica cosa che viene trasferita sono le chiavi di crittografia che consentono lo scambio sicuro delle informazioni.

“ Se fatto bene, non ti porterà un ulteriore livello di rischio per la privacy perché stai solo inserendo uno stato di certificazione sì o no ”, ha affermato Kevin Trelly, chief product officer di Onfido per la verifica. Sulla tecnica delle carte di vaccinazione.

C’è anche la questione di quanto bene i diversi sistemi di certificazione dei vaccini funzioneranno insieme e se i paesi riconosceranno le rispettive certificazioni. Il governo del Regno Unito ha avvertito che molti paesi attualmente non accettano la prova della vaccinazione dai viaggiatori.

“ Non puoi avere un sistema interoperabile al giorno zero ”, ha detto Trelly, ma col tempo i nodi saranno risolti, contribuendo a gettare le basi per la prossima pandemia.

E le persone che non hanno smartphone? O famiglie che non hanno un dispositivo per tutti? I funzionari della IATA e dell’Unione europea affermano che stanno lavorando a soluzioni, comprese le opzioni cartacee.

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post GameStop, azioni AMC sostenute da curve di negoziazione monopolistiche
Next Post Amazon ha acquistato MGM per $ 8,45 miliardi