Come esiste la vita sulla terra? Grazie ad una bolla a forma di croissant che protegge il sistema solare

Gli esseri umani hanno scoperto più di 4.000 esopianeti nelle vaste distese della galassia, ma la vita esiste su un solo pianeta. Non è solo una coincidenza cosmica, ma un’interazione di fenomeni scientifici che si uniscono per la nostra esistenza sulla Terra. Tra questi c’è una bolla protettiva che copre la lunghezza e la larghezza del sistema solare e che salva la Terra dalle pericolose radiazioni cosmiche delle supernove, l’esplosione delle stelle nell’universo.

Questa bolla protettiva è nota come eliosfera e gli scienziati hanno cercato a lungo di capire questa coltre che copre il sistema solare. Gli astronomi credono che l’eliosfera si estenda ben oltre il nostro sistema solare, ma nonostante l’enorme barriera contro le radiazioni cosmiche che l’eliosfera fornisce alla vita sulla Terra, nessuno sa che aspetto abbia l’eliosfera o quanto sia grande.

“Ci sono molte teorie, ma ovviamente il modo in cui i raggi cosmici possono entrare nelle galassie potrebbe essere influenzato dalla struttura dell’eliosfera: ha rughe e pieghe e quel genere di cose?” dice Merav Over, un astrofisico della Boston University. Guidato da un team internazionale di astronomi, Ophir ha creato alcune delle più avvincenti simulazioni al computer dell’eliosfera, basate su modelli costruiti su dati osservabili e astrofisica teorica.

Cos’è l’eliosfera?

Secondo la NASA, il Sole invia un flusso costante di particelle cariche chiamato vento solare, che alla fine viaggia attraverso tutti i pianeti a circa tre volte la distanza da Plutone prima di essere ostruito dal mezzo interstellare. Questo forma una bolla gigante attorno al sole e ai suoi pianeti, nota come eliosfera.

In un articolo di ricerca pubblicato su The Astrophysical Journal, Il team rivela che le molecole di idrogeno neutro che fluiscono dall’esterno del nostro sistema solare probabilmente svolgono un ruolo importante nel modo in cui si forma l’eliosfera.

READ  Microsoft rinnova il marchio Xbox Game Pass per PC, annuncia il primo giorno e le versioni future

I ricercatori hanno scoperto che l’eliosfera assomiglia molto a un croissant o addirittura a una ciambella. Spiegano che le molecole di idrogeno neutro fluiscono attraverso il sistema solare, rendendo impossibile per l’eliosfera di fluire uniformemente come una cometa sparante.

“Il modello fornisce la prima chiara spiegazione del motivo per cui la forma dell’eliosfera è fratturata nelle regioni settentrionali e meridionali, il che potrebbe influenzare la nostra comprensione di come i raggi cosmici galattici entrano nella Terra e nell’ambiente vicino alla Terra”, James Drake, un astrofisico dell’Università del Maryland, coautore dello studio.

L’eliosfera è il confine del sistema solare, dove termina l’influenza della luce solare. Finora, solo due sonde artificiali, Voyager 1, 2 sono state in grado di attraversare quel confine e stanno attualmente viaggiando nello spazio interstellare.

“Questa scoperta è un importante passo avanti, ci mette nella direzione di capire perché il nostro modello ottiene l’eliosfera distinta a forma di croissant e perché altri modelli no”, afferma Ophir.

Agapeto Vecoli

"Imprenditore. Freelance introverso. Creatore. Lettore appassionato. Ninja della birra certificato. Nerd del cibo."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post La Cina mette in guardia gli Stati Uniti dal “pagare il prezzo” per il boicottaggio diplomatico delle Olimpiadi di Pechino
Next Post Dare To Drip: l’Inter annuncia la collaborazione con il marchio di moda di lusso italiano