Censimento degli Stati Uniti 2020: la popolazione bianca scende al di sotto del 60% in mezzo all’America marrone | notizie dal mondo

WASHINGTON: Browning sta accelerando in America poiché si prevede che la popolazione bianca del paese scenderà al di sotto del 60% per la prima volta nella sua storia anche se le persone di colore aumentano di numero, secondo gli ultimi dati del censimento degli Stati Uniti.
Questa tendenza, che ha alimentato la frenesia dei nazionalisti bianchi nel paese, è principalmente dovuta al fatto che i bianchi hanno meno figli e iniziano le loro famiglie in età più avanzata rispetto ad altri gruppi, in uno sviluppo che i demografi chiamano “fallimento infantile”. Anche se gli attivisti bianchi lo attribuiscono in gran parte all’immigrazione.
Secondo i dati del censimento, la popolazione bianca è diminuita di oltre un milione di persone negli ultimi quattro anni, eliminando la modesta crescita demografica dal 2010 al 2016. Il declino sta accelerando.
Mentre la popolazione bianca è diminuita di circa 129.000 persone tra il 2016 e il 2017, il calo è accelerato a 482.000 tra il 2019 e il 2020, determinando un calo complessivo di circa 1 milione di bianchi nel decennio 2010-2020. I demografi affermano che gli anni 2000 potrebbero essere il primo decennio in cui la popolazione bianca ha registrato una perdita assoluta, passando dal 63,8 percento al 59,7 percento tra luglio 2010 e luglio 2020.
Le minoranze in America si nutrono principalmente di marrone, in particolare ispanico o latino Americani che sono cresciuti di almeno un milione in otto degli ultimi 10 anni e in totale di 10,5 milioni tra il 2010 e il 2020. Anche gli americani asiatici sono cresciuti di circa mezzo milione in sette degli ultimi 10 anni, con un aumento di 4,7 milioni nel corso del decennio. Gli afroamericani hanno registrato una crescita più lenta, espandendosi di 300.000 in otto degli ultimi 10 anni, un aumento stimato di 3,4 milioni dal censimento del 2010.
Ma mentre la crescita degli ispanici e dei neri è avvenuta principalmente a spese della crescita naturale delle persone che già vivevano negli Stati Uniti durante il parto, gli americani asiatici sono stati l’unico gruppo demografico che ha registrato una crescita dell’immigrazione maggiore – 3,3 milioni di persone – rispetto al normale. Aumento – 1,2 milioni. Tra gli ispanici o latinoamericani, circa tre quarti della popolazione aggiunta nell’ultimo decennio proveniva da un aumento naturale e il restante quarto dall’immigrazione.
La crescita della popolazione di colore e il simultaneo declino della popolazione bianca negli Stati Uniti avvennero durante gli anni di Trump, quando l’immigrazione divenne una questione scottante.
“Tutta la crescita della popolazione negli Stati Uniti dal 2016 al 2020 deriva dall’aumento delle persone di colore. Le statistiche mostrano… che man mano che la popolazione bianca invecchia e diminuisce ulteriormente, la diversità razziale ed etnica sarà la caratteristica demografica che definisce le giovani generazioni americane. ” Fondazione Brookingcollega William Friggere, che ha esaminato i dati del censimento, ha scritto in un documento.
In tutto lo stato, ha osservato Fry, 30 stati hanno perso residenti bianchi durante il periodo 2016-2020, con California, New York, Illinois, Pennsylvania e New Jersey che hanno registrato le perdite maggiori. Tra i 20 stati con un aumento della popolazione bianca durante questo periodo ci sono Florida, Arizona, Carolina del Nord e Carolina del Sud, UtahColorado, Tennessee, Texas e Idaho.

READ  Il magnate di Hong Kong Jimmy Lai è stato condannato a 14 mesi di prigione
Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Mitch White inizia la sua seconda carriera
Next Post Nascar 21: Ignition inizia il 28 ottobre e i preordini iniziano oggi