Celebrazioni serali, piantagione di alberi, gli italiani celebrano l’anno dell’esplosione COVID-19 – New Indian Express

Rilasciato da Associated Press

Kodokno: Con cerimonie serali, piantagione di alberi e servizi religiosi, la domenica ha segnato un anno da quando gli italiani hanno sperimentato la prima morte conosciuta del loro paese, il Covit-19.

Le città dell’Italia settentrionale furono inizialmente colpite e rinchiuse, e gli abitanti rendevano omaggio ai morti. Con una stima di 95.500 morti per virus, l’Italia ha la seconda epidemia più alta in Europa dopo la Gran Bretagna. Gli esperti dicono che il virus ha ucciso molte persone che non sono mai state testate.

Sebbene la prima ondata di epidemie abbia in gran parte avvolto la Lombardia e altre regioni settentrionali, la seconda è iniziata nell’autunno del 2020 e si è diffusa in tutto il paese. Il numero di nuove infezioni da virus corona è ostinatamente alto nonostante una barriera ai viaggi tra le regioni e in alcuni casi verso le città. Inoltre, le palestre, i cinema e i teatri sono chiusi e i ristoranti e i bar devono chiudere la sera. C’è un ordine di coprifuoco in tutto il paese dalle 22:00 alle 5:00.

Finora l’Italia ha confermato 2,8 milioni di casi.

È stato in un ospedale di Lombard, Kodokno, dove un medico ha riconosciuto quello che sarebbe passato alla storia della medicina come il primo caso COVID-19 noto in Occidente per un paziente senza alcun collegamento con l’epidemia in Asia, dove inizialmente un’infezione da virus corona apparso. Il 20 febbraio 2020, la malattia è stata diagnosticata a un uomo atletico e in buona salute di 38 anni.

Presso l’ufficio della Croce Rossa a Kodagno, il governatore e sindaco della Lombardia hanno partecipato all’inaugurazione di un memoriale alle vittime del COVID-19. Il monumento è costituito da tre pilastri in acciaio, che simboleggiano la recessione, la comunità e l’inizio. Una sera, la gente della città rimase in silenzio per rendere omaggio ai morti.

READ  Vodunit cattura una piccola isola italiana dopo dozzine di furti | Italia

Ospedale di Kodokno Il paziente è stato trasferito in un altro ospedale ed è sopravvissuto dopo aver trascorso settimane in un respiratore.

Ma è stato nella città nord-orientale di Vovo, nella vicina regione Veneto, che il 21 febbraio 2020 è stata registrata la prima morte conosciuta per COVID-19 in Italia.

Al servizio commemorativo di Wow, i funzionari hanno piantato un albero. Una targa è stata eretta citando una frase del poeta italiano Yugo Boscolo, le cui opere sono ampiamente studiate dagli studenti delle scuole del paese. L’iscrizione recita: “Un uomo non morirà mai se si ricorda di lui”.

La prima morte conosciuta in Italia da COVID-19 fu Wo man di 77 anni, un pensionato con i tetti, che voleva giocare a carte.

Emanuele Schiavone

"Appassionato ninja della birra. Risolutore di problemi estremi. Pensatore. Appassionato di web professionista. Avido comunicatore. Piantagrane hardcore. "

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Prada Cup: la gioia italiana si diffonde nel villaggio delle coppe degli Stati Uniti dopo 21 anni di siccità
Next Post “Il punteggio dell’Inter sul Milan è stato più serrato delle raccomandazioni”