Cavallo di loghi famosi

Dopo essere tornato a casa dal Regno Unito, ho controllato la casa per assicurarmi che tutto fosse ancora in funzione.

Quando le cose rimangono inattive per troppo tempo, tendono a sfaldarsi. La toilette in un bagno di riserva, ad esempio, spruzzava abbondantemente acqua durante lo sciacquone. Fastidioso, ma poiché sono una ragazza di cavallo, ho delle conoscenze e sono andato online e ho imparato che devo sostituire la guarnizione del water e la valvola di riempimento, il che è più facile di quanto sembri.

Poi sono andato a controllare la mia macchina e ho notato che la gomma anteriore sinistra era bassa. Per un problema, l’ho portato in un negozio di pneumatici per vedere se c’era una perdita. Mentre mi trovavo davanti alla porta del negozio, ho guardato lo schermo nella finestra in cui le cornici erano mostrate come se fossero un paio di Louboutin.

Anche se non sono state le gomme ad aver attirato la mia attenzione. Il logo del cavallo di razza era per il marchio Continental Tire.

Il mio viaggio al negozio di gomma polveroso e puzzolente mi ha fatto pensare a quante aziende usano il cavallo per un logo. troppo. La maggior parte dei cavalli sono in uno stato perenne di leva, che suppongo significhi forza, prestigio, libertà o qualcosa del genere. Naturalmente, per noi simboleggia il pericolo, il cattivo comportamento, l’elevata energia e la necessità di correre prima di una corsa.

E così l’ispirazione è stata nei luoghi più insoliti. Per brevità, mi sono concentrato sull’industria automobilistica.

Ferrari

La Ferrari è ovviamente l’auto sportiva italiana elegante, alla moda e spesso rossa che costa più di tutti i miei beni terreni messi insieme e l’emblema è un cavallo allevato su sfondo giallo.

READ  L'allenatore del Tottenham Antonio Conte ha criticato il programma della Premier League dopo un ritardo "molto strano" per l'Arsenal

C’è un motivo dietro a tutto, ma come al solito bisogna tornare indietro nel tempo per trovare la risposta.

Il cavallo Ferrari risale allo stemma della famiglia Baracca che comprendeva, tra le altre cose, un cavallo da allevamento.

Il conte Francesco Baracca è stato il pilota di caccia di maggior successo in Italia durante la prima guerra mondiale. È stato il primo italiano ad avere (prendo in prestito quel termine perché non so come dire “sparate bene a qualcuno dal cielo”) una vittoria aerea seguita da 34 vittorie successive.

Ad un certo punto del suo viaggio nella prima guerra mondiale, il conte dipinse sulla fusoliera del suo aereo il cavallo sollevato dalla cima della sua famiglia. Dal momento che era un uomo vittorioso nell’arte della guerra aerea, il cavallo era visto come una buona fortuna. Tuttavia, nel giugno del 1918, appena sei mesi prima della fine della guerra, Baraka morì in battaglia. Ci sono rapporti contrastanti sul modo esatto della sua morte, ma sarebbe stato abbattuto da un pilota austriaco.

Qualche tempo dopo la fine della guerra, la madre di Baraca, la contessa Paulina Baraca, avrebbe incontrato Enzo Ferrari. E durante l’incontro per caso, la Ferrari ha regalato il distintivo che suo figlio ha utilizzato sul suo aereo “Cavallino Rampante”. Ho pensato che potesse portare fortuna alla Ferrari e alla sua scuderia di auto da corsa. La contessa potrebbe aver lasciato fuori discussione la tragica fine di suo figlio e del suo aereo. Tuttavia, nonostante l’eroica fine della vita del Conte, il rampante cavallo da riproduzione sembra aver fatto bene a Enzo Ferrari.

READ  Olimpiadi di Tokyo: Liam Brody aggiunto alla squadra di tennis della GB | notizie sul tennis
Due Ferrari durante il Gran Premio Die Pauw nel 1935.

Le uniche modifiche apportate dalla Ferrari al cavallo sono state la posizione della coda e lo sfondo giallo aggiunto, che rappresenta la città natale della Ferrari, Modena, in Italia.

È interessante notare, anche se non troppo sorprendentemente, che anche il conte Francesco Baracca fosse un cavaliere. Giuro che non puoi resistere di un centimetro senza sbattere contro i cavalli che entrano in gioco.

Nota a margine

La storia di cui sopra è simile a come ha preso il nome Hells Angels Motorcycle Club. Ma questa è un’altra storia.

Hell’s Angels, USAF B-17, 1943. Il B-17 prende il nome dal film di Howard Hughes del 1930 sui piloti della prima guerra mondiale.

Cavallo Porsche

Un cavallo Porsche sembra straordinariamente simile a un cavallo Ferrari, il che suppongo sia comprensibile in quanto ci sono solo tanti modi diversi in cui un cavallo può cavalcare.

Ho scoperto tre possibili ragioni per cui Porsche utilizza il cavallo sul suo logo.

1.

Ho letto, durante la mia ricerca, che la sede globale di Porsche si trova a Stoccarda, in Germania, “sopra un allevamento di cavalli”. Non ho prove e non mi resta altro che il presupposto che l’allevamento non sia più in uso e sia stato sistemato prima che Porsche iniziasse a costruire la sua sede. Un cavallo allevato, forse uno stallone in questo caso, è il modo in cui Porsche dice “Grazie per averci permesso di comprare questa terra da te”.

2.

Ho anche letto che Porsche usa un cavallo come emblema per onorare la città di Stoccarda che ha un cavallo nel suo stemma.

3.

Alcuni dicono che il cavallo rappresenti anche la “potenza”, ma sembra abbastanza ovvio.

Pneumatici Continentali

Il cavallo allevato che ha dato inizio a tutto. Qualcuno capisce come l’istruzione sfugga al controllo?

READ  Christian Eriksen torna a giocare? Perché l'Inter ha rescisso il suo contratto e dove potrebbe andare

Questo pneumatico (o pneumatici come alcuni luoghi preferiscono scriverlo) il cavallo da riproduzione dell’azienda proviene dallo stemma di Hannover, in Germania. E sappiamo tutti cosa viene direttamente da Hannover, la razza Hannover ovviamente, quindi non sorprende trovare un altro cavallo allevato con un altro stemma.

la fine

Ci sono molte altre case automobilistiche che usano i cavalli per il loro emblema ma conoscerne il motivo è impossibile, quindi supponiamo che la risposta abbia qualcosa a che fare con la città originale, lo stemma e una sorta di simbolismo legato ai cavalli.

Tra banche, cioccolatini, bar, liquori e marchi di abbigliamento, case di produzione e chissà cos’altro, è sorprendente che non ci stanchiamo mai di guardare i cavalli.

Ma non lo facciamo. Possano vivere per sempre nei nostri cuori e sui nostri prodotti.

Fonti:

Italyonthisday.com ;Matraxlubrificanti.com ; Porschefremont.com ; Cambriantires.co.uk

Ravenna Bianchi

"Esperto di tv estremo. Fanatico della birra. Amichevole fan del bacon. Comunicatore. Aspirante esperto di viaggi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan solleva la questione del Kashmir all’Assemblea generale delle Nazioni Unite; Esprime speranza per la “pace permanente”
Next Post Gli scienziati identificano proteine ​​mutate legate al rischio di Alzheimer