Carlo Ancelotti diventerà l’allenatore della nazionale brasiliana: la Confederazione calcistica brasiliana

Carlo Ancelotti diventerà l’allenatore della nazionale brasiliana: la Confederazione calcistica brasiliana

Il presidente della Confederazione calcistica brasiliana ha annunciato martedì che Carlo Ancelotti, allenatore del Real Madrid, diventerà il primo straniero in quasi 60 anni ad allenare la nazionale brasiliana.

Ancelotti, 64 anni, ha ancora una stagione di contratto con il Real, che ha detto di voler onorare, e prenderà il Brasile in tempo per la Copa America, negli Stati Uniti da giugno 2024.

La CBF aveva annunciato in precedenza che il giocatore del Fluminense Fernando Diniz avrebbe assunto la guida della squadra il prossimo anno.

“Questo ragazzo (Deniz) è un allenatore con un grande stile di gioco”, ha detto alla CNN Brasile il presidente della CBF Edinaldo Rodriguez.

“Il suo stile è simile a quello dell’allenatore che ricoprirà il ruolo in Coppa America, Ancelotti”.

Il Brasile amante del calcio vorrà che uno degli allenatori di maggior successo nel calcio europeo vinca il suo sesto titolo di Coppa del Mondo nel 2026. Questo sarà il primo dal 2002.

L’edizione del 2022 è stata particolarmente sconvolgente per i brasiliani quando sono stati eliminati nei quarti di finale, perdendo contro la Croazia, e l’Argentina ha alzato il trofeo.

Tété ha calato il sipario sui suoi sei anni al potere dopo la loro esclusione.

‘una persona perbene’

L’accordo di Ancelotti per il Brasile arriva dopo mesi di trattative con Rodriguez, che era l’italiano in testa alla lista.

Ancelotti aveva detto che il lavoro nel Real Madrid sarebbe stato l’ultimo dopo quasi 30 anni come allenatore, ma uno dei lavori più affascinanti e stimolanti del calcio ha fatto cambiare idea.

READ  Virginia Falls Basketball al KK Mega Basket 92-73 in Italia

La gerarchia brasiliana ha affermato di essere stata attratta non solo dal record di trofei di Ancelotti, ma anche dalla sua personalità calma e dalla capacità di sviluppare stretti rapporti con i giocatori.

“L’abbiamo cercato non solo per il suo record, ma anche perché è una persona così onesta”, ha detto di recente Rodriguez a beIN Sports.

“Chi ha lavorato con lui dice che è di mentalità aperta, colto e apprezza il calcio brasiliano”.

Un momento il suo amore per il calcio brasiliano si è interrotto quando è stato vice allenatore di Arrigo Sacchi quando l’Italia ha perso ai rigori contro il Brasile nella finale della Coppa del Mondo del 1994.

Con il Brasile, Ancelotti avrà alcuni volti noti del Real Madrid.

Vinicius Jr., Rodrygo ed Eder Militao sono stati giocatori chiave nel suo ultimo periodo con il Real Madrid, che ha portato a sei titoli.

“È il miglior allenatore del mondo”, ha detto Vinicius, che è cresciuto sotto Ancelotti e ha stretto uno stretto rapporto con l’allenatore che ha sostenuto il 22enne brasiliano quando è stato oggetto di abusi razzisti la scorsa stagione.

Ancelotti sarà il quarto giocatore non brasiliano ad allenare la nazionale brasiliana. L’ultimo di loro fu l’argentino Filippo Nunez, responsabile di una partita nel 1965.

Ancelotti ha vinto due volte la Champions League, sia con il Milan che con il Real Madrid.

Ha vinto lo scudetto nazionale con Real e Milan, in Inghilterra con il Chelsea, in Germania con il Bayern Monaco e in Francia con il Paris Saint-Germain.

Ramon Menezes è alla guida della nazionale brasiliana da quando Tite si è dimesso ad interim, ma ora passerà a Diniz.

READ  Notizie sportive oggi: cosa c'è da sapere

“Fernando Diniz sarà il capitano della nazionale brasiliana per un anno, e sono sicuro che lo farà con grande competenza, come ha sempre fatto durante la sua carriera professionistica”, ha detto Rodriguez in un video comunicato.

Deniz, 49 anni, guiderà le prime sei qualificazioni sudamericane per la Coppa del Mondo 2026 di quest’anno, compresi gli scontri con i campioni del mondo Argentina e Uruguay.

“È un sogno, un onore e un grande orgoglio servire la nazionale”, ha detto Diniz.

Il Brasile inizierà le qualificazioni a settembre, in casa contro la Bolivia e poi in trasferta contro il Perù.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *