Cambiamento nell’ISI, in prospettiva: implicazioni per Imran Khan e Pakistan

Il generale Nadim assumerà la responsabilità dell’organizzazione nella terza settimana di novembre, sostituendo quella controversa Gen Faiz Hameed, che si sposterà alla sua nuova posizione di Comandante dell’Undicesimo Corpo a Peshawar.

Nota stonata nella Sinfonia Civile e Militare

Nelle tre entusiasmanti settimane durante le quali Imran ha affrontato il generale Qamar Javed Bajwa per la decisione di quest’ultimo di trasferire Hamid al corpo, il nodo civile-militare si è spinto ancora una volta in Pakistan verso l’esercito.

La ripetuta affermazione di Imran Khan secondo cui lui e l’esercito pakistano erano sulla stessa pagina, e in effetti lo erano – dalle elezioni del PTI nel 2018 all’affrontare COVID-19 La crisi ei colloqui tra Usa e talebani, il primo ministro sembravano comodamente rilassati dai militari.

Dopo il caos per l’estensione del mandato del generale Bajwa alla fine del 2019-20 e il ritiro delle manifestazioni congiunte dell’opposizione all’inizio di quest’anno, Imran sembra destinato a completare il suo mandato.

Ma ora c’è un punto interrogativo al riguardo, poiché le tensioni sul dispiegamento dell’ISI hanno squarciato “la stessa pagina”. Per ragioni che sono anche oggetto di intense speculazioni, Imran Khan ha odiato rinunciare al generale Faiz che ha contribuito a organizzare le elezioni del 2018 per il PTI.

Faiz Hameed, Imran e Gen Bajwa

Ma Fayez è diventata la responsabilità aziendale dell’esercito. Sebbene solo pochi mesi fa fosse il ragazzo dagli occhi azzurri del generale Bajwa, l’esposizione di Faiz a molte controversie, inclusa la sua trionfante apparizione pubblica a Kabul dopo la presa del potere da parte dei talebani, sembra essere stata contro di lui.

Ad un certo punto, Faiz avrebbe dovuto essere il prossimo capo dell’esercito, e il posto di comando del corpo, un anno prima del pensionamento del generale Bajwa nel 2022, era visto come soddisfare i requisiti di ammissibilità per il lavoro di alto livello. Ma ora ci sono poche possibilità che possa succedere a Bajwa.

READ  Giornata internazionale dell'uomo 2021: significato, argomento e tutto quello che c'è da sapere

L’esercito è sospettoso nei confronti dei generali che costruiscono rapporti uno contro uno con i politici. La vicinanza dell’ex primo ministro Nawaz Sharif al capo dell’ISI durante il suo mandato 1997-99 ha portato a una catena di eventi che si è conclusa con il colpo di stato del generale Pervez Musharraf.

Il rifiuto di Imran Khan di firmare per tre settimane la nomina del tenente generale Nadeem a capo dell’ISI ha sollevato preoccupazioni nell’esercito che il primo ministro e Faiz si sarebbero probabilmente visti l’un l’altro come garanti delle loro ambizioni – Faiz diventerà presidente con l’aiuto del primo ministro , e per Imran vincere un altro mandato nel 2023 con l’aiuto di Fayez.

Alla fine Ain Imran è svanito, ma il suo rapporto con l’esercito è ormai visto come irreparabile. Ma a differenza del suo predecessore, Nawaz Sharif, Imran non è visto come un tedoforo democratico nel conflitto civile-militare in corso.

Stagione aperta per la speculazione

I media pakistani ora stanno pubblicamente speculando e adottando scenari: quanto durerà il governo di Imran Khan? Sarà la cacciata di Nawaz Sharif nel 2018 e un nuovo primo ministro all’interno del PTI? O ci sarà un crollo del suo governo quando i cavalli si allineano dalla sua parte dagli altri partiti e tornano ai loro partiti genitori? Dal momento che l’esercito non è più dalla parte di Imran, le possibilità di PTI di essere eletto sono scarse. Se inizia la spinta, il generale Bajwa farà l’impensabile?

In mezzo a queste cose impossibili, i partiti di opposizione dietro le quinte aspettano il momento in cui l’esercito si ritiri ufficialmente dall’ombrello protettivo di Imran.

READ  I resti di 215 bambini sono stati trovati sul sito di una ex scuola aborigena in Canada

La popolarità del PML-N (N) nel Punjab è stata dimostrata durante le massicce manifestazioni guidate dalla figlia di Nawaz Sharif, Maryam Nawaz, in assenza del padre esiliato a Londra. Il partito accetterà le regole del sistema ibrido civile-militare in vigore negli ultimi tre anni?

O sentirà un’opportunità e spingerà per una nuova sceneggiatura? O i militari troveranno un altro civile più disposto a giocare secondo il proprio gioco e le proprie regole, magari all’interno del PML-N (Nord)?

Il nuovo capo delle spie pakistane

Non è noto che il tenente generale Nadim Anjum abbia prestato servizio nei servizi segreti pakistani prima di questa nomina.

Secondo Dawn, è stato assegnato al servizio nel settembre 1988. Ha comandato il Corpo di frontiera in Belucistan ed è stato Comandante del Command and Staff College a Quetta prima di essere nominato Comandante del Corpo a Karachi nel dicembre 2020.

Facendolo il massimo funzionario di spionaggio del paese, Bajwa ha riaffermato il suo controllo istituzionale e il controllo militare dell’ISI.

ISI: Tecnicamente sotto il Primo Ministro, gestito dai militari

I cambiamenti di leadership nell’ISI non sono stati affatto controversi, sebbene la procedura per la selezione del presidente non sia prevista dalle regole di funzionamento del governo.

L’ISI è stata istituita come agenzia di intelligence straniera per ordine esecutivo; Pertanto, avrebbe dovuto essere responsabile nei confronti del Primo Ministro. Ma con la maggior parte dei suoi funzionari provenienti dai servizi tripartiti, in particolare dall’esercito, funziona come un’estensione dell’establishment militare e si considera de facto responsabile nei confronti del comandante in capo.

Nel corso degli anni, l’ISI è stato utilizzato dai militari per servire i propri obiettivi politici. Il capo dell’ISI è un generale a tre stelle. Non esiste una procedura fissa per la sua nomina, ma per consuetudine, il comandante dell’esercito fa la selezione e il primo ministro la firma.

READ  Casi di morte del virus Corona in India 26 giugno in diretta, statistiche del virus Corona India in diretta, vaccinazione Covid-19 in India, ultimo aggiornamento della variante Delta Coronavirus, Delta Plus Live News

I primi ministri civili Benazir Bhutto e Nawaz Sharif, che hanno cercato di controllare l’ISI attraverso i loro capi accuratamente selezionati, hanno imparato a proprie spese che il regime vince sempre.

Benazir ha nominato un civile – che era un generale in pensione – che si è trovato completamente emarginato dall’agenzia controllata dall’esercito. Nel 2008, il governo del Partito popolare pachistano guidato dal presidente Asif Ali Zardari ha tentato di portare l’ISI sotto il ministero degli Interni, ma una reazione rabbiosa dei militari ha costretto il ritiro della notifica in poche ore, con il governo che ha dichiarato le sue intenzioni fraintese.

le notizie | Clicca per ottenere la migliore spiegazione della giornata nella tua casella di posta

Impatto del cambiamento sull’India

Proprio come un cambiamento nella leadership di R&AW non cambia il modo in cui l’India vede il Pakistan, un cambiamento ai vertici dell’ISI non cambia nulla nelle relazioni indo-pakistane, che sono modellate in uno stampo più ampio di ostilità.

Il cambiamento nell’ISI influenzerà principalmente le sorti politiche interne di Imran e Pakistan Tehreek-e Insaf, non la politica dell’India, che rimarrà il monopolio dell’esercito pakistano. Un ex funzionario della sicurezza indiana ha affermato che l’esercito pakistano non rinuncerà alla scelta asimmetrica di attori non statali in Kashmir in tempi brevi.

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Prima dello scontro tra Atletico Madrid e Real Betis al Wanda Metropolitano
Next Post Il telescopio spaziale Hubble cattura la temibile stella di carbonio CW Leonis