Caffè e tè sono stati collegati a un minor rischio di ictus e demenza in uno studio di 11 anni

La cameriera versa il tè nel caffè.

Foto: Christopher Furlong (Getty Images)

Una nuova ricerca pubblicata questa settimana suggerisce che l’abitudine di bere tè o caffè nei tuoi ultimi anni può aiutare il tuo cervello a rimanere in forma. Lo studio ha scoperto che gli anziani sani nel Regno Unito che bevevano caffè e/o tè regolarmente avevano un rischio inferiore di ictus e demenza per un periodo di 11 anni rispetto a quelli che non bevevano nessuno dei due. Sebbene questi risultati non possano confermare un legame causa-effetto, sono gli ultimi a suggerire che queste bevande fermentate hanno alcuni benefici per la salute.

La demenza è una perdita graduale e irreversibile della funzione cognitiva e diventa più comune con l’avanzare dell’età. È destinato a diventare un problema di salute ancora più grande in futuro, grazie alle persone che vivono più a lungo. Ictus che si verificano quando il flusso sanguigno al cervello viene interrotto, l’account per circa il 10% dei decessi a livello globale ogni anno. I sopravvissuti a un ictus possono anche sviluppare molte complicazioni croniche, inclusa la demenza. Quindi qualsiasi modo possibile per ridurre le probabilità di contrarre queste malattie debilitanti sarebbe una benedizione.

Mentre il tè è stato a lungo considerato una bevanda salutare, il caffè è stato più controverso. Recentemente, tuttavia, è chiarire Il caffè non è la bevanda del diavolo e può fare del bene. I suoi studi recenti ho suggerito Il consumo regolare di caffè è associato a un minor rischio di malattie cardiovascolari, alcuni tipi di cancro e morte prematura in generale. Ma secondo gli autori di questo nuovo studio, pubblicato Martedì in PLOS Medicine, si discute ancora sugli eventuali benefici che caffè e tè possono avere nel ridurre il rischio di ictus e demenza.

I ricercatori, con sede in Cina, hanno esaminato i dati della UK Biobank, un progetto di ricerca a lungo termine che ha monitorato la salute dei volontari del Regno Unito dalla metà degli anni 2000. Si sono concentrati in particolare su 365.682 persone di età compresa tra 50 e 74 anni che non avevano avuto precedenti ictus o demenza, che sono state seguite, in media, per 11,4 anni fino al 2020. All’inizio dello studio, ai partecipanti è stato chiesto come hanno fatto. Bevevano spesso caffè e/o tè.

Complessivamente, ci sono stati 5.079 casi di demenza e 10.053 casi di ictus diagnosticati durante quel periodo, sulla base dei registri ospedalieri. Tra i diversi gruppi di consumo riportato di caffè e tè, i più bassi sono stati quelli che hanno affermato di aver bevuto da due a tre tazze di caffè al giorno, da tre a cinque tazze di tè al giorno o una combinazione di quattro-sei tazze di caffè e tè . È probabile che abbia demenza o un ictus. Rispetto ai non consumatori, questi individui avevano un rischio inferiore del 28% di sviluppare demenza e un rischio inferiore del 32% di ictus.

Altri studi hanno trovato un’associazione tra il consumo di tè e caffè e un minor rischio di ictus e demenza. Ma gli autori dicono che questi sono tra i primi ad essere responsabili di chi beve regolarmente tè e caffè, a differenza dell’uno o dell’altro.

“I nostri risultati indicano che il consumo moderato di caffè e tè, separatamente o insieme, era associato a un ridotto rischio di ictus e demenza”, hanno scritto.

Gli autori avvertono che questi tipi di studi osservazionali non possono essere utilizzati per stabilire il nesso di causalità. Hanno anche notato che i volontari della Biobanca britannica tendono ad essere in buona forma, il che potrebbe significare che i risultati saranno meno applicabili alla popolazione generale. Lo studio ha esaminato solo un’istantanea delle diete delle persone, il che significa che non possiamo essere sicuri che le persone nello studio continuassero a bere caffè/tè o si astenessero dal fumare per tutto il tempo. Ma i risultati si aggiungono al crescente mucchio di ricerche che mostrano a Effetto positivo sul rischio di ictus da queste bevande.

Altri studi hanno suggerito che caffè e tè possono migliorare il funzionamento generale dei vasi sanguigni, il che potrebbe spiegare perché queste bevande sembrano ridurre specificamente il rischio di ictus, piuttosto che di ictus emorragici. Gli ictus ischemici sono causati dal blocco di un coagulo di sangue, mentre gli ictus emorragici sono il risultato della rottura dei vasi sanguigni e del sanguinamento nel cervello (circa l’80% degli ictus è ischemico). Tuttavia, potrebbero esserci altri fattori protettivi che dovrebbero essere studiati in studi futuri, come i benefici antiossidanti della caffeina, affermano gli autori. Sono inoltre necessarie ulteriori ricerche per vedere se l’ictus e la demenza possono davvero essere prevenuti dicendo alle persone di iniziare a bere caffè e tè se non hanno bevuto regolarmente.

I nostri risultati supportano un’associazione tra il consumo moderato di caffè e tè e il rischio di ictus e demenza. Tuttavia, resta da determinare se fornire tali informazioni possa migliorare gli esiti di ictus e demenza”, hanno scritto gli autori dello studio.

READ  Le viste di Venere dalla sonda solare della NASA mostrano il potenziale degli strumenti scientifici per l'escursionismo
Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Medvedev raggiunge le semifinali delle ATP Finals e Sener abbaglia | sport di bufalo
Next Post Perché Kieran Culkin ha impiegato 7 settimane per nominare il suo neonato?