Brinker rallenta il brand virtuale per concentrarsi sul mangiare

Con il suo nuovo focus su asporto e digitale, Brinker International, la società madre di Chili’s Grill & Bar e Maggiano’s Little Italy, sta rallentando quando si tratta di far crescere i suoi marchi virtuali.

In una chiamata con gli analisti per discutere i risultati del secondo trimestre della società mercoledì (18 agosto), Wayman Roberts, CEO e presidente dell’azienda, ha affermato che gli ordini di Chili al di fuori della sede dell’azienda detenevano tra il 32 e il 35 percento delle vendite totali. È circa il doppio del mix al di fuori dell’ipotesi pre-pandemia. Inoltre, il primo marchio virtuale dell’azienda, Just Wings, è ora presente in più di 1.000 cucine.

“Sfruttando la nostra infrastruttura tecnologica, Just Wings ha superato il nostro obiettivo di 150 milioni di dollari nei ristoranti di proprietà dell’azienda”, ha affermato. “E insieme al supporto dei nostri franchisee, Just Wings ha più di 170 milioni di dollari di affari negli Stati Uniti, con molti franchisee internazionali che ora gestiscono il marchio”.

Il secondo marchio virtuale dell’azienda, Maggiano’s Italian Classics, che è l’unica filiale esterna del marchio Little Italy di Brinker’s Maggiano, è ora in fase di lancio in più di 250 sedi. Il marchio predefinito ha un elenco ristretto, che include solo 10 degli articoli venduti nella sua controparte tradizionale. Roberts ha aggiunto che mentre le condizioni della pandemia hanno permesso di lanciare il marchio Wings molto rapidamente, il marchio predefinito di Maggiano è stato più lento.

Roberts ha osservato: “Le nostre sale da pranzo sono chiaramente di nuovo occupate e abbiamo molte cose in corso nei ristoranti… che ci richiedono di supportare i nostri ristoranti su una base più moderata man mano che questo marchio si afferma”. “Quindi non colpirà come le ali. Sarà srotolato tutto l’anno. “

READ  Novità automobilistiche: Stellantis sta valutando di investire in Italia nella produzione di batterie per veicoli elettrici

In definitiva, tuttavia, i canali esterni possono essere più redditizi del mangiare, anche quando i timori di infezione si attenuano in modo permanente. Per “L’economia che mi ha portato: come i mercati e i lavoratori online gestiscono il commercio multicanale”, creato in collaborazione con carato di viserve, PYMNTS ha intervistato più di 5.000 consumatori statunitensi nel secondo trimestre. I risultati mostrano che il 61 percento dei consumatori ora ordina cibo prodotto da ristoranti online, il 58 percento lo fa più spesso di quanto non facesse prima dell’inizio della pandemia e quasi la metà di loro ordina la consegna in più rispetto a prima di marzo 2020.

Notizie correlate: Nuovo studio: l’economia che mi porta sta riprendendo mentre i consumatori abbracciano stili di vita incentrati sulla casa

Tuttavia, oltre il 65 percento delle vendite del Cile proviene ancora dalla sede centrale e una percentuale maggiore delle vendite di Maggiano dovrebbe provenire da Little Italy, sebbene i dirigenti non lo abbiano specificato. Con un mix così ponderato sul posto di lavoro, l’aumento dei numeri di COVID-19 può mettere a dura prova l’azienda. In effetti, la media di sette giorni dei nuovi casi giornalieri è più di 10 volte superiore a quella della fine del trimestre del 30 giugno. E dopo l’ottimismo di Brinker riguardo ai pasti nel trimestre precedente, i dirigenti sono ora più preoccupati per la minaccia del delta variabile in posa per la cena.

Leggi di più: La catena di ristoranti ripensa il mix di canali per un futuro post-pandemia

“Dato che la variante delta ha guadagnato un po’ di forza qui nelle ultime settimane, abbiamo visto un certo ammorbidimento”, ha detto Roberts. “Non siamo ancora abbastanza sicuri di quale sarà la linea temporale prima di questa cosa [the pandemic] Viene restituito a un luogo in cui non vediamo la necessità per i consumatori di rispondere e potenzialmente [seeing] Più regolamenti sui ristoranti… Stiamo solo attenti”.

READ  L'Unione Europea potrebbe risentire della crisi della "Covid economica protratta" che colpisce Italia e Grecia | Il mondo | notizia

—————————————

Nuovi dati PYMNTS: Il 58% delle multinazionali utilizza la criptovaluta

Di: Nonostante la volatilità dei prezzi e l’incertezza normativa, una nuova ricerca PYMNTS mostra che il 58% delle società multinazionali utilizza già almeno una forma di criptovaluta, specialmente quando si spostano fondi oltre confine. La nuova Cryptocurrency, Blockchain e Global Business Survey, una collaborazione tra PYMNTS e Circle, esamina 500 CEO che considerano il potenziale e le insidie ​​della criptovaluta mentre passa al mainstream finanziario.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post La star di Outlander Caitriona Balfe rivela la nascita di un bambino
Next Post Recensione: New York Red Bulls 1, Columbus Crew 0