Briefing europeo di mezzogiorno – Le azioni scendono, gli investitori guardano alle richieste di sussidi di disoccupazione negli Stati Uniti, più dati sull’inflazione

capitalizzazioni di mercato

I negozi:

Giovedì le azioni europee sono scese, mentre l’indice FTSE 100 di Londra è rimasto quasi piatto, con l’indice che si è trascinato in direzioni diverse in mezzo a una raffica di rilasci trimestrali degli utili.

I funzionari della Federal Reserve suggeriscono che un rialzo dei tassi potrebbe arrivare già a marzo. James Bullard della Federal Reserve ha dichiarato mercoledì che sono previsti quattro aumenti nel 2022. Il governatore Lyle Brainard parlerà davanti alla commissione bancaria del Senato alle 10:00 ET sulla sua udienza per la nomina a vicepresidente e gli investitori attendono Ascolta le sue opinioni sull’inflazione e sulla ripresa economica.

“La storia principale è la visione del mercato sui prossimi passi della banca centrale. Il mercato sta bilanciando due cose: meno sostegno alla politica monetaria, ma l’economia sottostante è generalmente buona e pensiamo che i numeri degli utili che inizieranno ad arrivare ora andranno essere”, ha affermato Luc Philippe, responsabile degli investimenti di SYZ Private Banking. , “Molto forte”.

“La reazione del mercato di ieri potrebbe far sperare che le pressioni inflazionistiche globali possano iniziare a diminuire”, ha affermato Michael Hewson, analista presso l’intermediazione CMC Markets.

Ha aggiunto: “Questo sembra un po’ prematuro sulla base dei numeri di un mese, ma il PPI statunitense di questo pomeriggio potrebbe aggiungere un ulteriore nervosismo a questo argomento se vediamo una tendenza simile nei numeri di dicembre oggi”.

“Il PPI tende ad essere un indicatore principale dell’IPC principale per la maggior parte dell’anno passato ed è già ben al di sopra dei livelli dell’IPC”.

Azioni in movimento: le azioni di Persimmon sono scese del 3,1% dopo che il costruttore di case del Regno Unito ha dichiarato che la sua posizione attuale per le vendite di futures per quest’anno è leggermente diminuita su base annua.

Le vendite a termine sono state pari a 1,62 miliardi di sterline il 31 dicembre, rispetto a 1,69 miliardi di sterline dell’anno precedente. “Con quasi 300 siti operativi, Persimmon ha molte parti mobili”, ha affermato Steve Clayton, gestore del fondo Hargreaves Lansdowne.

“Alcuni analisti si aspettavano che il fatturato fosse più alto, ma ancora una volta il grande salto nelle prenotazioni a termine, da 1,32 miliardi di sterline a 1,62 miliardi di sterline, suggerisce che la domanda è buona e, molto probabilmente, alcuni completamenti sono scivolati fino alla fine dell’anno. Omicron ha corso tra la forza lavoro in tutto il paese”.

Tesco è stato tra i maggiori perdenti del FTSE 100, in calo dell’1,6% anche dopo che il droghiere britannico ha registrato finora vendite più forti del previsto e ha affermato di aspettarsi un utile operativo al dettaglio per l’intero anno appena al di sopra delle indicazioni precedenti.

In un aggiornamento del 3° trimestre che copre le 19 settimane fino a sabato, Tesco ha affermato che le prestazioni natalizie sono state ottime. “Sembra che gli azionisti siano meno colpiti dal calo delle azioni nelle prime negoziazioni”, ha affermato Michael Hewson, analista di CMC Markets.

READ  I falchi della politica e i tribunali metteranno alla prova la Banca centrale europea e i mercati del debito in euro

“Questa risposta suona un po’ schietta, ma potrebbe avere più a che fare con il fatto che le azioni sono vicine ai massimi di 11 mesi. Ciò non significa certamente che non possano salire più in alto a lungo termine”.

Le azioni di ASOS sono aumentate del 9,8% dopo che il rivenditore di abbigliamento online ha mantenuto invariate le indicazioni per l’intero anno nonostante i problemi della catena di approvvigionamento e l’incertezza relativa alle variabili del coronavirus. Sebbene l’aumento del 5% delle vendite nei quattro mesi fino al 31 dicembre possa non sembrare evidente, è andato bene con gli investitori che potrebbero aver temuto che non sarebbe successo, ha affermato AJ Bell.

“La sfida ora è ottenere una crescita più forte”, afferma Ross Mold, chief investment officer di AJ Bell, aggiungendo che il piano della società quotata all’AIM di trasferirsi nel mercato principale di Londra entro la fine di febbraio significa che dovrebbe qualificarsi per un posto nell’indice FTSE 250. Entro la fine dell’anno, trai vantaggio dai fondi indicizzati che acquistano le loro azioni.

Dati in primo piano: l’economista di HSBC Shantana Sam ha affermato che gli ultimi dati economici pubblicati nell’Eurozona indicano un quarto trimestre relativamente forte con sorprese rialziste a novembre per la produzione industriale e le vendite al dettaglio.

“Certo, l’impatto di Omicron potrebbe essere più pronunciato nel primo trimestre, ma gli ultimi sondaggi aziendali e i dati ad alta frequenza non indicano nemmeno un calo significativo dell’attività”, ha affermato Sam.

Tuttavia, l’economista ha affermato che l’assenza di dipendenti a causa del forte aumento del numero di contagiati e in quarantena e la pressione del reddito reale dovuta all’elevata inflazione potrebbe essere un freno all’attività economica all’inizio del 2022.

UniCredit prevede che la produzione industriale italiana aumenterà moderatamente a novembre, dello 0,4% su base mensile, dopo il calo dello 0,6% su base mensile di ottobre.

Gli economisti di UniCredit hanno affermato che ciò riflette probabilmente un rallentamento della crescita dell’attività industriale nel quarto trimestre del 2021, dopo una performance relativamente forte nei trimestri precedenti.

Inoltre, secondo la banca, ciò rifletterà l’impatto negativo dell’intensificarsi dei vincoli dal lato dell’offerta. Gli economisti hanno affermato che le recenti letture degli indicatori di fiducia in Italia indicano alcuni rischi al rialzo per la chiamata di UniCredit.

Mercati USA:

I futures azionari hanno oscillato ei rendimenti obbligazionari sono aumentati in vista dei nuovi dati sull’inflazione e sul mercato del lavoro che potrebbero fornire alcune informazioni sul prossimo corso della politica monetaria.

L’indice dei prezzi alla produzione negli Stati Uniti, l’indicatore dell’inflazione che misura i prezzi delle merci fuori dalle fabbriche, è previsto per le 8:30, così come gli ultimi dati sulle richieste di sussidi di disoccupazione settimanali. Gli economisti prevedono che un mercato del lavoro teso abbia tenuto a freno i licenziamenti, una continuazione della tendenza che mantiene il livello settimanale al di sotto della media del 2019 dall’inizio di dicembre.

READ  1,5 milioni di nigeriani in Italia hanno bisogno del passaporto - Organizzazione della diaspora

La stagione degli utili inizia questa settimana, poiché Delta Air Lines si prepara a pubblicare i risultati all’inizio di giovedì. Le principali società finanziarie tra cui BlackRock, Citigroup, JPMorgan e Wells Fargo dovrebbero riferire venerdì.

Gli investitori sono pronti per i profitti bancari, ha affermato Jeffrey Myers, consulente di Market Securities, dopo che Jefferies ha riportato entrate e guadagni che hanno mancato le stime degli analisti mercoledì. Il titolo è sceso del 9,3% e ha continuato a diminuire giovedì nelle negoziazioni fuori orario, in calo di un altro 0,9%.

Forex:

Il dollaro è sceso al minimo di due mesi contro l’euro e un paniere di valute, e ha continuato la sua discesa mercoledì dopo che i dati hanno mostrato l’inflazione dell’indice dei prezzi al consumo negli Stati Uniti a un massimo di 39 anni del 7,0% a dicembre. MUFG ha affermato che gli investitori potrebbero aver bisogno di prove di una crescita più forte per ricominciare ad acquistare la valuta.

Sebbene i dati sottolineino le aspettative di rapidi aumenti dei tassi, i mercati dei tassi di interesse statunitensi mostrano una prospettiva “relativamente debole” per aumenti dei tassi oltre quest’anno, ha affermato Derek Halpenny, responsabile della ricerca sui mercati globali di MUFG in Europa, Medio Oriente e Africa.

Il catalizzatore per la rinnovata forza del dollaro potrebbe essere dato dai dati economici che “convincono il mercato a una crescita più forte” e aumentano le aspettative sul tasso di interesse finale della Fed. L’indice DXY Dollar è sceso dello 0,2% a 94,7460. EUR/USD è salito dello 0,3% a 1,1478, secondo FactSet.

MUFG Bank ha affermato che è improbabile che l’incertezza politica che circonda le richieste di dimissioni del primo ministro britannico Boris Johnson abbia un impatto significativo sulla sterlina.

“Prima di tutto, dubitiamo di essere arrivati ​​a quel punto”, ha detto l’analista del MUFG Derek Halpenny. Ha detto che un’indagine sulle accuse secondo cui i funzionari di Downing Street avrebbero tenuto una serie di feste durante il blocco potrebbe richiedere settimane.

In secondo luogo, il nuovo primo ministro non cambierà la sua politica “drasticamente” al punto da influenzare l’andamento della sterlina, ha affermato.

La lira turca è scesa del 2,3% rispetto al dollaro, scambiando a 13,5 lire a $1. A causa della recente volatilità, i turchi hanno cercato sempre di più di mantenere i propri risparmi in altre valute, anche in criptovalute.

Obbligazioni:

UniCredit ha affermato che la volatilità nei mercati del reddito fisso rimane elevata con la continua pressione sui titoli di Stato nella zona euro.

Pertanto, la banca limiterà l’esposizione a termine per ora, ha affermato prima dell’asta delle obbligazioni italiane e del prestito obbligazionario a 10 anni in Irlanda. L’Italia venderà un totale di 6 miliardi di euro – 7 miliardi di euro all’asta a dicembre 2024 e febbraio 2029.

UniCredit ha affermato che il trading con un rendimento positivo di circa lo 0,085%, secondo Tradeweb, il BTP a dicembre 2024 sembra interessante rispetto a swap e obbligazioni di durata simile.

READ  Miliardari in battaglia: una lotta di potere al timone della finanza italiana

Gli strateghi della banca italiana considerano la regione della curva dei rendimenti a sette anni dell’Italia come “abbastanza costosa” e si aspettano che la parte delle scadenze sottoperformerà le sue “ali” – o scadenze più brevi e più lunghe – se i rendimenti continueranno a salire.

Giovedì il rendimento del Treasury a 10 anni di riferimento è salito a 1,745% da 1,724%

Mercoledì, la tendenza si è invertita dopo due sessioni di calo. Anche i rendimenti delle obbligazioni a breve termine sono aumentati, con il rendimento delle obbligazioni a due anni che si è attestato allo 0,929%, in rialzo per il terzo giorno.

Capital Economics ha alzato le sue precedenti previsioni sui rendimenti dei titoli di stato globali poiché continua ad aspettarsi una politica monetaria più restrittiva da parte delle banche centrali per spingerli al rialzo, ha affermato l’economista dei mercati Franziska Palmas.

“Prevediamo ancora che la stretta monetaria aumenterà i rendimenti dei titoli di Stato a 10 anni nei mercati sviluppati, ma ora ci aspettiamo che raggiungano un livello più alto di quanto ci aspettassimo in precedenza, in particolare negli Stati Uniti, in Germania e nel Regno Unito”, ha affermato.

CE ora prevede che il rendimento del Tesoro statunitense a 10 anni raggiunga il 2,25% entro la fine del 2022 e il 2,75% entro la fine del 2023, in aumento rispetto alle precedenti previsioni rispettivamente del 2,00% e del 2,25%. Si prevede che il rendimento delle obbligazioni a 10 anni salirà allo 0,50% entro la fine del 2023 rispetto allo 0,25% previsto in precedenza.

Il rapporto sull’indice dei prezzi al consumo degli Stati Uniti di dicembre, che arriva sulla scia del basso tasso di disoccupazione della scorsa settimana, ha confermato le aspettative di Pimco secondo cui la Fed inizierà ad aumentare i tassi di interesse a marzo e finirà il suo bilancio entro la fine dell’anno, ha affermato Tiffany Wilding, economista. Picco.

Quest’ultimo rapporto sull’IPC era in linea con le aspettative principali per cui l’IPC principale raggiungesse un picco di circa il 6% a febbraio, prima di ridursi gradualmente nella seconda metà dell’anno, afferma, ma aggiunge che Pimco si sta concentrando sempre più sui rischi derivanti da focolai variabili. Omicron.

Wilding ha affermato che Pimco rimane anche preoccupata per l’impatto che ulteriori interruzioni della produzione in Cina e altri importanti fornitori potrebbero avere sulle scorte e sui prezzi al dettaglio negli Stati Uniti.

Merce:

I prezzi del petrolio hanno oscillato dopo i dati contrastanti sulle scorte dell’Energy Information Administration. I dati di inventario dell’Energy Information Administration pubblicati mercoledì hanno mostrato che le scorte di petrolio greggio sono diminuite di oltre 4,5 milioni di barili la scorsa settimana.

(Altro a seguire) Notizie Dow Jones

13 gennaio 2022 06:52 ET (11:52 GMT)

Copyright (c) 2022 Dow Jones & Company, Inc.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post Liam Hemsworth, le decisioni sagge sono la tua strada verso la vittoria
Next Post Navient accetta di saldare un debito studentesco di 1,7 miliardi di dollari