Brandizzo: Video prima dello schianto, se vi dico treno spostatevi. Legal vittime: Dimostra modus… – Buzznews

Brandizzo: Video prima dello schianto, se vi dico treno spostatevi. Legal vittime: Dimostra modus… – Buzznews

Gli avvocati delle famiglie delle vittime dell’incidente ferroviario di Brandizzo sono molto dispiaciuti per la diffusione del video, ma ritengono che sia utile per la ricostruzione degli eventi.

Nel video si vede un modus operandi non occasionale e direttive molto pericolose impartite ai lavoratori. Il video è stato girato da una delle vittime poco prima dell’incidente. Gli operai erano al lavoro su un tratto di ferrovia e sono stati travolti da un convoglio di passaggio.

Nel video si vedono gli operai rimuovere il pietrisco sotto i binari. La voce nel video dice agli operai di andare “da quella parte” se sentono il treno. Il video è stato acquisito dalla Procura di Ivrea ed è della durata di 6 minuti e 48 secondi. La voce nel video non appartiene a uno dei lavoratori, ma probabilmente al capo cantiere o al tecnico di Rfi che erano presenti sul posto.

Dagli indizi nel video, sembra che gli operai fossero a conoscenza del passaggio dei treni sulla linea sulla quale stanno lavorando. Si sente anche uno dei lavoratori chiedere se possono lavorare sul binario interrotto e viene risposto che possono farlo dopo il passaggio dell’autoscala.

Il video si conclude con il saluto dell’operaio che dice di vedersi alla prossima e che metterà un tik tok fra un paio di giorni.

L’incidente ferroviario di Brandizzo ha sconvolto l’opinione pubblica italiana. I video delle ultime fasi prima dell’incidente sono diventati virali sui social media, suscitando indignazione e indignazione tra gli utenti. Tuttavia, gli avvocati delle famiglie delle vittime ritengono che la diffusione di tali video sia necessaria per ricostruire gli eventi e stabilire le responsabilità.

READ  Chiara Ferragni sullincidente Balocco: Ho commesso un errore, donerò un milione di euro in beneficenza - Buzznews

Nel video, si può osservare in maniera chiara un comportamento inconsueto da parte dei lavoratori ed è evidente la pericolosità delle direttive impartite loro. È importante precisare che il video è stato registrato da una delle vittime stesse, pochi momenti prima dell’incidente fatale. Gli operai, infatti, si trovavano al lavoro su un tratto di ferrovia quando sono stati travolti da un convoglio in transito.

Nelle immagini, è possibile notare gli operai rimuovere il pietrisco posizionato sotto i binari. La voce udibile nel video avverte gli operai di andare “da quella parte” nel caso avvertano il rumore del treno. La Procura di Ivrea ha acquisito il filmato, che ha una durata di 6 minuti e 48 secondi, e dalle indagini preliminari sembra che la voce non appartenga a uno dei lavoratori, bensì al capo cantiere o al tecnico di Rfi presenti sul luogo al momento dell’incidente.

Da quanto trapela dalle immagini, sembra che gli operai erano a conoscenza del passaggio dei treni sulla linea su cui stavano lavorando. In un momento del video, si sente un lavoratore chiedere se possono procedere con i lavori sul binario interrotto, ottenendo una risposta affermativa dopo il passaggio di un’apposita scala aerea.

Il filmato si conclude con l’operaio che saluta i colleghi, promettendo di condividere un video su TikTok nei prossimi giorni. La diffusione di queste immagini ha sollevato un acceso dibattito sulla sicurezza nei cantieri ferroviari e sul rispetto delle norme atte a garantire la tutela dei lavoratori.

Le famiglie delle vittime si aspettano che l’inchiesta in corso faccia luce sulla responsabilità dell’incidente e che siano adottate le misure necessarie per evitare futuri incidenti del genere. L’opinione pubblica, dal canto suo, chiede una maggiore vigilanza e regolamentazione in materia di sicurezza sul lavoro e si attende che siano assicurati i giusti provvedimenti affinché tragedie come queste non si ripetano.

READ  Scuola, Valditara abbraccia la linea Salvini: La maggior parte degli alunni in classe deve essere italiana - la Repubblica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *