Bombardiere di Kabul deportato dall’India 5 anni fa: rivista con link all’ISIS

Una rivista nota per essere legata allo Stato Islamico ha affermato che L’attentato suicida ha preso di mira l’aeroporto di Kabul Brulicava di persone che cercavano di andarsene il mese scorso, uccidendo più di 200 persone, che sono state arrestate in India cinque anni fa e poi deportate in Afghanistan.

La rivista filo-ISIS Sawt al-Hind (Sawt al-Hind), che ha identificato l’attentatore suicida come “Abdul Rahman al-Lojri”, ha affermato: “Il fratello è stato arrestato 5 anni fa in India, quando si è recato a Delhi per trasportare l’operazione dell’Operazione Ishthaihi (martirio) su Siu (la mucca) mentre stava adorando.Gli indù vendicano il Kashmir.

La rivista ha detto che era dietro l’attentato all’aeroporto di Kabul, aggiungendo che 250 persone sono state uccise, tra cui 13 americani e decine di talebani “apostati”.

Fonti dell’apparato di sicurezza indiano non hanno confermato né smentito le accuse della rivista. Nel 2017, le agenzie di intelligence indiane hanno deportato un cittadino afghano residente a Lajpat Nagar, Delhi, con l’accusa di lavorare per lo Stato Islamico, e le forze statunitensi lo hanno arrestato in Afghanistan.

Lodando l’aggressore, Voice of India ha detto: “…il fratello è stato messo alla prova in prigione e deportato in Afghanistan… Adempiere alla promessa di Dio, il fratello non è tornato a casa, ma ha eseguito la sua operazione e il suo cuore. Pieno di calma e piacere lo consideriamo tale e Dio è il suo giudice”.

Ha detto che prima del ritiro delle forze statunitensi dall’Afghanistan, migliaia di “burocrati afgani erano all’aeroporto di Kabul che cercavano di partire con le loro famiglie, insieme a traditori e assassini di musulmani”.

READ  Dall'Australia alla Cina dopo aver annullato l'accordo Belt and Road

Fonti hanno affermato che l’interrogatorio del cittadino afghano deportato dall’India nel 2017 ha portato a diverse operazioni anti-ISIS da parte delle forze statunitensi in Afghanistan.

indiano espresso Aveva riferito del giovane, che aveva circa 20 anni, nel luglio 2018, dicendo che faceva parte di un gruppo di 12 militanti dello Stato Islamico che erano stati inviati dopo l’addestramento in Pakistan per compiere attacchi nella regione. L’operazione di sorveglianza di 18 mesi in Afghanistan, Dubai e Nuova Delhi ha prodotto informazioni il 12, con il cittadino afghano, “figlio di un ricco uomo d’affari”, che prendeva di mira Nuova Delhi.

L’ala di ricerca e analisi (R&AW) ha scoperto per la prima volta un trasferimento sospetto di $ 50.000 da parte di individui sotto la sua sorveglianza da Dubai a una località in Afghanistan, che ha portato alla sorveglianza. Allo stesso tempo, l’intelligence è stata condivisa dagli Stati Uniti con New Delhi sul fatto che la capitale sia un possibile obiettivo per un attacco dell’ISIS.

L’Express ha riferito che come parte della sua missione segreta, il giovane afgano è stato accettato in una scuola di ingegneria privata alla periferia di Delhi, lungo l’autostrada per Faridabad. Inizialmente viveva in un ostello del college, ma in seguito affittò un appartamento a Lajpat Nagar.

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post 3 vittorie contro l’incredibile Air Force 49-45 dello Utah State
Next Post NVIDIA prevede di rilasciare un nuovo modello di RTX 3060 con la morte di GA104