Boeing ritarda il volo di prova della navicella spaziale dell’equipaggio Starliner OFT-2

Una capsula Boeing Starliner montata su un razzo Atlas V sulla rampa di lancio prima del lancio della missione OFT-2.

United Launch Alliance

La società ha dichiarato venerdì che il secondo test senza equipaggio di Boeing della sua navicella spaziale Starliner è stato ritardato di almeno due mesi a causa di problemi con le valvole di spinta nella capsula.

L’ultima missione – chiamata Orbital Flight Test 2 o OFT-2 – era stata precedentemente presa di mira nel dicembre 2020, ma Boeing ha ritardato il lancio più volte, con l’ultimo obiettivo il 3 agosto. Durante i preparativi il giorno del lancio, Boeing ha scoperto che 13 valvole del sistema di propulsione non si erano aperte sul veicolo spaziale, costringendo la compagnia a ritardare il lancio.

Mentre gli ingegneri dell’azienda hanno ripristinato la funzionalità di nove delle 13 valvole nell’ultima settimana e mezzo, il vicepresidente della Boeing John Vollmer ha affermato che il team ha “esaurito ogni possibile opzione” per riparare lo Starliner mentre la capsula era in cima al razzo, richiedendo un tornare alla struttura di elaborazione della società per ulteriori indagini.

Vollmer ha affermato che Boeing sta lavorando con Aerojet Rocketdyne, che ha realizzato le valvole, per determinare la causa esatta dei problemi e per analizzare potenziali misure preventive o riprogettazioni.

Steve Stitch, direttore del NASA Commercial Crew Program, ha detto ai giornalisti che il lavoro extra significa che Boeing non avrà l’opportunità di lanciare OFT-2 questo mese e che è stato “sicuramente dall’altra parte” della missione pianificata dell’agenzia a metà ottobre…

L’annuncio del ritardo dell’OFT-2 arriva circa 19 mesi dopo il fallimento del primo test di volo di Boeing.

READ  Aggiornamenti live E3 2021: Ubisoft rivela Avatar: Frontiers of Pandora

OFT-2 segna il nuovo test del primo volo senza equipaggio di Boeing nel dicembre 2019. La prima missione Starliner è stata interrotta quando, dopo un lancio riuscito, il sistema di controllo del volo della navicella ha fallito e la capsula non ha raggiunto la Stazione Spaziale Internazionale come previsto. . Mentre Boeing è stato in grado di eseguire test su molte parti dello Starliner durante il breve volo, la NASA ha dichiarato che il test di volo è stato “ravvicinato”, affermando che il veicolo spaziale potrebbe essere stato perso due volte durante la missione.

La società ha apportato dozzine di modifiche dopo un’indagine insieme alla NASA. Inoltre, Boeing copre il costo di OFT-2, avendo stanziato 410 milioni di dollari poco dopo il primo test di volo. Vollmer ha detto venerdì che non era sicuro di quanto il ritardo e gli straordinari sarebbero costati alla Boeing.

Competi con SpaceX

Il Boeing Starliner è stato sviluppato nell’ambito del programma Commercial Crew della NASA, che l’agenzia spaziale ha avviato nel 2010 quando lo space shuttle si è ritirato. L’obiettivo del programma era convincere le aziende del settore privato a produrre il modo più economico, innovativo e sicuro per trasportare gli astronauti da e verso la Stazione Spaziale Internazionale.

Il programma è stato organizzato come una competizione a più livelli, con le aziende che hanno fatto offerte per i contratti della NASA per costruire sistemi di trasporto spaziale secondo criteri specifici stabiliti dall’agenzia. Alla fine, la NASA ha assegnato i contratti a SpaceX e Boeing, con l’ultimo appaltatore spaziale che ha vinto quasi $ 5 miliardi per sviluppare lo Starliner.

READ  Zoom Chromebook arriverà come PWA la prossima settimana

Progettato per trasportare fino a cinque persone alla Stazione Spaziale Internazionale, lo Starliner viene lanciato su un razzo Atlas V, costruito e gestito da United Launch Alliance, la joint venture tra Boeing e Lockheed Martin.

Per quasi un decennio, SpaceX e Boeing sono stati in allerta, costruendo e testando i sistemi di trasporto dell’equipaggio. Ma il successo del lancio degli astronauti da parte di SpaceX nel maggio 2020 ha segnato una pietra miliare per l’azienda, portando Boeing a recuperare il ritardo. Il lancio di SpaceX ha segnato la prima volta che gli astronauti della NASA sono decollati dal suolo statunitense dal 2011, e la prima volta che un veicolo spaziale commerciale ha trasportato astronauti della NASA.

Da allora, SpaceX ha effettuato due missioni di astronauti per la NASA utilizzando le capsule Crew Dragon e ha trasportato in totale sicurezza 10 persone nello spazio. Elon Musk ha in programma altri due lanci con equipaggio questo autunno, con la missione speciale Inspiration4 e poi la missione Crew-3 della NASA.

Diventa un investitore più intelligente con CNBC Pro.
Ottieni scelte di titoli, chiamate di analisti, interviste esclusive e accesso a CNBC TV.
Iscriviti per iniziare Prova gratuita oggi.

Agapeto Vecoli

"Imprenditore. Freelance introverso. Creatore. Lettore appassionato. Ninja della birra certificato. Nerd del cibo."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post tragico! 3 anni… Altre quattro persone sono state uccise in una sparatoria di massa in Gran Bretagna | notizie dal mondo
Next Post James Rodriguez è uno dei cinque giocatori dell’Everton in quarantena a causa del Covid-19