Boeing e NASA continuano a indagare sul problema della valvola Starliner

LONG BEACH, CA – La NASA e Boeing puntano alla prima metà del 2022 per lanciare il volo di prova riprogrammato del loro veicolo commerciale CST-100 Starliner mentre gli ingegneri continuano a indagare su un problema alle valvole che ha ritardato la missione due mesi fa.

In una dichiarazione rilasciata l’8 ottobre, la NASA ha affermato che gli ingegneri sono stati in grado di liberare tutte tranne una delle 13 valvole bloccate sulla navicella spaziale Starliner. Quelle valvole bloccate Siamo stati costretti a posticipare la missione Orbital Flight Test (OFT) 2 di Boeing all’inizio di agosto. L’unica valvola rimasta che è ancora chiusa è mantenuta in quello stato apposta “per la conservazione forense dell’analisi della causa principale diretta”.

L’analisi non ha ancora determinato la causa principale delle valvole bloccate, ma la NASA riferisce che Boeing ritiene che la causa più probabile sia l’interazione tra umidità e tetrossido di azoto, una ragione fornita dai funzionari della Boeing ad agosto. La fonte dell’umidità non è stata inclusa nella dichiarazione, che ha aggiunto che “mentre sono in corso alcuni lavori di verifica, la nostra fiducia è abbastanza alta da avviare azioni correttive e preventive”.

Come parte di questi sforzi, i tecnici Boeing hanno parzialmente smontato tre valvole il mese scorso e rimuoveranno altre tre valvole nelle prossime settimane per l’ispezione. Questi sforzi determineranno come Boeing preparerà il veicolo spaziale per un nuovo tentativo di lancio, con opzioni che vanno da una “semplice ristrutturazione” dei componenti nel modulo di servizio Starliner alla sostituzione dell’intero modulo di servizio.

Nella dichiarazione, la NASA ha confermato che il prossimo tentativo di lancio di OFT-2 non sarà quest’anno. “Il team sta attualmente lavorando su opportunità nella prima metà del 2022 in attesa della disponibilità dello strumento, del manifesto del razzo e della disponibilità della stazione spaziale”, ha affermato l’agenzia.

READ  La contea di Pierce tornerà probabilmente alla Fase 2 - Notizie KIRO 7 a Seattle

Era già chiaro che era improbabile che OFT-2 volasse quest’anno a causa sia delle indagini in corso che di altre missioni alla stazione. “La tempistica e il manifesto fino alla fine dell’anno sono piuttosto stretti in questo momento”, ha affermato Kathy Luders, amministratore associato della NASA per le operazioni spaziali. Briefing del 21 settembre. “La mia impressione è che sia probabile che sia il prossimo anno, ma stiamo ancora lavorando su quel programma”.

Steve Stitch, direttore del Commercial Crew Program della NASA, ha fornito la stessa valutazione durante un briefing del 6 ottobre sulla prossima missione dell’equipaggio commerciale SpaceX Crew-3. “Non c’è davvero alcuna opportunità per OFT-2 di volare quest’anno”, ha detto. “Dal punto di vista della stazione, potrebbe essere l’inizio del prossimo anno quando si aprirà una finestra per OFT-2”.

Lo Starliner attraccherà in uno dei due porti, uno dei quali sarà occupato dalla navicella spaziale Crew Dragon. L’altro porto sarà occupato da Dragon Cargo a partire dai primi di dicembre, molto probabilmente fino ai primi di gennaio. Una navicella spaziale commerciale Crew Dragon, che pilota la missione Ax-1 per Axiom Space, è prevista per il lancio il 21 febbraio e trascorrerà una settimana nella stazione utilizzando quell’altro porto.

Stitch ha dichiarato alla conferenza informativa del 6 ottobre che era troppo presto per restringere la data di lancio dell’OFT-2, dati i dubbi sulla prontezza dell’auto. “Abbiamo davvero bisogno di arrivare alla causa principale del problema della valvola nell’unità di servizio”, ha affermato. “Una volta che lo faremo, avremo più certezza sul percorso da seguire quando sarà OFT-2, e poi da lì, dove si trova il CFT”. CFT, o Crew Flight Test, sarà un volo di prova con equipaggio con un massimo di tre astronauti della NASA a bordo che traccia OFT-2.

READ  Il Moonikin della NASA andrà coraggiosamente dove non hai mai avuto un manichino di prova prima

I ritardi significano che passeranno più di due anni tra la missione OFT originale nel dicembre 2019, che ha sofferto di numerosi problemi di software e comunicazioni che hanno tagliato il volo, e OFT-2. Nel frattempo, da quando OFT, SpaceX ha condotto un volo di prova con equipaggio del Demo-2 e delle missioni operative Crew-1 e Crew-2. Il lancio della prossima missione Crew Dragon della NASA, Crew-3, è previsto per il 30 ottobre, mentre Crew-4 e Crew-5 sono previsti per il 2022.

Alla conferenza stampa, la NASA ha difeso Boeing nonostante quei lunghi ritardi. “Non abbiamo perso la fiducia nel team Boeing. Il team sta facendo un lavoro incredibile lavorando sulla causa principale del problema della valvola”, ha affermato Stich. “Ho grande fiducia che scopriranno qual è il problema e lavoreranno per correggerlo e torneremo in viaggio molto presto”.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post 4 giocatori che possono battere Lionel Messi e Cristiano Ronaldo per vincere il Pallone d’Oro di quest’anno
Next Post Halsey ha inviato una lettera a Trent Reznor e Atticus Ross chiedendo loro di lavorare su “Se non posso avere amore, voglio forza”