Bill Gates ha fatto un’offerta per acquistare un hotel di Venezia vietato dopo le proteste

TL’Hotel Danieli sul Canal Grande di Venezia è un simbolo della città elegante e turbolenta. I pavimenti in marmo e l’esterno dell’hotel più antico di Venezia sono stati danneggiati da ripetute percosse acqua alta, o le piene d’acqua che spazzano il foyer più volte all’anno. Ci sono filigrane sulle gambe del pianoforte a coda nel bar del piano principale e incisioni sulla parte superiore lucida di dove il personale impila rapidamente i mobili quando l’acqua salata si riversa dentro.

Questo hotel, in attività da oltre 200 anni, è stato teatro di innumerevoli film, tra cui due film di James Bond (Moonraker e Casinò Royale) e prepararsi per infiniti affari di alta posta in gioco. I paparazzi sembrano sempre sapere chi c’è lontano nelle lussuose suite private. È essenzialmente un quartiere veneziano in una città dove la gente del posto è stanca degli stranieri che comprano cose da vedere. Più del 70 per cento degli immobili residenziali è ora di proprietà di stranieri, il che ha allontanato molti veri veneziani. Mentre gestisce il lusso Marriott Group, Daniele è di proprietà del Gruppo Giuseppe Statutto. (Purtroppo Giuseppe ha trascorso un po’ di tempo agli arresti domiciliari dopo che alcune scelte legali erano state collegate a quello che sembrava essere un falso fascicolo di fallimento, che è stato poi assolto.)

Miglior riassunto di viaggio

Ottieni il mondo intero nella tua casella di posta.

Quindi, quando la scorsa settimana è emersa la notizia che Bill Gates e il principe saudita Al-Waleed bin Talal avrebbero presto guidato i tanto necessari lavori di ristrutturazione con un accordo da 30 milioni di euro per trasferire lo storico hotel dal marchio del gruppo di lusso Marriott al Four Seasons entro il 2024, sopracciglia innalzata. Non hanno nemmeno usato un italiano per guidare l’attività, assumendo invece il designer francese Pierre-Yves Rochon che aveva già iniziato a disegnare il nuovo look per l’affascinante ristrutturazione.

READ  Francia e Italia impongono un mandato rigoroso sul vaccino contro il covid-19, anteprima per le città degli Stati Uniti

Le voci della scorsa settimana secondo cui uno dei monumenti più prestigiosi di Venezia sarebbe presto nelle mani di americani, sauditi e francesi sono state accolte con disprezzo. L’assessorato al turismo della città ha presentato una petizione alle aziende del made in Italy per salvare l’hotel sul lungomare, una delle prime cose che la maggior parte dei turisti vede quando il taxi acqueo si ferma a Piazza San Marco.

Poi, all’improvviso, è arrivato l’annuncio che il Gruppo Giuseppe Statuto ne manterrebbe la proprietà dopo aver ottenuto un prestito obbligazionario a sorpresa di 330 milioni di euro. Statuto ha confermato l’accordo al Daily Beast, vantandosi di aver stanziato anche 30 milioni di euro per i lavori di ristrutturazione, ma l’aggiornamento sarà effettuato da un designer italiano.

Un rappresentante del Gruppo Statoto ha dichiarato a The Daily Beast che Four Seasons Gates gestisce già il prestigioso Mandarin Statoto a Milano e Palazzo San Domenico a Taormina, che rimane un appuntamento fisso nella timoneria del promotore immobiliare italiano. Ma dopo la reazione negativa, Daniele non sarà più gestito dal gruppo Four Seasons. Four Seasons non ha risposto a più richieste di commento per questa storia.

Venezia, che prima della pandemia aveva sofferto per l’eccessivo turismo alimentato da navi da crociera e compagnie aeree low cost, ha vissuto una rinascita durante la pandemia quando molti ricchi veneziani che si erano allontanati dalla folla sono tornati a godersi la città in isolamento. Molti di loro sono ora impegnati nel salvataggio della città sostenendo iniziative per riportare i veneziani a Venezia. Jane da Mosto, che gestisce l’ONG We Are Venice, che ha lavorato per convincere gli enti turistici veneziani a incorporare il turismo sostenibile nei loro piani post-pandemia, aveva sperato che un calo del turismo dovuto al rigido blocco all’inizio della pandemia avrebbe portare a un profondo cambiamento. “Avevamo bisogno di riequilibrare l’economia entro i confini dell’ambiente e di riscoprire ciò che Venezia è veramente”, ha detto a The Daily Beast. “Invece, potremmo sprecare l’opportunità di reinventare questa città”.

READ  Il settore marittimo soffre di una carenza di navi portacontainer

Il volto di Venezia è cambiato radicalmente negli ultimi due anni da quando i leggendari festeggiamenti del Carnevale sono stati cancellati quando il COVID-19 ha invaso l’Italia diventando il primo hotspot al di fuori della Cina. I piccoli negozi di bigiotteria sono praticamente tutti chiusi e i proprietari di Airbnb stanno affittando a studenti e famiglie ora perché il turismo è ancora lento. In aggiunta al dolore e all’euforia per coloro che apprezzano la Venezia più tranquilla, a enormi navi da crociera è stato vietato l’attracco in città e costrette ad attraccare sulla terraferma, spingendo alcune compagnie a girare del tutto intorno a Venezia.

Ad essere onesti, l’Hotel Danieli non ha mai offerto il pacchetto turistico espresso con camere a partire da $ 550 e fino a oltre $ 2000 per la Suite Executive con vista sul Canal Grande. Ma la popolazione in diminuzione di Venezia sente un senso di proprietà di tutti i suoi monumenti ed è riuscita a preservare un certo numero di edifici storici nelle mani degli italiani. L’Italia è l’unico Paese europeo con più di 1 milione di camere d’albergo di cui meno del 5% di proprietà di grandi aziende. Il resto tendono ad essere aziende familiari tramandate di generazione in generazione. Anche i grandi hotel di lusso tendono ad essere in cima alla lista e la maggior parte di essi sono di proprietà italiana.

Quando la pandemia ha colpito, molti partiti politici hanno versato denaro nel settore del turismo di lusso, in particolare negli hotel, temendo che gli investitori stranieri venissero e si impadronissero dei principali asset alberghieri, che scarseggiano. “Molti investitori istituzionali cercano hotel in Italia, ma c’è più domanda che disponibilità”, ha detto a The Daily Beast Bernabe Boca, presidente dell’Associazione nazionale dei proprietari di hotel, Federberg.

READ  Cinque domande che incombono sulla nuova compagnia aerea italiana - Politico

A seguito di petizioni entusiastiche, il governo ha lanciato un fondo statale di 2 miliardi di euro per salvare immobili se i suoi proprietari italiani falliscono e alla fine li vendono ai suoi proprietari quando i tempi migliorano. Ma Boca non crede che gli alieni come Gates dovrebbero essere isolati se l’alternativa è chiusa. “Non credo che sia una tragedia se gli investitori internazionali acquistano hotel in Italia, purché i posti di lavoro rimangano qui, cosa che fanno negli hotel”, ha detto Boca. Quanto al possesso di Danielle da parte dei Gates, Boca sembrava accontentarsi di non speculare. “Non sta succedendo, quindi cosa posso dire?”

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Alia della WWE stabilisce un nuovo record WWE in una partita di SmackDown
Next Post Badosa sconfigge Kryzhikova per vincere il titolo di Sydney – Gioco