Biden vede la Cina come la minaccia più pericolosa per l’Occidente, ma l’Europa?

A quanto pare il Segretario di Stato Anthony J. Blinken era euforico per l’accoglienza che ha ricevuto in Europa il mese scorso, abbracciato da funzionari impulsivi per il suo messaggio “L’America è tornata” – forse semplicemente contento di non essere stato disprezzato come il suo predecessore, Michael R. Pompeo.

La missione dichiarata di Blinken era quella di rivitalizzare le relazioni USA-Europa, perseguendo un viaggio simile del presidente Biden – e gli alleati erano ansiosi di adattarsi dopo quattro anni di isolazionismo sotto Trump.

Ma fuori dagli occhi del pubblico, Blinken ha avuto un compito molto più difficile: galvanizzare un fronte unito contro la forza che Washington ora vede come la più grande minaccia per il mondo occidentale, la Cina.

“Il denominatore comune di cui abbiamo discusso con tutti i nostri partner europei… è se ما [the relationship with Beijing is] “La mia ostilità, che sia competitiva o cooperativa, è meglio riunire la Cina piuttosto che essere soli”, ha detto Blinken a un intervistatore a Roma. “E penso che tu abbia visto che nella riunione del G7, nella riunione della NATO, nella riunione USA-UE, c’è una crescente convergenza sul trattare insieme la Cina da una posizione comune”.

L’amministrazione Biden vuole spostare la dipendenza economica e commerciale dell’Europa dalla Cina spostando le basi di sicurezza strategica della NATO verso una maggiore attenzione alla Cina, e forse alla Russia.

Questo è stato il messaggio che i funzionari dell’amministrazione hanno sottolineato negli incontri di giugno con il Gruppo dei Sette nazioni più ricche in Cornovaglia, in Inghilterra, e con i leader della NATO e dell’Unione Europea a Bruxelles. Blinken ha portato a casa i punti in un secondo viaggio a Berlino, Parigi, Roma e Matera, in Italia, alla fine del mese.

Il 23 giugno il ministro degli Esteri Anthony J. Blinken e il cancelliere tedesco Angela Merkel tengono una conferenza stampa congiunta a Berlino.

(Clemens Bilan/The Associated Press)

Diplomatici e funzionari hanno affermato che finora il successo è stato misto.

READ  Le obbligazioni dell'Eurozona hanno recuperato mentre i funzionari della Banca centrale europea hanno esercitato pressioni sul discorso tapering

“La Russia ci tiene in allerta a livello regionale”, ha detto il ministro della Difesa tedesco Annegret Kramp-Karrenbauer dopo la visita di Blinken. “Ma quando si tratta di plasmare l’ordine mondiale in futuro, la Cina è certamente una sfida sistemica”.

Tuttavia, altri europei sono riluttanti a concentrare i loro problemi di sicurezza sulla Cina piuttosto che sulla Russia. E non molti condividono abbastanza terreno comune con gli Stati Uniti sulla Cina per fare di un fronte unito contro Pechino una base per migliorare le relazioni transatlantiche.

“Per me è un mistero il motivo per cui abbiamo bisogno della Cina per ricostruire le relazioni transatlantiche”, ha affermato Susan Thornton, un’esperta cinese veterana ed ex segretario di Stato ad interim per gli affari dell’Asia orientale. Ha detto che i membri dell’amministrazione possono guardare all’Europa per aiutare a sostituire l’influenza che gli Stati Uniti non hanno più con Pechino, ma che “non vedono la Cina come una minaccia esistenziale” nemmeno allo stesso livello di pericolo degli Stati Uniti. .

“Non condividono la stessa preoccupazione su chi è in cima alla lista; c’è una disconnessione piuttosto grande”, ha detto in un’intervista Thornton, ora membro anziano della Yale University.

Washington vede la Cina come una minaccia perché la sua economia supera quella degli Stati Uniti, sta espandendo spietatamente il suo dominio economico e tecnologico in tutto il mondo e sopprime incessantemente musulmani, tibetani e altre minoranze all’interno dei confini nazionali nel tentativo di cancellare le identità etniche o religiose visto come meno fedele al partito comunista al potere.

Alcuni negli Stati Uniti rimangono scettici sul ruolo iniziale della Cina nella diffusione del virus COVID-19, ritenendo che i funzionari comunisti abbiano cercato di nascondere la gravità della malattia e ostacolato le indagini sulle sue origini.

READ  La cinese Nexperia di proprietà di Newport Wafer Fab sta per acquisire

Al vertice della NATO del 14 giugno, alla presenza di Biden e Blinken, i funzionari statunitensi hanno convinto gli Stati membri ad accettare di aggiungere per la prima volta la Cina al comunicato finale, osservando che “la sua crescente influenza e le politiche internazionali possono porre sfide che dobbiamo affrontare insieme come un’alleanza.”

Tuttavia, questo sta emergendo anche come un altro punto di contesa, affermano funzionari dell’attuale ed ex amministrazione. Pochi paesi vogliono essere così pubblici nel resistere alla Cina come l’amministrazione Biden sembra desiderosa di fare.

Biden e Blinken hanno ritratto il confronto con la Cina come tirannia contro democrazia. Ma molti in Europa hanno una valutazione più accurata e obiettiva di Pechino.

Rosa Balfour, direttrice del Carnegie Endowment for Europe con sede a Bruxelles, ha affermato che l’appello degli Stati Uniti alla cooperazione sulla Cina è “uno sforzo politicamente controverso da una prospettiva europea”.

“Decostruire le sfide poste dalla Cina aiuterà gli Stati membri dell’UE ad affrontare questioni specifiche” come il cambiamento climatico o la sicurezza informatica “piuttosto che accettare la democrazia generale contro la narrativa autoritaria sposata dall’amministrazione Biden”, ha scritto Balfour in un’analisi per il suo istituto. .

Blinken sperava anche di persuadere gli alleati europei ad assumere ruoli maggiori nell’Indo-Pacifico, dove gli Stati Uniti vogliono un’azione per contrastare l’espansione militare ed economica della Cina nella regione. Tuttavia, i paesi europei possono rifiutare a proprie spese.

Ci sono contraddizioni intrinseche nel reclutare paesi europei per contrastare la coercizione economica cinese. Molti, come la Germania, hanno profondi legami commerciali e commerciali che odiano essere aboliti.

Il Segretario di Stato Anthony J.  Blinken parla a Roma con il ministro degli Esteri tedesco Heiko Maas.

Il Segretario di Stato Anthony J. Blinken parla con il ministro degli Esteri tedesco Heiko Maas, a sinistra, prima di una riunione ministeriale a Roma lunedì.

(Andrew Harnick/The Associated Press)

Il Segretario di Stato Anthony J.  Blinken ascolta il ministro degli Esteri italiano Luigi Di Maio parlare durante una conferenza stampa.

Il Segretario di Stato Anthony J. Blinken ascolta mentre il ministro degli Esteri italiano Luigi Di Maio parla, in primo piano, a Roma lunedì.

(Andrew Harnick/The Associated Press)

Blinken ha ripetutamente cercato di rassicurare gli alleati che l’obiettivo dell’amministrazione non era quello di “contenere” la Cina ma di fornire alternative che avrebbero aiutato a mantenere un ordine internazionale libero e “basato su regole”.

READ  IRENA vede il Marocco come un futuristico gigante dell'idrogeno verde

La Cina, sulla strada per diventare la più grande economia del mondo, ha ampliato la sua portata in tutto il mondo, in profondità in Africa e America Latina attraverso il suo programma Belt and Road che costruisce strade, porti e altre infrastrutture in dozzine di paesi, ma spesso a condizioni dure che lasciare quei governi a brandelli, indebitati o costretti a vendere i suoi beni a Pechino.

Per quanto intense fossero le conversazioni private di Blinken sulla Cina in questi giorni passati in Europa, forse – e forse non così controverse alla fine della giornata – le interazioni pubbliche erano calde e cordiali.

Il ministro degli Esteri italiano, Luigi Di Maio, era “Luigi”, Blinken era “Tony” nei commenti ufficiali, e cadevano i soliti titoli onorifici. Descritto dal ministro degli Esteri francese, Jean-Yves Le Drian, come “Caro Tony”, Blinken ha tenuto una conferenza di un’ora all’ambasciata degli Stati Uniti a Parigi in un francese raffinato, un riflesso di aver trascorso gran parte della sua infanzia e degli anni del liceo. nella capitale francese.

Thornton ha dichiarato: “Gli europei sono molto contenti che Trump se ne sia andato e vogliono essere cooperativi, ma per loro, [China represents] Insieme di problemi diversi. Gli interessi non sono gli stessi”.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Amber Heard rivela di aver dato il benvenuto al suo primo figlio tramite un surrogato – The Hollywood Reporter
Next Post Il Cile ottiene l’accesso di Euroclear al mercato delle obbligazioni societarie