Biden sul russo Putin: ‘Quest’uomo non può restare al potere’ | notizie dal mondo

Sabato il presidente Joe Biden ha alzato drammaticamente la sua retorica contro Vladimir Putin, chiedendo che il leader russo fosse messo sotto accusa per la sua brutale invasione dell’Ucraina.

“Per l’amor di Dio, questo ragazzo non può rimanere al potere”, ha detto Biden al termine di un discorso nella capitale della Polonia che è stato il culmine di un viaggio di quattro giorni in Europa.

Biden ha ripetutamente parlato di garantire che l’invasione del Cremlino, ormai durata due mesi, diventi un “fallimento strategico” per Putin e ha definito il presidente russo un “criminale di guerra”. Ma anche nelle sue dichiarazioni a Varsavia, il presidente degli Stati Uniti non ha detto che Putin non dovrebbe guidare la Russia. Sabato scorso, poco dopo aver incontrato i rifugiati ucraini, Biden ha definito Putin un “macellaio”.

Biden ha usato il suo discorso anche per difendere vigorosamente la democrazia liberale e l’alleanza militare della NATO, dicendo che l’Europa deve prepararsi per una lunga battaglia contro l’aggressione russa.

All’inizio della giornata, quando Biden ha incontrato i rifugiati ucraini, la Russia ha continuato a bombardare le città in tutta l’Ucraina. Le esplosioni sono avvenute a Leopoli, la grande città ucraina più vicina alla Polonia e una destinazione per la sua sostituzione interna che è in gran parte sfuggita ai grandi attacchi.

Le immagini di Biden che rassicura i rifugiati e chiede l’unità dell’Occidente contrastano con scene drammatiche di fiamme e fumo nero che si alzano vicino al confine polacco, un altro momento della guerra a schermo diviso.

In quello che la Casa Bianca ha descritto come un discorso importante, Biden ha parlato all’interno del Castello Reale, uno dei punti di riferimento di Varsavia che è stato gravemente danneggiato durante la Seconda Guerra Mondiale.

READ  44 morti mentre inondazioni improvvise hanno colpito l'area di New York in un evento meteorologico storico

Ha preso in prestito le parole di Papa Giovanni Paolo II di origine polacca e ha citato un dissidente anticomunista polacco ed ex presidente, Lech Walesa, avvertendo che l’invasione dell’Ucraina da parte di Putin minacciava di portare “decenni di guerra”.

“In questa lotta, dobbiamo essere chiari”, ha detto Biden. “Questa lotta non sarà vinta in giorni o mesi”.

Tra i circa 1.000 manifestanti c’erano rifugiati ucraini fuggiti in Polonia e altrove nel mezzo della brutale invasione.

“Dobbiamo impegnarci ora, per essere questa lotta a lungo termine”, ha detto Biden.

Dopo aver incontrato i rifugiati allo Stadio Nazionale, Biden è rimasto colpito dal loro spirito e dalla loro determinazione sulla scia della micidiale invasione russa, coccolando madri e bambini e promettendo un sostegno duraturo da parte delle potenze occidentali.

Biden ha ascoltato attentamente mentre i bambini descrivevano il pericoloso viaggio dalla vicina Ucraina con i loro genitori. Sorrise ampiamente, sollevò una bambina con un cappotto rosa e le disse che gli ricordava le sue nipoti.

Il presidente si è tenuto per mano e ha abbracciato i genitori mentre si fermavano al campo di calcio dove i rifugiati si recano per ottenere un numero di identità polacco che dia loro accesso ai servizi sociali come l’assistenza sanitaria e le scuole.

Alcune donne e bambini hanno raccontato a Biden di essere fuggiti senza mariti e padri, uomini in età da combattente a cui è stato detto di restare per aiutare la resistenza contro le forze di Putin.

“Quello di cui sono sempre stato sorpreso è la profondità e la forza dello spirito umano”, ha detto Biden ai giornalisti dopo i suoi colloqui con i rifugiati allo stadio, che recentemente è servito da ospedale da campo per i pazienti COVID-19. “Ognuno di questi bambini ha detto qualcosa sull’effetto di: ‘Di’ una preghiera a mio padre, oa mio nonno, oa mio fratello che sta litigando laggiù'”.

READ  Aumentano le proteste anti-hijab in Iran per la morte di una donna sotto la custodia della “polizia morale”

Il presidente ha cercato di sfruttare le ultime ore del suo viaggio in Europa per assicurare alla Polonia che gli Stati Uniti si sarebbero difesi da qualsiasi attacco della Russia, poiché ha riconosciuto che l’alleato della NATO stava sopportando il peso maggiore della crisi dei rifugiati dalla guerra.

“La tua libertà è nostra”, ha detto in precedenza Biden al presidente della Polonia, Andrzej Duda, facendo eco a uno degli slogan non ufficiali di quel paese.

Più di 3,7 milioni di persone sono fuggite dall’Ucraina dall’inizio della guerra e più di 2,2 milioni di ucraini sono entrati in Polonia, anche se non è chiaro quanti siano rimasti lì e quanti siano partiti per altri paesi. All’inizio di questa settimana, gli Stati Uniti hanno annunciato che avrebbero accolto fino a 100.000 rifugiati e Biden ha detto a Duda di aver capito che la Polonia “ha una grande responsabilità, ma dovrebbe essere tutta responsabilità della NATO”.

Biden ha definito l’accordo di “difesa collettiva” della NATO un “impegno sacro” e ha affermato che l’unità dell’alleanza militare occidentale è di fondamentale importanza.

Biden ha detto: “Sono sicuro che Vladimir Putin contasse su una scissione della NATO. Ma non è stato in grado di farlo. Siamo rimasti tutti insieme”.

La sicurezza europea affronta la prova più grave dalla seconda guerra mondiale. I leader occidentali hanno trascorso la scorsa settimana a deliberare sui piani di emergenza nel caso in cui il conflitto si diffondesse. L’invasione ha scosso la NATO da qualsiasi compiacimento potesse provare e ha gettato un’ombra oscura sull’Europa.

Varsavia, con una popolazione di quasi 1,8 milioni di abitanti, è cresciuta di circa il 17% in un mese poiché i rifugiati sono arrivati ​​in gran numero in cerca di riparo.

READ  Continua ad aiutare lo Sri Lanka: Sajith Premadasa fa appello al PM Modi

Sebbene finora i polacchi abbiano accolto gli ucraini, lo sforzo umanitario è in gran parte opera di volontari. Il sindaco di Varsavia, Rafal Trzaskowski, ha avvertito che non è sostenibile e che i servizi sociali stanno vacillando sotto pressione.

Gli Stati Uniti stavano inviando denaro e forniture per aiutare gli sforzi dei rifugiati. Biden questa settimana ha annunciato un ulteriore miliardo di dollari in aiuti oltre all’ammissione dei rifugiati.

Gli Stati Uniti e molti dei suoi alleati hanno imposto molteplici round di sanzioni economiche e di altro tipo a individui, banche e altre entità russe nella speranza che l’effetto cumulativo nel tempo costringerà Putin a ritirare le sue forze.

Ma non è emerso alcun percorso chiaro per porre fine al conflitto. Sebbene i funzionari russi abbiano indicato che concentreranno la loro invasione nella regione del Donbass nell’Ucraina orientale, Biden ha detto ai giornalisti, quando gli è stato chiesto se il Cremlino avesse cambiato la sua strategia, “non sono sicuro di averlo fatto”.

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post Brian vizia Barbarena venendo a casa di Matt Brown
Next Post Echo abbatte Jailer, vincendo la seconda WoW Race consecutiva al primo posto al mondo