Biden ha vinto la tassa globale nel suo primo G-20 da presidente

Il primo giorno del presidente Joe Biden al vertice del G-20 di sabato ha dato il via al raggiungimento da parte del presidente di uno dei suoi obiettivi principali per la conferenza globale: l’introduzione di un’aliquota fiscale minima globale del 15% per i leader mondiali. La Casa Bianca crede che porrà fine alla corsa globale al ribasso sulle aliquote dell’imposta sulle società. La nuova regola sarà formalizzata quando i leader rilasceranno una dichiarazione finale del G-20 domenica, al termine del vertice, con tutti i leader del G-20 che esprimeranno sostegno per le tasse minime globali durante la prima sessione del vertice, ha detto un alto funzionario dell’amministrazione statunitense. intervento sull’importanza di questo storico accordo”, ha detto, riferendosi al ruolo di Biden di parlare durante l’incontro. “Il presidente ha anche detto che mentre non siamo d’accordo con ogni questione, possiamo gestire gli interessi comuni”. Ogni paese deve approvare la propria versione della tassa e potrebbe essere necessario del tempo per implementarla in tutto il mondo. Centotrentasei paesi hanno approvato tale tassa in ottobre e l’approvazione di sabato da parte di 20 delle maggiori economie del mondo è vista come un passo verso l’implementazione globale. All’inizio del vertice, l’accordo è stato la prova della forza del pluralismo. “Abbiamo raggiunto un accordo storico per un sistema fiscale internazionale più equo ed efficiente”, ha affermato Draghi, aggiungendo che questi risultati sono un potente promemoria di ciò che possiamo ottenere insieme. “Questa misura imposterebbe le grandi multinazionali a un’aliquota di almeno il 15% e richiederebbe loro di pagare le tasse nei paesi in cui operano. L’amministrazione Biden ha dato nuova vita all’iniziativa globale all’inizio di quest’anno e ha ottenuto il sostegno di un gruppo di paesi Sette a giugno, aprendo la strada a un primo accordo a luglio: «Secondo noi, questo è più di un semplice accordo fiscale. Rimodellare le regole dell’economia globale “, ha affermato un alto funzionario dell’amministrazione. Gli aspetti del quadro di spesa recentemente svelato di Biden metteranno in atto parte di un regime fiscale minimo globale, anche se il destino di tale misura rimane incerto poiché i democratici contrattano sui tempi. I funzionari dell’amministrazione di Biden hanno ha minimizzato l’impatto delle lotte intestine democratiche sulla capacità di Biden di mobilitare l’agenda dei leader stranieri”, ha affermato l’alto funzionario dell’amministrazione. “Questo è un investimento multi-generazionale e, naturalmente, stiamo cercando di riformare il codice fiscale per pagarlo. E quindi, sai, penso che ci sarà un’ampia comprensione che richiederà tempo”. Sebbene la giornata sia iniziata come una vittoria per Biden, si trova di fronte a un pubblico globale più scettico di quanto non abbia trovato l’ultima volta che si è recato in Europa per incontrare i leader mondiali. Le divisioni all’interno del partito politico di Biden minacciano di sconvolgere la sua intera agenda economica in patria, e Biden stesso ha riconosciuto la credibilità degli Stati Uniti e il futuro della sua presidenza in gioco. Nonostante abbia esortato i legislatori a dargli una vittoria legislativa sulla scena mondiale – in particolare le misure sul cambiamento climatico che gli daranno la sua presenza al vertice sul clima delle Nazioni Unite della prossima settimana – Biden è apparso nella Città Eterna senza un accordo. A ciò si aggiunge la complessità delle domande che alcuni paesi hanno sull’impegno di Biden a lavorare in modo cooperativo su questioni globali sulla scia del caotico ritiro degli Stati Uniti dall’Afghanistan, quando il presidente è arrivato al luogo del vertice sabato mattina, scendendo dalla sua auto e salutando Draghi . Biden ha scattato una foto di famiglia con i leader del G20, insieme agli operatori sanitari italiani che si sono uniti ai capi di stato sul podio, mentre i leader mondiali hanno trascorso sabato pomeriggio a discutere della pandemia di COVID-19, dei problemi della catena di approvvigionamento globale, dell’aumento dei prezzi dell’energia e della lotta alla crisi climatica, Tra gli altri argomenti, Biden ha parlato durante l’incontro e “ha ricordato ai leader del G20 che nuove pandemie potrebbero emergere in qualsiasi momento, quindi è importante rafforzare i sistemi sanitari globali e fare di più per creare un’infrastruttura di sicurezza sanitaria globale per essere sicuri di essere preparati”, ha affermato il funzionario. La necessità di mercati energetici globali equilibrati, ben forniti e competitivi in ​​modo da non minare questo momento cruciale per la ripresa economica. Ha affermato il suo impegno per sradicare la pandemia globale e garantire una ripresa economica globale globale, anche sostenendo paesi in via di sviluppo attraverso la cancellazione del debito”, un alto funzionario dell’amministrazione degli Stati Uniti ha detto venerdì che Biden non interferirà direttamente nelle decisioni dell’OPEC sull’aumento dell’offerta: “Certamente non interferiremo nei dettagli di ciò che sta accadendo all’interno dell’organizzazione, ma abbiamo una voce e intendiamo usarla su una questione che riguarda Sull’economia globale, il funzionario ha detto: “Ci sono grandi produttori di energia che hanno capacità inutilizzate”. “E li incoraggiamo a usarlo per garantire una ripresa più forte e più sostenibile in tutto il mondo”. La politica energetica è stata la massima priorità del presidente in un incontro con il cancelliere tedesco Angela Merkel e il vicecancelliere Olaf Scholz, un potenziale successore della Merkel. Secondo un alto funzionario dell’amministrazione, Biden ha osservato che abbiamo bisogno di vedere un adeguato approvvigionamento di energia in questo momento mentre passiamo a un’economia a lungo termine a emissioni zero” durante la riunione laterale. Il presidente dovrebbe tenere ulteriori incontri bilaterali con leader mondiali a Roma, anche se la Casa Bianca non ha ancora fatto annunci fermi.

READ  Prevedibilità di una pandemia | Notizie di Mumbai

Il primo giorno del presidente Joe Biden al vertice del G-20 di sabato ha dato il via al raggiungimento da parte del presidente di uno dei suoi obiettivi principali per la conferenza globale: passare una tassa minima globale del 15% dai leader mondiali.

Le tasse sono una priorità chiave per Biden, che secondo la Casa Bianca porrà fine alla corsa globale al ribasso sulle aliquote dell’imposta sulle società. La nuova regola sarà formalizzata quando i leader pubblicheranno il comunicato finale del G20 domenica, al termine del vertice.

Un alto funzionario dell’amministrazione statunitense ha affermato che tutti i leader del G-20 hanno espresso sostegno a una tassa minima globale durante la prima sessione del vertice.

“Il presidente ha sottolineato l’importanza di questo storico accordo durante il suo intervento”, ha detto il funzionario, riferendosi al ruolo di portavoce di Biden durante l’incontro. “Il presidente ha anche detto che mentre non siamo d’accordo con ogni questione, possiamo affrontare gli interessi comuni”.

Ogni paese deve approvare la propria versione della tassa e potrebbe volerci del tempo per implementarla in tutto il mondo. Centotrentasei paesi hanno acconsentito a tale tassa A ottobre, l’approvazione sabato da parte di 20 delle più grandi economie del mondo è vista come un passo verso l’implementazione globale.

In un intervento all’inizio del vertice, il primo ministro italiano Mario Draghi, leader del G20 di quest’anno, ha affermato che l’accordo è una prova della forza del multilateralismo.

“Abbiamo raggiunto un accordo storico per un sistema fiscale internazionale più equo ed efficiente”, ha affermato Draghi, aggiungendo che “questi risultati sono un potente promemoria di ciò che possiamo ottenere insieme”.

READ  L'agenzia delle Nazioni Unite dice che Venezia rischia di essere messa nella lista in via di estinzione se non vieta le navi da crociera

Questa misura imposterebbe le grandi multinazionali con un’aliquota di almeno il 15% e imporrebbe loro di pagare le tasse nei paesi in cui operano. L’amministrazione Biden ha dato nuova vita all’iniziativa globale all’inizio di quest’anno e si è assicurata il sostegno delle nazioni del G7 a giugno, aprendo la strada a un accordo provvisorio a luglio.

“Secondo noi, questo è più di un semplice accordo fiscale. È un rimodellamento delle regole dell’economia globale”, ha detto un alto funzionario dell’amministrazione.

I lati di Biden Quadro di spesa svelato di recente Attuerà parte di un regime fiscale minimo globale, anche se il destino della misura rimane incerto mentre i democratici contrattano sui tempi. I funzionari dell’amministrazione Biden hanno minimizzato l’impatto delle lotte intestine democratiche sulla capacità di Biden di mobilitare i leader stranieri.

“Questi leader mondiali sono davvero sofisticati”, ha detto l’alto funzionario dell’amministrazione, “capiscono. C’è un processo complesso in ogni democrazia per fare qualcosa di così ambizioso come seguiamo nella nostra agenda interna”. “Questo è un investimento multi-generazionale e, naturalmente, stiamo cercando di riformare il codice fiscale per pagarlo. E quindi, sai, penso che ci sarà un’ampia comprensione che richiederà tempo”.

All’inizio della giornata con la vittoria di Biden, Biden affronta un pubblico globale più scettico di quanto non abbia trovato l’ultima volta che si è recato in Europa per incontrare i leader mondiali.

si divide All’interno del partito politico di Biden c’è una minaccia Per far deragliare la sua intera agenda economica a casa, lo stesso Biden ha riconosciuto la credibilità degli Stati Uniti e che era in gioco il futuro della sua presidenza. Anche se i legislatori hanno esortato a darloUna vittoria legislativa propagandata sulla scena mondiale – in particolare le misure sui cambiamenti climatici che avrebbero garantito la sua presenza al vertice sul clima delle Nazioni Unite della prossima settimana – Biden è apparso nella Città Eterna senza un accordo. A questa complessità si aggiungono le domande provenienti da alcuni paesi su L’impegno di Biden a lavorare in modo collaborativo su questioni globali Sulla scia del caotico ritiro degli Stati Uniti dall’Afghanistan.

READ  Droni, navi da guerra e navi d'attacco: saranno sufficienti per affrontare il più nuovo hotspot della pirateria al mondo?

Il presidente era arrivato al quartier generale del vertice questa mattina, sabato mattina, ritirandosi dalla sua macchina per essere salutato da Draghi. Biden ha scattato una foto di famiglia con i leader del G20, insieme agli operatori sanitari italiani che si sono uniti ai capi di stato sul podio.

I leader mondiali hanno anche trascorso sabato pomeriggio a discutere della pandemia di COVID-19, dei problemi della catena di approvvigionamento globale, dell’aumento dei prezzi dell’energia e della lotta alla crisi climatica, tra gli altri argomenti.

Biden ha parlato durante l’incontro e “ricorda ai leader del G20 che nuove pandemie possono emergere in qualsiasi momento, quindi è importante rafforzare i sistemi sanitari globali e fare di più per creare l’infrastruttura per la sicurezza sanitaria globale per assicurarci di essere preparati per la prossima pandemia. .” ufficiale ha detto.

“Il presidente ha sottolineato la necessità di mercati energetici globali equilibrati, ben forniti e competitivi per non minare questo momento critico di ripresa economica”, ha affermato il funzionario.

Biden ha anche “riaffermato il suo impegno a porre fine alla pandemia globale e a garantire una ripresa economica globale globale, anche sostenendo i paesi in via di sviluppo attraverso la cancellazione del debito”, ha affermato il funzionario.

Un altro alto funzionario dell’amministrazione ha detto venerdì che Biden non interferirà direttamente con le decisioni dell’OPEC sull’eccesso di offerta: “Di certo non entreremo nei dettagli di ciò che sta accadendo all’interno dell’organizzazione, ma abbiamo una voce e intendiamo usarla su un problema che colpisce l’economia globale”.

“Ci sono grandi produttori di energia che hanno capacità inutilizzate”, ha detto il funzionario. “E li incoraggiamo a usarlo per garantire una ripresa più forte e sostenibile in tutto il mondo”.

La politica energetica è stata la massima priorità del presidente in un incontro con il cancelliere tedesco Angela Merkel e il vicecancelliere Olaf Schulz, un potenziale successore della Merkel. Secondo un alto funzionario dell’amministrazione, “Dobbiamo vedere un approvvigionamento energetico adeguato in questo momento mentre passiamo a un’economia a lungo termine verso un’economia a emissioni zero” durante l’evento collaterale.

Il presidente dovrebbe tenere ulteriori incontri bilaterali con i leader mondiali mentre si trova a Roma, anche se la Casa Bianca deve ancora fare annunci fermi.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Il gruppo Young Thug che sta prendendo i titoli di Outside Lands è stato improvvisamente cancellato
Next Post Mentre Pechino stringe la presa sulle informazioni, la Cina sta sviluppando regole più severe per impedire che i dati lascino i suoi confini