Biden firma un disegno di legge che vieta le importazioni dallo Xinjiang cinese a causa del genocidio uiguro

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha firmato giovedì una legge che vieta le importazioni dalla regione cinese dello Xinjiang a causa delle preoccupazioni sul lavoro forzato, ha affermato la Casa Bianca.

La legge sulla prevenzione del lavoro forzato degli uiguri fa parte della risposta degli Stati Uniti contro il trattamento riservato da Pechino alla minoranza musulmana uigura cinese, che Washington ha definito genocidio.

Il Congresso ha approvato il disegno di legge questo mese dopo che i legislatori hanno raggiunto un compromesso tra le versioni della Camera e del Senato.

La chiave della legislazione è il “presupposto confutabile” che tutte le merci provenienti dallo Xinjiang, dove Pechino ha allestito campi di concentramento per gli uiguri e altri gruppi musulmani, siano fatte con i lavori forzati. Le importazioni sono vietate salvo prova contraria.

Alcuni prodotti – come cotone, pomodori e silicio policristallino usati per realizzare pannelli solari – sono stati classificati come “alta priorità” per le azioni di contrasto.

Leggi | 43 Paesi chiedono alla Cina di rispettare i diritti dei musulmani uiguri

La Cina nega gli abusi nello Xinjiang, che è un importante produttore di cotone e fornisce anche gran parte del materiale globale per i pannelli solari.

La sua ambasciata a Washington non ha risposto a una richiesta di commento.

Nuri Turkel, vicepresidente della Commissione statunitense per la libertà religiosa internazionale, ha dichiarato a Reuters questo mese che l’efficacia della legge dipenderà dalla volontà dell’amministrazione Biden di garantirne l’efficacia, soprattutto quando le aziende cercano deroghe.

Uno dei coautori della legge, il senatore democratico Jeff Merkley, ha affermato che è necessario “inviare un messaggio inconfondibile e clamoroso contro il genocidio e il lavoro forzato”.

READ  Talebani: la famiglia di un ostaggio americano tenuto dai talebani chiede il licenziamento dell'inviato

“Ora… possiamo finalmente garantire che i consumatori e le imprese americane possano acquistare beni senza complicità involontaria nelle orribili violazioni dei diritti umani in Cina”, ha affermato in una nota.

Leggi | Di fronte alle Nazioni Unite sullo Xinjiang, la Cina dice che “le bugie mentono ancora”

Nei suoi ultimi giorni di gennaio, l’amministrazione Trump ha annunciato il divieto di tutti i prodotti a base di cotone e pomodoro nello Xinjiang.

All’epoca, la US Customs and Border Protection stimava che lo scorso anno dalla Cina fossero stati importati circa 9 miliardi di dollari in prodotti di cotone e 10 milioni di dollari in prodotti a base di pomodoro.

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Billy Napier recluta lo staff di addestramento dei Florida Gators, prendendo di mira quattro assistenti chiave della NFL.
Next Post Samsung lancia il suo primo monitor da gioco HDR10+