Bhavani Devi non vede l’ora di lasciare il segno come prima in India nella scherma

Come dovrebbe essere essere gay in uno sport? Per catturare una curiosa attenzione come partecipante e ignorarti come concorrente? Per chiederti se passeresti interi tornei sfidando un’impressionante pietà, o preoccupandoti che gli arbitri non prendano le tue domande abbastanza serie da ottenere una spiegazione?

Mentre sorseggia un cappuccino in un vivace caffè italiano, Bhavani Devi controlla se è stata udibile durante la telefonata, accompagnando ESPN nel suo viaggio dall’estero al registro delle domande. Farà il suo debutto olimpico il 26 luglio. Questa sarà la prima apparizione dell’India nella scherma ai Giochi. Non appare nella medaglia a due cifre del paese proiettata dal suo set di tre numeri, ma nel suo spadaccino bianco zoppo e nella maschera reticolare, entrerebbe nei record dello sport indiano per essere arrivato così lontano.

“Inizialmente, negli eventi internazionali, nessuno sarebbe interessato alla mia presenza”, afferma Bhavani, che è attualmente al 42° posto nel mondo. “Avevano avversari più duri da Russia, Italia e Francia di cui preoccuparsi. Ero l’unico indiano nelle maggiori competizioni, quindi sembrava insolito per la maggior parte delle persone, e ho sempre viaggiato da solo per la maggior parte della mia carriera. La gente veniva spesso a mi chiedevo come stavo correndo da solo. Mi hanno guardato in modo patetico… forse è l’espressione giusta… non mi piaceva molto essere così e volevo essere visto come un normale spadaccino.

“In precedenza, quando non ero sicuro che il ‘tocco’ fosse giusto e in fase di verifica con i giudici, le risposte di solito erano affrettate o sarebbero state ignorate. Potrebbero aver pensato: ‘Beh, cosa sa questa ragazza comunque.’ era ancora nuovo. In questo sport all’epoca. Con più gare, alcuni buoni risultati e la qualificazione olimpica, il modo in cui gli altri mi vedono è cambiato. Adesso c’è più rispetto”.

Da cinque anni Bhavani, (27), di Washermanpet nel nord di Chennai, si allena nella città costiera di Livorno, sulla costa occidentale toscana. Questa volta in campagna ha reso il suo gioco “più calmo”, e ora è “un po’ italiana dentro”, ride l’allenatore Bhavani Nicola Zanotti.

Oltre a perfezionare le ricette della pasta alla carbonara e coltivare basandosi su una versione abbreviata del suo nome, la sua posizione geografica nel centro sportivo aveva i suoi vantaggi. Una base europea ha aperto le porte allo sparring con alcuni dei più grandi nomi di Sabre e allo scambio di pasti con i campioni olimpici.

READ  Korda batte Chikinato a Parma per vincere il suo primo titolo ATP

Durante gli ultimi campi, si è allenata al fianco della schermitrice numero uno al mondo ucraina Olga Kharlan, nonché delle squadre nazionali statunitensi e francesi. Alcune settimane fa, il quattro volte medaglia olimpica Aldo Montana ha invitato Bhavani e Zanotti a cena, quindi ha lanciato un invito alla giovane indiana, dove ha saltato la maggior parte delle partite per la prima volta – un’Olimpiade AMA.

Alla Coppa del Mondo FIE di marzo di quest’anno, dove Bhavani ha confermato la sua qualificazione per Tokyo, Marielle Zagones, il nome più decorato della scherma con la sciabola, l’ha avvicinata per darle qualche consiglio amichevole durante il periodo di riscaldamento. Quattro volte medaglia olimpica e 14 volte sul podio mondiale, Zagonis ha vinto una medaglia d’oro individuale nella scherma femminile ai Giochi di Atene 2004, l’anno in cui l’evento ha fatto il suo debutto olimpico.

Fu anche quando l’undicenne Bhavani si iscrisse alle lezioni di scherma presso la scuola dove erano già stati presi slot in altri sport – boxe, nuoto, ginnastica, squash – e la scherma stava lottando con un alto tasso di abbandono.

Quando il mondo si è fermato l’anno scorso, Bhavani era sul punto di qualificarsi per le Olimpiadi.

“Forse Mariel si sentiva nervosa”, ha ricordato Bhavani dell’evento di qualificazione di Budapest. “Mi ha detto di tagliare tutto e di concentrarmi solo su me stesso. Mi sono detto ‘Wow, è una campionessa olimpica e una concorrente, ma è venuta e ha cercato di aiutarmi.’ Dopo che mi sono qualificata, Marielle e sua madre si sono congratulate con me e hanno detto che erano felici che tutto il mio duro lavoro fosse stato finalmente ripagato. È bello quando le persone rispettano la tua corsa.

“Qualcuno come Montana, che è una leggenda, mi chiama ‘Bunny’, – in effetti è così che mi chiamano la maggior parte degli italiani – e lo vedo allenarsi tutti i giorni, ma non è ancora realistico stare con i più grandi giocatori del nostro sport. Io” Sarò alle mie prime Olimpiadi quest’anno, e lui è al suo ultimo ciclo, quindi è speciale per entrambi”.

“Quando chiudo gli occhi, tutto quello che riesco a immaginare è che sono tutto vestito di bianco. Ci ho passato metà della mia vita, ma non mi annoio mai. Quando la indosso e impugno la spada, mi sento potente. ”

A differenza della corsa o del salto, la scherma non è qualcosa di naturalmente innato. La sciabola, che ha le sue origini nella lotta contro i cavalieri, non riguarda quanto siano feroci gli attacchi, ma quanto spesso e accuratamente siano. È una prova di abilità, non di forza, e deve essere allenata e affinata. La più veloce delle tre aree (chip e stagno sono le altre due) scherma, la spada è l’unico evento che consente il movimento di taglio, contando ovunque sopra la vita (compresa la testa) come area bersaglio e usando qualsiasi parte della lama ( solo mancia) in altri eventi) ritenuto valido.

Zanotti dice che Bhavani è “fisicamente tra i più forti” dei suoi allievi, dotato di un paio di gambe molto forti. Un buon gioco di gambe in una spada può tradursi in una buona distanza, che può quindi comportare una maggiore frequenza di registrazione del tocco.

Quando Bhavani è andata per la prima volta in Italia, aveva circa il 25% di tecnologia, dice Zanotti.

“La sua base era buona ma la scherma in India non è a livello professionale. I suoi movimenti erano molto veloci, quindi attraverso l’allenamento abbiamo dovuto insegnarle a controllare la sua velocità. Dato che ha iniziato un po’ tardi, ha dovuto lavorare tre volte di più di chiunque altro. Questo non è un problema. Bhavani vive per la scherma. La sua eccessiva devozione mi preoccupa e a volte devo ricordarle: “Bhavani ha bisogno di smettere di allenarsi” e nei fine settimana la chiamo per controllarla e le dico di uscire della casa e andate a vedere dei posti”.

Poi si rivela uno strumento motivazionale imbattibile.

“Il nostro paese è una parte così bella del paese. A volte l’intera accademia si riunisce per una cena a base di pizza o invito Bhavani a casa per i pasti con la mia famiglia. Penso che ora sia un po’ italiano all’interno”.

Bhavani ha trascorso quasi sette anni presso la struttura SAI di Thalassery, Kerala, allenandosi in giacche e attrezzature condivise, vivendo per la prima volta lontano da casa e combattendo la paura di dormire da sola, prima di trasferirsi in Italia. Come nella maggior parte delle storie sportive, anche il viaggio di Bhavani deve il suo potere alla madre, in questo caso Ramani. Ha perso suo padre, Sundaramana, che era un sacerdote nel tempio, due anni fa.

“Quando era giovane, anche mia madre voleva fare sport. Voleva diventare un’avvocata e aveva tanti sogni. Ma non ne ha mai avuto la possibilità. I ​​suoi genitori non le hanno permesso di finire la scuola. Ecco perché ha sempre voluto i suoi figli di avere la libertà e il sostegno che non hanno mai avuto. Dopo una partita difficile, so che sta aspettando di sentire la mia voce. Quando sono stato in India qualche mese fa per le Nazionali, non si sentiva bene. Si è ripresa da un grave caso di Covid per il quale ha dovuto essere ricoverata, ma viene comunque a Delhi per incontrarmi A volte mi stupisce quanto coraggio e fede porti”.

Nelle ultime settimane, Bhavani ha pubblicato foto di se stessa sui social media – medaglie aggrovigliate, in piedi sul podio, tornando per accogliere ghirlande, da precedenti uscite di campionato di successo – per presentarsi all’appassionato di sport medio, che probabilmente si sta svegliando con lei Debutto olimpico. Recentemente, ho anche iniziato a usare una maschera colorata con i colori della bandiera nazionale indiana.

“Voglio che le persone conoscano il mio viaggio… come sono arrivata qui”, dice con gioia infantile. “Quando ho visto alcuni altri spadaccini che indossavano i colori della loro bandiera sulle loro maschere, ho pensato che avrei dovuto averli anche io. La gente dovrebbe sapere che anche l’India gareggia nella scherma”.

La sua ossessione per lo sport si accontenta anche di credere nella sua idea di se stessa: una visione coraggiosa in bianco.

“Secondo me, l’unica immagine che ho di me stessa è nel mio kit di scherma”, dice. “Quando chiudo gli occhi, tutto quello che riesco a immaginare è che sono vestito completamente di bianco. Ci ho passato metà della mia vita ma non mi annoio mai. Quando lo indosso e impugno la spada, mi sento potente. Penso di poter essere uno spadaccino migliore, una persona migliore. È quasi come se non ricordassi com’è indossare altre cose”.

Ravenna Bianchi

"Esperto di tv estremo. Fanatico della birra. Amichevole fan del bacon. Comunicatore. Aspirante esperto di viaggi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Una meteora ruggente illumina la Norvegia e potrebbe atterrare un po’ vicino a Oslo
Next Post L’elicottero Mars Creativity della NASA è atterrato per il decimo volo, doppie aspettative