Berlinguer ti voglio bene, la memoria torna al fasto del sublime di Televacca e ad una scommessa…

Berlinguer ti voglio bene, la memoria torna al fasto del sublime di Televacca e ad una scommessa…

Il film del 1977 “Berlinguer ti voglio bene” di Giuseppe Bertolucci, introdotto da Roberto Benigni e Corrado Augias, ha catturato l’attenzione degli spettatori lunedì sera su La7. Il film è stato elogiato per essere privo di remore morali, carico di libertà creativa e franchezza politica.

Durante la presentazione, Benigni ha sottolineato l’uso del linguaggio scurrile toscano nel film e ha parlato della naturalezza viscerale del popolo toscano. Ha anche evidenziato come il comunismo fosse vissuto come una fiaba e ha ricordato Enrico Berlinguer, definendolo amato dal popolo.

Nonostante non abbia ottenuto un grande successo al cinema all’epoca, il film ha recentemente ricevuto un’apprezzamento maggiore. Benigni ha condiviso un aneddoto emozionante in cui prese in braccio Berlinguer durante un’iniziativa per la pace, sottolineando l’impatto che Berlinguer ha avuto sulla politica italiana.

Il film contiene anche situazioni provocatorie su questioni di genere, che potrebbero essere viste in modo diverso oggi. L’opera cinematografica continua a stimolare la riflessione e la discussione su temi politici e sociali importanti.

READ  Viva lItalia anti-fascista. Un grido alla Prima della Scala - Teatro - Buzznews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *