Bambini stranieri costretti a crescere “nell’armadio” chiedendo scuse

I figli di lavoratori stagionali non erano i benvenuti in Svizzera. Questa famiglia jugoslava nella stazione di Zurigo, tornando a casa nel Natale del 1976. Chiave di volta / Strada

Per molti anni migliaia di figli di lavoratori stagionali non hanno potuto vivere in Svizzera con i genitori o hanno dovuto vivere illegalmente. Questo ha lasciato il segno in molte famiglie. Ora un’associazione sta facendo una campagna per l’equità da parte del governo.

Questo contenuto è stato pubblicato il 16 novembre 2021 – 09:00

Questa storia non ha avuto luogo nel Medioevo o in qualche paese lontano, ma in Svizzera, patria della Croce Rossa. È stato un attentato all’integrità della famiglia, e nessuno in quel momento ha alzato la voce per protestare». Questo il discorso di apertura di Egidio Stigliano, vicepresidente dell’Associazione Tesoro, inaugurata ufficialmente il 1° ottobre a Zurigo .

Il gruppo chiede alle autorità svizzere scuse ufficiali e un risarcimento, anche simbolico, alle vittime del programma sui lavoratori stagionali.

Cosa si intende esattamente qui? Il lavoro stagionale è esistito nel corso della storia. Ma per un certo periodo lo status di lavoratore straniero è stato presente in Svizzera. Questo programma, creato con la legislazione federale sul soggiorno degli stranieri nel 1931, faceva parte di una “politica globale dell’immigrazione volta a garantire la necessaria flessibilità alle esigenze dell’economia e allo stesso tempo a scoraggiare l’immigrazione di massa”, secondo il Dizionario storico della SvizzeraLink esterno.

In effetti, l’economia svizzera ha beneficiato molto di questo programma. Ad esempio, le ha permesso di far fronte alle ripercussioni della crisi petrolifera degli anni Settanta. La crisi è stata in parte esportata, semplicemente dalla significativa riduzione di questi contratti commerciali, come si può vedere nel grafico sottostante.

Cosa include effettivamente questo permesso di lavoro? I lavoratori stagionali non potevano rimanere in Svizzera più di nove mesi all’anno, avevano diritto solo a prestazioni limitate in termini di assicurazione sociale e non potevano cambiare lavoro durante la stagione.

Inoltre, il ricongiungimento familiare non è stato negato. In altre parole, le persone che venivano in Svizzera “per la stagione”, soprattutto nei settori dell’ospitalità e dell’edilizia, non potevano portare con sé le loro famiglie. Se la coppia aveva abbonamenti stagionali, doveva lasciare i figli a casa.

Nonostante siano state apportate alcune migliorie (ad esempio, nel 1964, l’Italia ottenne la concessione che dopo cinque stagioni consecutive gli abbonamenti diventassero licenze annuali, che davano diritto al ricongiungimento familiare), questa situazione è continuata fino al 2002, quando è stato abolito lo statuto Stagionale con presentazione . Libera circolazione delle persone tra la Svizzera e l’Unione europea.

Mentre l’economia svizzera ha beneficiato dei lavoratori stagionali, il tipo di status imposto loro ha colpito molte famiglie per tutta la vita.

Molte persone hanno dovuto stare lontane dai propri figli per lunghi periodi di tempo. Tuttavia, molti altri li hanno introdotti illegalmente in Svizzera. Questi bambini dovevano essere tenuti nascosti per evitare di essere scoperti e possibilmente espulsi dalle autorità.

Questa è la situazione che Egidio Stigliano, oggi 61enne neuroterapeuta nel canton San Gallo, nella Svizzera orientale, ha vissuto in prima persona da bambino.

I genitori di Stigliano hanno lasciato la loro regione natale, la Basilicata, nel sud Italia, nel 1963, quando aveva tre anni. Il giorno della loro partenza, la nonna lo portò in campagna, dopo avergli affidato le sue cure, per salutarlo su un treno in corsa. All’epoca non si era accorto che i suoi genitori erano sul treno per la Svizzera. Oggi la sua voce vibra ancora di emozione mentre pensa al dolore della giovane madre e del padre mentre guardavano il loro bambino allontanarsi in lontananza, non sapendo quando lo avrebbe rivisto.

Quando aveva sette anni, sua nonna morì di infarto. I suoi genitori hanno deciso di sfidare la legge e portarlo in Svizzera. Una volta giunti ad Altstätten, a San Gallo, le regole del gioco sono state trasmesse a lui. “Mi hanno detto: ‘Figlio mio, devi stare a casa tutto il giorno, e se vuoi uscire a giocare, devi tornare a giocare nei boschi'”, ricorda.

“Questo bosco in qualche modo è diventato la mia casa, perché lì passavo intere giornate, da solo. Poi quando sentivo la sirena, andavo a nascondermi in una buca che mi ero fatto, pensando che lì nessuno mi avrebbe trovato. Ho sempre pensato che qualcuno verrebbe a portarmi via da mia madre».

C’erano migliaia di altri ragazzi e ragazze come Stigliano, che, soprattutto negli anni Sessanta e Settanta, erano costretti a vivere nell’armadio, come si diceva. Erano come fantasmi. Non ci sono numeri ufficiali, ma alcune stime lo collocano a 15.000 solo negli anni ’70.

“Quello che ricordo di più è la paura”, dice oggi Stigliano.

Un giorno, vedendo una scolaresca nel bosco, decise di non nascondersi più, «perché la voglia di stare con gli altri bambini era diventata troppo per me» e perché «potevano sempre giocare al sole e io doveva stare all’ombra».

Una signora gli si avvicinò e gli parlò in italiano – “probabilmente perché non ero bionda”. Gli ho chiesto come si chiama e cosa ci fa lì.

“Era un’insegnante. È tornata al villaggio e ha denunciato la cosa, solo intenzionata a farmi entrare a scuola”, spiega.

Ma poche ore dopo, la polizia ha bussato alla porta, dicendo che il bambino doveva tornare in Italia. Ma il datore di lavoro di suo padre è intervenuto, lo ha stressato e ha convinto le autorità a permettere a Stigliano di stare con i suoi genitori e persino di andare a scuola. “Oggi ha vinto il capitalismo”, ricorda con una punta di ironia.

Ma il chirurgo è rimasto, ed è ricomparso durante gli scontri, a volte gli incontri, con altre persone che condividono questo passato. Nasce così l’idea dell’associazione Tesoro.

“Non è vendetta o cose del genere. Quello che vogliamo è far riflettere un po’ tutti su questo – anche in termini di attualità, visto come vengono trattati gli immigrati in molti Paesi – e in un certo senso i politici svizzeri, così che niente del genere può accadere. Ancora una volta”, spiega.

A parte le scuse del governo federale, l’associazione chiede un risarcimento per le vittime. Stigliano afferma che sarebbe solo “simbolico”. Personalmente, non userei quella parola [compensation]. Può essere solo un franco. È un aspetto di cui non ci preoccupiamo”.

L’obiettivo è sensibilizzare, come nel caso dei “bambini schiavi”, i bambini orfani e ricoverati costretti ai lavori forzati per conto degli agricoltori fino agli anni ’60 in Svizzera.

Stigliano punta a riconoscere il trauma, anche perché non tutti i bambini coinvolti hanno vissuto l’esperienza illesi, ha detto. E non ultimo, per stimolare la ricerca storica su quegli anni, che oltre a curiosi studi come il libro di Marina Frigerio del 2012 Bambini proibiti Non ha toccato molto l’argomento.

Tuttavia, la questione sarà presto presentata in Parlamento. Samira Marti l’ha ottenuta dal Partito socialdemocratico.

“Dobbiamo rivalutare l’intera questione della criminalizzazione dei figli dei lavoratori stagionali, dal punto di vista dell’opinione pubblica, della politica e della storia”, afferma. “C’è anche la necessità di riconoscere e fare una sorta di aggiustamento simbolico a quella che è stata una violazione dei diritti umani”.

Durante la sessione parlamentare invernale, Marti intende richiedere una dichiarazione in tal senso al Governo. “Poi vedremo quali passi si possono intraprendere, di concerto con l’Associazione Tesoro”.

(Tradotto dall’italiano da Terence McNamee)

READ  Vendite al dettaglio in improvviso crollo in Gran Bretagna; Borse europee in calo - Business Live | un lavoro
Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Finn Wolfhard temeva che il costume di “Stranger Things” potesse sconvolgere il capo di Ghostbusters
Next Post Nova Sinterkard accetta un contratto da 21 milioni di dollari all’anno con gli Angels mentre la curva a destra lascia i Mets