Aumentano le proteste anti-hijab in Iran per la morte di una donna sotto la custodia della “polizia morale”

La morte di Amini ha riacceso gli appelli a frenare le azioni della polizia moralista contro le donne

Teheran:

Nuove proteste sono scoppiate lunedì in Iran per la morte di una giovane donna che è stata arrestata dalla “polizia della moralità” che impone un rigido codice di abbigliamento, secondo quanto riferito dai media locali.

La rabbia dell’opinione pubblica è aumentata da quando le autorità hanno annunciato venerdì che Mahsa Amini, 22 anni, era morta in ospedale dopo tre giorni di coma, dopo essere stata arrestata dalla polizia morale di Teheran durante una visita nella capitale il 13 settembre.

Le manifestazioni si sono svolte a Teheran, anche in diverse università, e nella seconda città di Mashhad, secondo le agenzie Fars e Tasnim.

L’agenzia di stampa degli studenti iraniani (ISNA) ha riferito che i manifestanti hanno marciato in Hijab Street – o “Hijab Street” – nel centro di Teheran, in debito con la polizia della moralità pubblica.

“Diverse centinaia hanno scandito slogan contro le autorità, alcuni di loro si sono tolti il ​​velo”, ha detto Fares, aggiungendo che “la polizia ha arrestato diverse persone e disperso la folla con manganelli e gas lacrimogeni”.

Un breve videoclip pubblicato dall’agenzia di stampa Fars mostrava una folla di dozzine di persone, comprese donne che si erano tolte il velo, e cantava “Morte alla Repubblica Islamica!”

L’agenzia di stampa Tasnim ha riferito che un “raduno simile” ha avuto luogo nella città nord-orientale di Mashhad.

Secondo i rapporti, domenica la polizia ha arrestato e sparato gas lacrimogeni nella regione del Kurdistan abitata da donne, dove circa 500 persone hanno protestato, alcuni hanno rotto i finestrini delle auto e dato fuoco ai bidoni della spazzatura.

READ  Aggiornamento del vaccino contro il Covid 19 di Mumbai: la vaccinazione contro il Covid-19 è stata interrotta a Mumbai a causa della carenza di vaccini; Il sindaco | Notizie di Mumbai

– la rabbia –

Le unità di polizia morale applicano un codice di abbigliamento nella Repubblica islamica che richiede alle donne di indossare il velo in pubblico.

Sono inoltre vietati leggings, jeans strappati, gambaletti e indumenti dai colori vivaci.

La polizia ha insistito sul fatto che non c’era “nessun contatto fisico” tra gli agenti e la vittima.

Lunedì, il capo della polizia di Teheran, il generale Hossein Rahimi, ha affermato che la donna aveva violato il codice di abbigliamento e che i suoi colleghi avevano chiesto ai suoi parenti di portarle “abiti decenti”.

Ha nuovamente respinto le “accuse ingiuste contro la polizia” e ha affermato che “le prove dimostrano che non vi è stata negligenza o comportamento scorretto da parte della polizia”.

“Questo è un incidente sfortunato e non desideriamo vedere di nuovo tali incidenti”, ha aggiunto.

Gli studenti si sono radunati nelle università di Teheran e Shahid Beheshti, chiedendo di “chiarire” come è morto Amini, secondo le agenzie di stampa Fars e Tasnim.

Un portavoce del capo della politica estera dell’Unione europea, Josep Borrell, ha affermato che la morte “inaccettabile” di Amini è stata un “omicidio” in seguito alle ferite riportate durante la custodia della polizia.

Il portavoce ha aggiunto in una dichiarazione che gli autori devono essere ritenuti responsabili e le autorità iraniane devono rispettare i diritti dei suoi cittadini.

La Francia ha affermato che la sua morte è stata “estremamente scioccante” e ha chiesto “un’indagine trasparente … per far luce sulle circostanze di questa tragedia”.

La morte di Amini ha riacceso gli appelli a frenare le azioni della polizia moralista contro le donne sospettate di aver violato il codice di abbigliamento, in vigore dalla Rivoluzione islamica del 1979.

READ  Kunduz: Attentatore suicida uccide 100 persone in una moschea sciita nel nord dell'Afghanistan

Cineasti, artisti, atleti, personalità politiche e religiose hanno utilizzato i social media per esprimere la loro indignazione.

Il presidente Ibrahim Raisi, l’ex capo della giustizia ultraconservatore salito al potere lo scorso anno, ha ordinato un’indagine sulla morte di Amini.

– papà stordito –

Venerdì, la televisione di stato ha trasmesso un breve video di sorveglianza che mostrava una donna di nome Amini che crollava in una stazione di polizia dopo una discussione con una poliziotta.

Il padre della vittima, Amjad Amini, ha detto all’agenzia di stampa Fars che “non ha accettato ciò che (la polizia) gli ha mostrato”, sostenendo che “il film è stato tagliato”.

Ha anche criticato la “risposta lenta” dei servizi di emergenza, aggiungendo: “Penso che Mahsa sia stato portato d’urgenza in ospedale in ritardo”.

E il ministro dell’Interno Ahmed Wahidi ha detto, sabato, di aver ricevuto la notizia che i servizi di emergenza erano arrivati ​​”immediatamente” sul posto.

“Sembra che Mahsa avesse problemi fisici preesistenti e abbiamo rapporti che ha subito un intervento chirurgico al cervello all’età di cinque anni”, ha detto Wahidi.

L’agenzia di stampa Fars ha riferito che suo padre “insiste sul fatto che sua figlia non ha precedenti di malattie e che gode di buona salute”.

(Questa storia non è stata modificata dalla troupe di NDTV ed è generata automaticamente da un feed condiviso.)

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post Potresti pagare $ 15.000 per trasferirti in Sardegna – ecco come
Next Post Episodio 230: L’apprezzamento va a Roger Federer quando annuncia il suo ritiro dal tennis