Attivisti italiani per il clima fanno causa al governo per inerzia

Gli attivisti ambientali in Italia stanno facendo causa al governo per non aver affrontato adeguatamente la crisi climatica nella prima misura legale del paese.

I 203 attori presenteranno sabato il loro caso davanti al tribunale civile di Roma. Vogliono che il tribunale ordini al governo, guidato dal primo ministro Mario Draghi, di adottare politiche più ambiziose sui cambiamenti climatici e di aumentare il suo obiettivo di ridurre drasticamente le emissioni di carbonio.

“Chiediamo alla corte di riconoscere che il governo italiano non sta rispettando il suo obbligo di proteggere la popolazione dai cambiamenti climatici”, ha detto Marica de Berry, portavoce dell’organizzazione ambientalista A Sud e delle sue sussidiarie. regola globale Campagna del giorno del giudizio. “Vogliamo anche che il tribunale ordini all’Italia di fissare un obiettivo di riduzione delle emissioni per il 2030 che è tre volte quello di oggi”.

Nel 2019 l’Italia si è posta un obiettivo del 33% di riduzione delle emissioni di carbonio entro il 2030.

I querelanti, che includono associazioni ambientaliste, cittadini italiani, residenti stranieri e giovani attivisti dell’ala italiana del gruppo di attivisti Fridays for Future, affermano che i governi successivi non sono riusciti ad affrontare seriamente la crisi climatica nonostante la vulnerabilità del paese agli eventi meteorologici estremi.

De Berry ha dichiarato: “L’Italia non è un esempio valido quando si tratta di politiche ambientali… Restiamo molto concentrati sullo sfruttamento delle fonti di combustibili fossili e sul bruciare molta spazzatura piuttosto che sviluppare sistemi di riciclaggio. Il trasporto pubblico è insufficiente – ad esempio, in città come Roma, le auto sono ancora il mezzo principale per andare al lavoro perché non ci sono molte opzioni”.

READ  Trudeau pubblica scuse ufficiali per il trattamento degli italocanadesi durante la seconda guerra mondiale

Impegnato a mettere l’ambiente in cima all’agenda del suo governo, Draghi ha creato un ministero per la “trasformazione ambientale” dopo essere stato nominato primo ministro a febbraio. Circa 59 miliardi di euro (51 miliardi di sterline) degli oltre 200 miliardi di euro che l’Italia riceve dal Fondo per la ripresa economica post-pandemia dell’Unione europea sono stati stanziati per investimenti in iniziative verdi. Il ministro della transizione ambientale Roberto Cingolani ha dichiarato a maggio che uno dei primi compiti sarebbe quello di ridurre la burocrazia che ostacola i progetti di energia rinnovabile, con l’obiettivo di diventare l’Italia “carbon-neutral” entro il 2050.

Tuttavia, gli attivisti affermano che gli obiettivi ambientali delineati nel piano di rilancio dell’Italia, che è stato presentato alla Commissione europea alla fine di aprile, non sono abbastanza ambiziosi.

“Siamo rimasti delusi dal piano perché non abbiamo visto un vero cambiamento”, ha detto De Berry. “C’è una grande narrazione, ma al momento non si traduce in una strategia politica concreta”.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Marek Hamsik, pilastro dell’ascesa della Slovacchia | Gli sport
Next Post Djokovic per il dodicesimo anno consecutivo sulla 4a strada a Parigi