Atletica leggera: Tokyo batte Singapore per ospitare i Campionati Mondiali del 2025

SINGAPORE, 16 luglio (The Straits Times/ANN): I Campionati mondiali di atletica leggera 2025 si sposteranno a Tokyo, salvo la concorrenza di Singapore, Kenya e Polonia, l’organo di governo dell’atletica leggera annunciato dopo una riunione del consiglio a Eugene, nell’Oregon.

Lo Straits Times ha riferito a giugno che la capitale giapponese e la repubblica stavano guidando la candidatura per ospitare l’incontro biennale, che avrebbe iniziato la sua 18a edizione dopo essere stato posticipato di un anno a causa della pandemia negli Stati Uniti. Venerdì.

In risposta alle domande dei media, un portavoce di Sport Singapore (SportSG) si è congratulato con Tokyo e ha aggiunto: “Sebbene la decisione non sia andata nella direzione di Singapore, crediamo che attraverso questo processo di gara abbiamo rafforzato il nostro rapporto con l’atletica mondiale e dimostrato il potenziale per l’atletica leggera in Sud-est asiatico.

“Ci impegniamo a portare eventi sportivi internazionali a Singapore e perseguiremo eventi sportivi in ​​linea con i nostri interessi strategici”.

Sebbene tutte le offerte siano state ritenute “sufficientemente forti e sufficientemente esperte” dal World Athletics Media Report, Tokyo ha ottenuto il punteggio più alto dei quattro candidati nelle valutazioni delle offerte in quattro aree focali.

Queste sono le “potenzialità per una narrativa potente”, le opportunità di generazione di entrate, l’innalzamento del profilo internazionale del gioco e un clima adeguato.

Ha aggiunto che è probabile che Tokyo riempia il suo stadio nazionale di fan che non hanno potuto partecipare alle Olimpiadi del 23 luglio-8 agosto dello scorso anno a causa delle restrizioni di Covid-19.

L’Ungheria ospiterà l’edizione 2023 a Budapest.

Il presidente di World Athletics Sebastian Coe ha dichiarato: “In un campo molto forte di candidati… Tokyo ha fatto un’offerta convincente.

READ  "Possiamo competere con chiunque", il messaggio positivo di Eddie Howe ai giocatori del Newcastle prima del West Ham

“Spero che nel 2025 sarà una luce splendente per il Giappone, che riporterà 100 anni di federazioni di atletica leggera giapponesi alla gente di Tokyo”.

Il presidente di Singapore Athletics Lien Soong Luen, che è a Eugene con il team di candidatura di Singapore, ha affermato che il processo ha contribuito a “rafforzare i legami tra le diverse associazioni di atletica leggera membri” nella regione e in occasione di eventi mondiali di atletica leggera.

“A livello nazionale, le varie parti dell’ecosistema hanno tutte svolto un grande lavoro per offrire un’offerta convincente che riflettesse i numerosi punti di forza di Singapore”, ha aggiunto.

“Questa maggiore fiducia e comprensione ci consentirà di innovare e fornire una forte proposta per il futuro, creando nuove tradizioni atletiche e sportive per Singapore”.

L’agenzia nazionale SportSG ha annunciato a marzo di essersi mossa per ospitare i 20 campionati del mondo con un’offerta chiamata Singapore25.

Il team di valutazione di World Athletics ha visitato Singapore a metà maggio prima di recarsi in Giappone una settimana dopo.

L’asta di Singapore25 ha offerto una prospettiva intrigante per l’atletica leggera mondiale.

La Repubblica vanta le infrastrutture necessarie e strutture di livello mondiale, come lo stadio nazionale da 55.000 posti costruito nel 2014, e fornisce anche una porta d’accesso a un mercato redditizio e precedentemente non sfruttato nel sud-est asiatico.

Singapore25 ha anche collaborato con l’albergatore Ong Peng Seng – l’uomo dietro il successo della gara di Formula 1 del Gran Premio di Singapore – sperando di ottenere un successo simile.

Ma lo sforzo del Giappone è stato forte fin dall’inizio poiché Tokyo ha ospitato i Giochi Olimpici. I due precedenti Giochi Olimpici – Pechino (2008) e Londra (2012) – hanno poi ospitato i Campionati Mondiali rispettivamente nel 2015 e nel 2017.

READ  Oggi 'Quordle' risposte e consigli per sabato 18 giugno

I Campionati del Mondo torneranno in Asia per la sesta volta con Tokyo scelta come città ospitante.

Il Giappone ha ospitato l’incontro due volte in precedenza, a Tokyo (1991) e Osaka (2007), e anche a Daegu, Corea del Sud (2011), Pechino (2015) e Doha (2019). – The Straits Times/ANN

Emanuele Schiavone

"Appassionato ninja della birra. Risolutore di problemi estremi. Pensatore. Appassionato di web professionista. Avido comunicatore. Piantagrane hardcore. "

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post Rehn afferma che il quadro dei tassi della BCE non è chiaro dopo settembre
Next Post Il video virale mostra un’anaconda gigante avvolta attorno a un coccodrillo, una brutale lotta per sopravvivere agli shock di Internet