Aspettando il wifi: il digital divide in Italia

L’ultima volta che un cliente ha provato a pagare con carta presso la drogheria Anna Rita Bunny a Colle di Tora, un piccolo paese fuori Roma, le cose sono diventate un po ‘imbarazzanti.

“Abbiamo dovuto aspettare 15 minuti perché il lettore di schede funzionasse … Nel frattempo, eravamo lì a fissarci”, ha detto ad AFP.

Il suo lettore di schede funziona con il wifi, ma Colle di Tora è una delle città meno connesse in Italia – ed è essa stessa digitalmente arretrata rispetto al resto dell’Unione Europea.

Colmare il divario è una priorità per il premier Mario Draghi e la sua ricerca per rilanciare l’economia italiana, sconvolta dal Coronavirus, con investimenti finanziati dall’Unione Europea.

Lunedì presenterà al parlamento il suo piano per spendere circa 191,5 miliardi di euro (232 miliardi di dollari) in prestiti e sovvenzioni dal Fondo per il recupero post-virus dell’Unione europea da qui al 2026, con la digitalizzazione che dovrebbe essere al centro dell’attenzione.

Per l’Italia, parte della sfida è cambiare posti come Colle di Tora, che non sono tanto isolati dal mondo moderno, quanto sono un po ‘indietro.

– Servizio Weather Stop –

La città medievale, a circa 80 chilometri (50 miglia) a nord-est di Roma, è una località turistica relativamente popolare, situata su un crinale che domina il lago e vicino a cascate, foreste e riserve naturali.

“La situazione qui è buona, ma se hai bisogno di inviare un’email più grande, potrebbero volerci pochi minuti invece di pochi secondi”, ha detto il sindaco Benjaminu Pandolfi.

Fortunatamente, Colle di Tora è su una lista governativa di 200 comuni dedicati allo sviluppo della banda larga in fibra ottica sostenuta pubblicamente.

READ  Il cardinale George Bell sta vivendo una rinascita romana

Questa settimana, i lavoratori stavano posando cavi in ​​fibra ottica in una delle piazze chiave e la società di telecomunicazioni Open Fiber ha dichiarato che la sua connessione Internet ad alta velocità sarebbe stata operativa entro la fine dell’anno.

“Lo accoglieremo a braccia aperte”, ha detto il sindaco.

Attualmente, l’ufficio postale – su cui fanno affidamento i 360 residenti della città per prelevare contanti, poiché non c’è una banca – a volte è chiuso a causa di un guasto di Internet.

Il maltempo può disturbare il segnale ed è anche un problema per la ricezione dei telefoni cellulari e per i servizi di trasmissione televisiva.

La scarsa comunicazione è diventata un problema serio dall’inizio della pandemia, costringendo le persone a trascorrere mesi in casa.

Simona Cardella, proprietaria di un negozio di lavaggio a secco, ha detto che sua figlia adolescente ha incontrato difficoltà con le lezioni online mentre le scuole erano chiuse.

Con le videochiamate, ha detto, “a volte l’audio è spento, a volte il video è spento e, se il tempo è brutto, il segnale viene interrotto completamente”.

Cardilla ha detto che sua figlia a volte non era in grado di scaricare il curriculum o caricare i suoi compiti, ed è stata tagliata per “prendere lezioni tramite WhatsApp”.

– Italia offline –

Il governo vuole che ogni italiano abbia accesso a Internet ad alta velocità entro il 2026, ma ha ancora molta strada da fare.

Quasi un quarto degli italiani non usa internet e un terzo delle famiglie non ha una connessione stabile, secondo i dati diffusi il mese scorso dall’agenzia nazionale di statistica Istat.

READ  L'ultimo Coronavirus: il leader di Singapore chiede una cooperazione globale per evitare infinite ondate di infezione

Nel frattempo, solo il 30% delle famiglie ha avuto accesso alla banda larga di ultima generazione nel 2019, sebbene un aumento di 6,1 punti percentuali rispetto all’anno precedente.

L’Italia, la terza economia più grande della zona euro, si è classificata al quarto posto dal fondo nell’ultimo indice di competitività digitale (DESI) della Commissione europea, superando solo Bulgaria, Grecia e Romania.

Il sindaco Pandolfi osserva che spostare l’ultima generazione di banda larga in aree isolate come Colle Di Tora potrebbe renderle luoghi attraenti per lavorare a distanza.

Per gli altri residenti, questo porterà solo a entrare nel 21 ° secolo.

Il figlio ventiduenne di Bunny, Nicholas, è un giocatore appassionato, ma si lamenta del fatto che possono essere necessari “dai quattro ai cinque giorni” per scaricare un gioco per PlayStation che i suoi amici della Roma possono ottenere in due ore.

Ha detto: “Non è come se non potessi vivere senza”. “Ma se (Internet) fosse un po ‘meglio, sarebbe bello”.

Aa / p / l

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Sfondare il codice astrofisico lavora sulla modellazione rapida delle collisioni stellari
Next Post Almeno 82 morti nell’incendio dell’ospedale Covid a Baghdad: Ministero dell’Interno