Analisi – Meloni e tecnocrati italiani

5/5
©Reuters. Il primo ministro italiano, Giorgia Meloni, parla durante una conferenza stampa per presentare il primo bilancio del suo governo a Roma, in Italia, il 22 novembre 2022. REUTERS/Remo Caselli/File Foto

2/5

Scritto da Giuseppe Fonte e Gavin Jones

ROMA (Reuters) – Dopo aver passato gran parte della sua carriera a opporsi a burocrati ed élite finanziarie, il nuovo primo ministro italiano di destra, Giorgia Meloni, ora deve schierarsi con loro, il che non è un’impresa facile.

Le cose sono iniziate male dopo che ha vinto le elezioni del 25 settembre.

Tre fonti politiche hanno riferito a Reuters di cercare un ministro delle finanze che rassicuri i mercati e i partner europei dell’Italia, bocciate da un membro del Consiglio direttivo della Banca centrale europea, Fabio Panetta, e dal ministro uscente Daniele Franco, ex banca d’Italia ufficiale.

Così, invece di nominare un “tecnocrate” – un funzionario non eletto con le competenze tecniche per fare politica – Meloni ha finito per scegliere il politico di carriera Giancarlo Giorgetti della Lega co-governante.

Panetta e Franco restano a contendersi il prossimo anno il posto di governatore della Banca d’Italia, l’incarico congiunto tra governo, banca centrale e capo dello Stato.

Un portavoce della BCE ha detto che Panetta ha rifiutato di commentare. Franco non era disponibile per un commento. L’ufficio della Meloni non ha risposto a diverse richieste di commento.

Tre funzionari governativi, che hanno rifiutato di essere nominati per la delicatezza della questione, ha detto l’influente direttore generale del Dipartimento del Tesoro, Alessandro Rivera, sono ora nel fuoco incrociato della cerchia ristretta di Meloni. Ma c’è una carenza di valide alternative.

READ  L'Italia sta lottando per pagare mentre il debito garantito dallo Stato sale a 127 miliardi di dollari

Politico profondamente convinto, Meloni si è spesso pronunciato contro l’affidamento dell’Italia ai tecnocrati per risolvere i suoi problemi economici e ha criticato presunte ingerenze da parte dell'”alta finanza internazionale” e dei “burocrati di Bruxelles”.

Tuttavia, per gestire il secondo più grande accumulo di debito in Europa e garantire l’arrivo di miliardi di euro di fondi per la ripresa dalla pandemia dell’UE, è essenziale trovare un modo costruttivo per lavorare con questi potenti responsabili politici, in patria e all’estero.

Il tesoro per crescere

La maggior parte dei funzionari italiani rimane in carica indipendentemente dai risultati elettorali, ma i nuovi governi possono sostituire alcuni capi dipartimento poco dopo il loro insediamento. Di solito vengono riconfermati alti funzionari esperti come Rivera, che è stato direttore generale del Tesoro sotto tre amministrazioni.

Sconosciuto al grande pubblico ma punto di riferimento per la comunità finanziaria e per i funzionari europei, Rivera è considerato troppo indipendente dagli aiutanti di Meloni, scontenti della sua gestione di alcuni importanti dossier finanziari in Italia.

Questi includono la privatizzazione della compagnia aerea nazionale ITA Airways – successore di Alitalia – e gli sforzi per rilanciare la quinta banca più grande del paese Monte dei Paschi di Siena (MPS), di cui il Dipartimento del Tesoro possiede il 64%.

“Rivera ha sostenitori influenti, soprattutto tra i banchieri, ma sembra avere anche potenti nemici nel partito Fratellanza d’Italia di Meloni”, ha detto Francesco Galletti, capo della consulenza sui rischi politici Policy Sonar ed ex funzionario del Tesoro.

Rivera non era disponibile per un commento. Un portavoce del Tesoro ha detto che il suo futuro sarà deciso “a tempo debito”.

READ  I falchi della politica e i tribunali metteranno alla prova la Banca centrale europea e i mercati del debito in euro

In campagna elettorale la Meloni ha chiesto invano al suo predecessore, Mario Draghi, di congelare la cessione della quota di maggioranza di ITA.

Meno di un mese prima delle elezioni, il Dipartimento del Tesoro si è rivolto a un consorzio per colloqui esclusivi guidato dal fondo di private equity statunitense Certares, ma l’accordo è fallito.

Ora la compagnia aerea tedesca Lufthansa ha rinnovato l’interesse, che invertirebbe la rotta tracciata dalla prima squadra di Rivera.

La gente di Meloni era anche scontenta dell’insistenza del Tesoro nell’affrontare i mercati con un aumento di capitale di 2,5 miliardi di euro (2,59 miliardi di dollari) per il Monte Paschi. Alla fine il caso azionario è andato avanti e le prospettive della banca sono migliorate.

respingere

Il viceministro dell’Economia e delle Finanze Maurizio Leo, consigliere della Meloni, ha proposto di dividere il suo dicastero precludendo il Dipartimento delle finanze competente in materia fiscale.

Il piano, annunciato in un’intervista a Reuters, è stato accantonato dopo il respingimento dei funzionari del ministero. Secondo due fonti, il capo dell’Economia, Fabrizia Lapicurella, avrebbe chiesto il trasferimento ad altro ministero.

Labicurella non ha risposto a una richiesta di commento.

Nel mirino della Meloni c’è anche un altro economista di alto livello, Pasquale Tredecco, che dirige l’Inps, l’agenzia statale per le pensioni.

Domenica il ministro della Difesa Guido Crocito della Fratellanza in Italia ha accusato Tredeco, visto come vicino al Movimento 5 Stelle di sinistra, di opporsi ai piani del governo e ha lasciato intendere che non sarebbe stato riconfermato alla fine del suo mandato il prossimo anno.

Uno dei più stretti consiglieri di Meloni ha detto a Reuters che i partiti di centrosinistra avevano nominato molti alti funzionari nei ministeri e nelle aziende statali e che la destra voleva sostituirli con persone del suo campo.

READ  Ritorno della comunità ebraica in Sicilia

Antonino Torricchi, ex alto funzionario del Tesoro e vicepresidente del Monte Paschi, storicamente vicino alla destra italiana, è stato suggerito da alcune fonti governative per sostituire Rivera.

Tuttavia, la scorsa settimana Turicchi è stato nominato capo della compagnia aerea ITA, un lavoro che gli ha impedito di competere per una posizione al Tesoro, almeno per ora.

Un alto funzionario dell’ex governo Draghi ha affermato che Rivera, con i suoi ampi collegamenti internazionali, era l’unica figura al vertice del Tesoro qualificata per il ministro delle finanze Giorgetti, che ha una limitata esperienza internazionale e parla poco inglese.

Secondo la legislazione italiana, Giorgetti ha tempo fino alla fine di gennaio per confermare o rimuovere Rivera. Ma fino ad allora, rimane al centro della politica italiana, aiutando a preparare il bilancio 2023 del governo presentato martedì e accompagnando il ministro al vertice del G20 a Bali la scorsa settimana.

($ 1 = 0,9650 euro)

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post Dal mercato al bicchiere: come sbucciare una melagrana e farne il succo
Next Post La vita privilegiata della figlia di Kim Jong Un