Analisi: la Chiesa cattolica può beneficiare dell’“Estate d’oro” italiana?

analisi delle notizie

Scritto da John L. Allen Jr.

Una persona filma gli anelli olimpici davanti all’orizzonte durante il tramonto a Tokyo il 20 luglio 2021, tre giorni prima dell’apertura ufficiale dei Giochi Olimpici del 2020 (Foto: CNS/Kai Pfaffenbach, Reuters)

ROMA – Tra cinquant’anni, probabilmente, gli italiani saranno ancora vivi e sorridenti ogni volta che si parlerà dell’estate del 2021, quella che oggi viene descritta come la più grande estate della storia dello sport italiano, l'”Estate d’oro”.

Il mese scorso, la Nazionale italiana di calcio – questa volta un’unità inafferrabile composta quasi interamente da non-star, per lo più giovani con qualche veterano, tutte personalità italiane profondamente riconoscibili – ha vinto un estenuante Campionato Europeo, battendo l’Inghilterra in finale. Il loro stadio è lo stadio di Wembley ai calci di rigore.

Gli attacchi di gioia di quella conquista non si placarono nemmeno quando arrivò la domenica. Quel giorno a Tokyo, in un arco di appena dieci minuti, gli atleti italiani conquistarono due medaglie d’oro in due eventi cardine dell’atletica leggera, uno dei quali, i 100 metri, non era stato visto nemmeno da un italiano in finale prima di pieno. 125 anni di storia olimpica moderna. L’Italia ha avuto solo due medaglie d’oro nelle corse su pista di qualsiasi tipo, una risalente al 1960 e l’altra nel 1936.

L’immagine indelebile del torneo di calcio è stata quella dell’allenatore Roberto Mancini e di uno dei suoi assistenti di lunga data e amici intimi, Gianluca Vialli, abbracciati a Wembley dopo la finale, con Vialli che singhiozzava in pubblico.

Ora questa foto sarà per sempre affiancata dallo scatto di Gianmarco Tampere, che ha conquistato l’oro nel salto in alto e poi si è affrettato a guardare la finale dei 100 metri, abbracciando il suo amico Marcel Jacobs dopo che è finito, con espressioni di incredulità e gioia assoluta. sui loro volti.

(Se ve lo state chiedendo, no, “Jacobs” non assomiglia molto a un nome italiano. È nato nel 1994 a El Paso, in Texas, da padre americano e madre italiana, e pochi giorni dopo la sua nascita, il suo madre lo ha riportato a casa. Jacobs ha lasciato scadere la sua cittadinanza americana e non parla davvero inglese.)

Gli americani probabilmente troveranno difficile immaginare il senso di orgoglio nazionale che è derivato da tutto questo. Vinciamo così tanto che quando non vinciamo è fastidioso. D’altra parte, l’Italia non è abituata a vincere sempre, quindi quando lo fa è come vincere alla lotteria, totalmente inaspettata e che cambia la vita.

Pensa a cosa ha passato questo paese dalle ultime Olimpiadi. L’Italia non è riuscita a qualificarsi per le partite del 2016 e, umiliante, non è riuscita a qualificarsi per la Coppa del Mondo 2018. Queste fluttuazioni hanno colpito, soprattutto perché la nazionale di calcio italiana è come il debito civile, una delle pochissime cose che unisce l’intero paese da nord a sud.

READ  Vinales firma per Aprilia MotoGP dopo l'incidente Yamaha

Inoltre, l’Italia è stata la prima e la più colpita in Occidente dalla pandemia di coronavirus. Oltre alla perdita diretta di vite umane, le difficoltà economiche imposte da una serie di blocchi e divieti di viaggio hanno devastato l’industria del turismo, che rappresenta il 12% del PIL del paese e il 13% di tutti i posti di lavoro. Ad oggi, un numero di camerieri, cuochi, guide turistiche, autisti, personale alberghiero, ecc. è ancora disoccupato o sottoccupato. Non c’è quasi una famiglia in questo paese che non abbia perso nessuno a causa della pandemia, che abbia lottato per sostenere un disoccupato o entrambi.

Inoltre, l’Italia ha anche vissuto l’emergere di un nuovo tipo di politica polarizzante e iper-partigiana precedentemente associata agli Stati Uniti, che infiamma vecchie divisioni e ne crea di nuove in modo da allarmare famiglie, comunità, associazioni civiche e luoghi di lavoro. uno contro l’altro.

In questo contesto, sperimentare le cose che tutti gli italiani provano puro, puro orgoglio è stato un tonico patriottico.

Oggi è diventato improvvisamente di moda essere di nuovo italiani. Le persone qui celebrano tutte quelle cose che si fanno da sole – invitando tutta la famiglia a mangiare lasagne, vestirsi elegantemente per una passeggiata in centro, organizzare escursioni al mare o in montagna e persino avere un blocco in gola ogni volta che vedono la bandiera nazionale , il tricolore verde e bianco e il rosso.

Da una prospettiva cattolica, c’è una domanda ovvia su tutto questo: questo nuovo abbraccio delle radici dell’Italia includerà l’andare in chiesa o, almeno, sentirsi un paio di cose in più cattoliche?

Anche qui il periodo del coronavirus è stato duro per i cattolici. La partecipazione alla messa è stata bruscamente interrotta lo scorso marzo quando è stato imposto un divieto di culto pubblico come parte degli sforzi per combattere la pandemia e, sebbene l’osservanza pubblica della messa sia ripresa dopo poco più di due mesi, fino ad oggi, i numeri sono un rifugio sicuro. Sono tornati ai livelli pre-Covid.

C’è da chiedersi se parte della riscoperta di cosa significhi essere italiani implichi riconsiderare il credo che ha definito e sostenuto questo Paese per secoli, molto prima che esistesse la cosiddetta nazione italiana unita. Dopo aver visto l’Italia rivendicare di nuovo la gloria domenica scorsa, gli italiani appariranno alla messa domenica prossima per ringraziare e festeggiare?

Non ne ho idea e, francamente, è probabilmente una possibilità molto lunga. Gli italiani possono aver rotto i loro rosari e le loro carte sacre fino a questi grandi guadagni, ma dubito che sia sufficiente per spingerli di nuovo nelle porte della chiesa.

Quello che so è che la leadership fantasiosa della chiesa ora farà la domanda, magari con una campagna di pubbliche relazioni lampo sulla falsariga di “Dio ci ha regalato un’estate d’oro. Perché non diciamo grazie domenica prossima?”

(Davvero, forse è meglio che facciano ricorso a nome della Madonna, vista la fervida fede mariana degli italiani. Inoltre non so chi detiene i diritti delle foto di Padre Pio, ma buttarlo da qualche parte non sarebbe male o.)

La maggior parte degli americani, o chiunque veramente fuori dall’Italia, potrebbe considerare tutto questo come una questione esclusivamente italiana a cui non hanno interesse. Tuttavia, la verità è che il destino della Chiesa cattolica e dell’Italia è indissolubilmente legato alla storia, alla tradizione e alla Provvidenza. Quando il cattolicesimo fiorisce in Italia, tutta la Chiesa è più forte; Quando ti muovi qui, l’intera chiesa è più debole.

Il tempo dirà se la Chiesa italiana saprà trarre beneficio da quest’epoca di benevolenza. Nel frattempo, come qualcuno che ha reso l’Italia la mia patria adottiva e che ama teneramente questo paese, so che invierò alcuni ringraziamenti domenica prossima.

READ  Olimpiadi di Tokyo 2020: Matt Wern vince l'oro per l'Australia | Notizie sulle Olimpiadi di Tokyo
Ravenna Bianchi

"Esperto di tv estremo. Fanatico della birra. Amichevole fan del bacon. Comunicatore. Aspirante esperto di viaggi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Amazon Alexa fornisce informazioni sui centri di test e sui vaccini COVID-19 agli utenti in India
Next Post Boeing blocca il lancio della capsula dell’equipaggio Starliner alla stazione spaziale