Analisi – Burocrazia, ostacoli politici ostacolano la spinta di Draghi a riformare l’Italia

Le controversie della coalizione ostacolano le riforme fiscali e della concorrenza

* I reclami di routine ostacolano i progetti infrastrutturali

* Modifiche promesse da Draghi in cambio di fondi dell’EU Recovery Fund

* Gli scarsi risultati possono minacciare gli investimenti e la crescita

Scritto da Angelo Amanti, Gavin Jones e Giuseppe Fonte

ROMA (Reuters) – Il presidente del Consiglio Mario Draghi ha fissato un ambizioso calendario di riforme per far ripartire l’economia italiana cronicamente fiacca dopo la pandemia di Covid-19, ma iniziano a intralciarsi divergenze politiche e burocratiche vacillanti.

Il governo sta cercando da settimane di superare le divisioni nella coalizione di governo multipartitica sulla riforma fiscale e sulla legge sulla concorrenza di mercato che Draghi aveva promesso a fine luglio nell’ambito del piano di rilancio della Roma.

Il piano presentato all’Unione Europea ad aprile, investimenti infrastrutturali e riforme per aumentare il potenziale di crescita dell’Italia e ottenere oltre 200 miliardi di euro (234,52 miliardi di dollari) di fondi Ue nei prossimi sei anni.

Lo ha detto giovedì all’incontro annuale Carlo Bonomi, presidente della lobby dei datori di lavoro Confindustria.

Draghi parte alla grande, soddisfacendo i requisiti iniziali necessari per aprire la prima tranche di 25 miliardi di euro, pagata dall’Unione Europea ad agosto.

Ha anche raggiunto un accordo di coalizione per approvare una riforma profondamente controversa del sistema di giustizia penale, mentre nuove regole per accelerare le cause civili sono in via di approvazione in Parlamento.

Tuttavia, dei 51 obiettivi fissati nel piano di ripresa del 2021, 38 sono rimasti per il quarto trimestre e il governo sembra vacillare solo quando deve accelerare.

Uno dei commissari ha detto a Reuters, chiedendo di non essere nominato, che i commissari speciali responsabili della supervisione dei progetti infrastrutturali del piano hanno scritto al governo di recente lamentandosi del fatto che la burocrazia stava ostacolando il loro lavoro.

READ  La carta di vaccinazione CDC funziona per il Green Pass | condizione

Un altro commissario, Pasqualino Monti, responsabile dei porti della Sicilia occidentale, ha avvertito che se la burocrazia statale continuerà a fare da ostacolo ai progetti, “dovremo affrontare un ostacolo insormontabile come la Grande Muraglia cinese”.

In una dichiarazione dopo la riunione del gabinetto di giovedì, il governo ha esortato i ministri a fornire una tabella di marcia per tutti gli interventi necessari e ha affermato che sta studiando nuove misure per accelerare i progetti.

Saranno convocate riunioni di tutti i dipartimenti competenti per monitorare l’andamento del piano nazionale di risanamento ed evidenziare eventuali ostacoli.

Draghi affronta le stesse difficoltà che hanno trattenuto l’Italia per decenni: frammentazione politica, burocrazia e advocacy elettorale quasi costante.

Le principali città, tra cui Roma e Milano, eleggeranno i nuovi sindaci il 3-4 ottobre, e i partiti del governo di unità nazionale di Draghi non sono disposti a intraprendere alcuna azione che possa turbare i loro elettori.

“I problemi che Draghi sta affrontando ora sono inevitabili”, ha detto Eugenio Bizimenti, professore di politica all’Università di Pisa.

“Vivevamo nell’illusione collettiva che un gruppo di tecnocrati potesse aggiustare tutto, ma queste sono decisioni politiche, non tecniche, e sono in gioco interessi contrastanti”.

lealisti nazionali

Ci sono paralleli tra Draghi e Mario Monti, un altro tecnocrate apartitico che ha guidato un’ampia coalizione simile per poco più di un anno dal 2011, quando si è insediato al culmine della crisi del debito.

Monty, come Draghi, è stato inizialmente salutato come il salvatore nazionale, ma dopo aver approvato profondi tagli di bilancio e una rigida riforma delle pensioni, i partiti si sono rivoltati contro di lui, il suo governo ha perso slancio e la sua popolarità personale è diminuita.

READ  Opinione: L'aumento del modello delta rallenterà la ripresa economica, la colpa è dei governi impazienti

Draghi, il cui mandato scade nel 2023, ha un grande vantaggio: mentre Monti ha dovuto fare dei tagli, ha miliardi di euro di spesa extra da stanziare, a condizione che venga mantenuto lo slancio degli investimenti e delle riforme.

L’obiettivo della riforma fiscale differita è semplificare il sistema, ridurre l’imposta sul reddito e ridurre l’evasione, mentre il diritto della concorrenza è necessario per garantire parità di condizioni agli investimenti infrastrutturali nei porti, nelle telecomunicazioni e nella rete elettrica nazionale.

Entrambi sono coinvolti in dispute politiche.

Il governo, che ha affermato che la riforma fiscale non influirà sulle finanze pubbliche, vuole aggiornare il valore imponibile degli immobili italiani, che di solito è ben al di sotto dei valori reali di mercato.

A questo si oppongono la Lega di destra e il partito conservatore Forza Italia di Silvio Berlusconi, che sono i due principali partiti di coalizione.

Entrambi si presentano come leali difensori dei proprietari di case e affermano che il piano del governo è inaccettabile in quanto porterà a un aumento delle tasse abitative.

Difendiamo il diritto di proprietà. “Non è il momento di aumentare le tasse”, ha detto Antonio Tajani, vice capogruppo di Forza Italia.

Simili tensioni stanno ostacolando il diritto della concorrenza, con entrambe le parti che rifiutano i piani per liberalizzare le lucrose concessioni per la gestione di servizi turistici sulle spiagge italiane.

Queste concessioni sono tradizionalmente di proprietà familiare e vengono tramandate di generazione in generazione, nonostante i ripetuti inviti della Commissione europea a offrirle in gare d’appalto aperte.

Il professore di politica Bizmante ha affermato che le enormi differenze nell’alleanza di Draghi significano che tali disaccordi rischiano di peggiorare, portando a ulteriori ritardi e riforme deboli.

READ  È tempo di porre fine alla battaglia tra le aziende farmaceutiche indiane e gli ingredienti chiave cinesi

“Penso che prima o poi Bruxelles ci dirà che non abbiamo fatto quello che abbiamo promesso”, ha detto.

$1 = 0,8528 € Report aggiuntivo di Francesco Zicini, scritto da Gavin Jones, montaggio di Catherine Evans

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Acquario: fermati e fai il punto. Ricorda cosa è successo in passato.
Next Post Ultime: tutte le partite del Day 1 della Rider Cup | gioco nazionale