Amnistia: Amnesty alza la bandiera del Pakistan sulle sparizioni forzate

Islamabad: il perdono Un’organizzazione internazionale ha chiesto alle autorità pakistane di porre fine alla pratica delle sparizioni forzate come strumento della politica statale, sottolineando in un rapporto intitolato “Live Ghosts” diffuso lunedì gli effetti mentali, fisici, sociali ed economici dei rapimenti illegali effettuati dai servizi di sicurezza dello Stato. Famiglie di persone “scomparse”.
Scomparsa forzata – Conosciuta come Pakistan Come persone scomparse – è un atto ampiamente utilizzato in molti paesi che consente ai servizi di sicurezza di arrestare, detenere o rapire una persona contro la sua volontà, negando informazioni sul suo destino. Il rifiuto di riconoscere il destino del rapito è un crimine secondo il diritto internazionale.
All’inizio di questo mese, l’Assemblea nazionale del Pakistan ha approvato un disegno di legge che, per la prima volta nella storia del paese, ha definito e criminalizzato la pratica delle sparizioni forzate. Tuttavia, Amnesty International ha osservato che le riforme proposte per vietare e porre fine a questa pratica non sono conformi al diritto internazionale sui diritti umani e alle migliori pratiche.
Nel suo rapporto basato su interviste con familiari di persone “il cui destino rimane sconosciuto dopo che sono state rapite dai servizi di sicurezza pakistani”, Amnesty International ha affermato che la pratica viola i diritti umani e colpisce la salute mentale e fisica delle famiglie colpite. La situazione finanziaria e la loro sicurezza hanno causato stigma e isolamento sociale.
“La sparizione forzata è una pratica crudele che ha causato dolore indelebile a centinaia di famiglie in Pakistan negli ultimi due decenni”, ha affermato. Avvocato di riabilitazione, Ricercatore ad interim per l’Asia meridionale presso Amnesty International. “Oltre all’indicibile sofferenza di perdere una persona cara e di non avere idea di dove si trovi o della loro sicurezza, le famiglie subiscono altri effetti a lungo termine, tra cui problemi di salute e finanziari”, ha affermato.
Le sparizioni forzate sono state segnalate dalla metà degli anni ’80 in Pakistan, ma lo strumento è stato ampiamente utilizzato dalla “guerra al terrore” iniziata dopo l’invasione statunitense dell’Afghanistan all’indomani degli attacchi dell’11 settembre 2001. The Forced Inquiry La Commissione sulle sparizioni forzate ha dichiarato che il suo rapporto mensile di ottobre afferma di aver documentato 8.191 casi di sparizione forzata, di cui 2.274 irrisolti dal suo inizio nel 2011. Circa 37 casi si sono verificati solo nell’ottobre di quest’anno.
I servizi di intelligence hanno preso di mira difensori dei diritti umani, attivisti politici, studenti e giornalisti e il destino di centinaia di vittime rimane sconosciuto, secondo un rapporto di Amnesty International.
Tra le persone intervistate dall’organizzazione per i diritti umani c’era Inam Abbasi, detenuto per 10 mesi dopo il suo rapimento nell’agosto 2017. La tortura fisica durante la prigionia ha causato una serie di problemi di salute, tra cui dolori articolari cronici, ipertensione e sospetta diffusione. Disturbo da stress traumatico (PTSD), spesso causato da cose di routine come il suono di un campanello. Inaam è stato citato come dicendo: “Penso che qualcuno sia venuto a prendermi di nuovo”.
Zakir Majid, un attivista studentesco baluci nella città sudoccidentale di Quetta, è stato rapito l’8 giugno 2009, mentre era con due suoi amici. Amnesty ha citato la sorella di Majid dicendo che è stata minacciata “la stessa sorte di suo fratello se non fosse rimasta in silenzio”.
In tre casi, secondo il rapporto, i figli dei “scomparsi” hanno dovuto abbandonare la scuola a causa della perdita del reddito familiare. Ha detto che i membri della famiglia hanno segnalato problemi di salute legati allo stress come ipertensione, malattie cardiache e malattie gastrointestinali.

READ  L'Agenzia per la sicurezza nazionale del Pakistan tra gli invitati alla conferenza indiana sull'Afghanistan | Notizie dall'India
Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Jaylan Brown riceve rinforzi celtici come Robert Williams
Next Post Il DLC di Spider-Man non riceve le missioni della storia in Marvel’s Avengers