Allarme supervulcano della Long Valley come “prova di un’imminente eruzione” nella contea della California | scienza | Notizia

Supervulcano della Long Valley: i geologi si chiedono se si stia “svegliando”

Caldera della Valle Lunga È una depressione nella California orientale situata vicino a Mammoth Mountain. Una delle caldere più grandi del pianeta – un’enorme cavità simile a un calderone che si forma dopo un’eruzione vulcanica – è lunga 20 miglia, larga 11 miglia e profonda fino a 3.000 piedi. Si è formato originariamente 760.000 anni fa quando una devastante eruzione vulcanica ha rilasciato cenere calda che in seguito si è raffreddata e ha formato il Bishop tufo, il tufo saldato che caratterizza l’area.

Ash è stato inviato a otto miglia in aria, con depositi che si ritiene siano caduti fino all’est del Kansas.

Nonostante il caos totale che la Valle Lunga potrebbe causare se eruttasse, se ne parla molto poco. Invece, viene prestata maggiore attenzione a Yellowstone, un altro supervulcano situato a centinaia di miglia a nord-est.

Tuttavia, secondo Science Channel, la Long Valley potrebbe essere in procinto di esplodere.

Il supervulcano e la sua attività recente sono stati esplorati durante Channel 2017 documentarioSegreti sotterranei.

Per saperne di più: L’uomo ha scoperto una roccia più preziosa dell’oro

Long Valley Caldera: il supervulcano ha mostrato segni di attività negli ultimi anni (Immagine: Getty/Youtube/Science Channel)

Sorgenti termali: l'attività geotermica in tutta la regione ha creato numerosi laghi termali

Sorgenti termali: l’attività geotermica in tutta la regione ha creato numerosi laghi termali (Immagine: Getty)

Rob Nelson, lo scienziato e narratore dello spettacolo, ha dichiarato: “Ci sono segni preoccupanti di una possibile attività vulcanica.

“E ci sono prove che suggeriscono che un’imminente eruzione è sparsa in questa valle, il sito della seconda più grande eruzione vulcanica esplosiva del Nord America”.

READ  I ricercatori affermano che l'osso intagliato di 51.000 anni è una delle opere d'arte più antiche del mondo

Anche se una recente eruzione vulcanica da Long Valley non è della stessa portata degli eventi precedenti, rappresenta comunque una “minaccia esistenziale” per i milioni che vivono intorno ad essa.

Un’indagine di Science Channel in una parte della valle ha trovato diversi casi di fumo che si alzava dal sottosuolo.

Jared Peacock, un geofisico, ha anche indicato una caratteristica allarmante nella caldera che potrebbe causare problemi utilizzando i dati InSAR che hanno monitorato l’area negli ultimi 20 anni.

InSAR è una tecnologia di telerilevamento che focalizza un raggio di radiazione su un bersaglio, quindi rimbalza su un sensore su un’antenna, creando una mappa dettagliata dell’area.

Mammoth Mountain: la depressione si trova vicino alla maestosa Mammoth Mountain

Mammoth Mountain: la depressione si trova vicino alla maestosa Mammoth Mountain (Immagine: Getty)

Una delle aree più preoccupanti identificate dall’InSAR era molto vicino a Mammoth Lakes, una città nelle montagne della Sierra Nevada.

“Qui nel mezzo, vedete che c’è una cupola emergente”, ha detto il signor Peacock, indicando una mappa generata dai dati.

Viene raffigurato un punto di cottura incandescente situato direttamente sotto la terra, dove è più probabile che si trovi il magma.

“C’è qualcosa sotto che lo spinge verso l’alto”, ha aggiunto Peacock.

Per determinare se la Caldera della Long Valley fosse davvero tornata in vita, il signor Peacock e il signor Nelson hanno installato un paio di tubi sensore direttamente sopra il punto in cui i dati InSAR hanno identificato la cupola emessa, cercando segni di problemi nel sottosuolo.

non perdere

Putin complotto “morto nell’acqua” La Germania critica l’intrusione di gas [REPORT]
Scoperta archeologica: 13 anni scopre un tesoro 1300 aC [INSIGHT]
L’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea “guida l’Europa” con un nuovo progetto rivoluzionario
[ANALYSIS]

READ  Si prevede che un asteroide di 430 piedi sorpasserà la Terra lunedì - CBS Sacramento

Cupola in aumento: Jared Peacock indica la bandiera rossa creata dai dati InSAR

Cupola in aumento: Jared Peacock indica la bandiera rossa creata dai dati InSAR (Foto: YouTube / Canale scientifico)

Magma: i dati hanno indicato che qualcosa come il magma potrebbe spingere in superficie

Magma: i dati hanno indicato che qualcosa come il magma potrebbe spingere in superficie (Foto: YouTube / Canale scientifico)

I tubi hanno aiutato a rivelare i cambiamenti nel campo magnetico terrestre, consentendo agli scienziati di determinare se c’era del fluido nel sottosuolo.

Durante i test, hanno scoperto enormi quantità di liquido sotto la superficie delle cupole: chiari segni di attività vulcanica.

Ma questa attività non era centralizzata, il che potrebbe destare preoccupazione. Piuttosto, è stato disperso e disperso.

Il signor Peacock ha detto: “Possiamo dire definitivamente che non c’è una camera magmatica gigante sotto. Ma c’è un satellite più piccolo intorno all’area”.

Elenco dei vulcani: uno dei vulcani più pericolosi al mondo

Elenco dei vulcani: uno dei vulcani più pericolosi al mondo (Foto: Quotidiani espressi)

Le 5 eruzioni vulcaniche più esplosive di tutti i tempi

La continua eruzione del vulcano La Palma ha ricordato a molti la minaccia rappresentata dai vulcani, distruggendo più di 2.500 edifici e sfollando migliaia di persone.

Ma fortunatamente non può essere paragonata alla peggiore eruzione vulcanica di sempre.

Scopri di più sulle 5 eruzioni vulcaniche più esplosive di tutti i tempi

Ma il rischio di un’eruzione vulcanica non è stato completamente escluso.

Un anno dopo, uno studio è stato pubblicato sulla rivista Science, GeoScienceWorldLa prova della deformazione della Terra è stata trovata nel supervulcano.

I geologi che hanno condotto lo studio hanno scoperto che “il continuo sollevamento suggerisce che il nuovo magma potrebbe essersi intromesso nel serbatoio” almeno dal 1978.

L’elevazione potrebbe essere la prova dello spostamento di roccia fusa o di materiale cristallizzato nelle profondità della Terra.

READ  I calamaretti e i tardigradi stanno andando nello spazio

Attività vulcanica: L'attività fu definitiva e si diffuse sotto la cupola

Attività vulcanica: L’attività fu definitiva e si diffuse sotto la cupola (Foto: YouTube / Canale scientifico)

Lo studio recita: “Nonostante 40 anni di diverse indagini, la presenza di quantità significative di fusione nel serbatoio di magma della Long Valley rimane irrisolta”.

Gli scienziati hanno stimato che il Long Valley Caldera Reservoir contiene “grandi qualità di fusione”, probabilmente superiori a 240 miglia cubiche (1.000 chilometri cubici).

Circa il 27 percento di quella fusione può essere abbastanza caldo da bruciare la roccia liquida.

Secondo l’United States Geological Survey (USGS), la Long Valley ha eruttato per l’ultima volta circa 100.000 anni fa.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post La UEFA sostiene la lotta del Parlamento europeo mentre i ribelli giurano di continuare a combattere
Next Post “Non sono mai stato da questa parte dell’esercito prima d’ora.”